Società

di Mario Adinolfi

L’offensiva gender è in atto: genitori vigilate

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

E Papa Francesco disse: “Occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma capaci di creare un ambiente idoneo al suo sviluppo e alla sua maturazione affettiva. Continuando a maturare nella relazione, nel confronto con ciò che è la mascolinità e la femminilità di un padre e di una madre, e così preparando la maturità affettiva. Ciò comporta al tempo stesso sostenere il diritto dei genitori all’educazione morale e religiosa dei propri figli. E a questo proposito vorrei manifestare il mio rifiuto per ogni tipo di sperimentazione educativa con i bambini. Con i bambini e i giovani non si può sperimentare. Non sono cavie da laboratorio! Gli orrori della manipolazione educativa che abbiamo vissuto nelle grandi dittature genocide del secolo XX non sono spariti; conservano la loro attualità sotto vesti diverse e proposte che, con pretesa di modernità, spingono i bambini e i giovani a camminare sulla strada dittatoriale del pensiero unico. Mi diceva, poco più di una settimana fa, un grande educatore: .A volte, non si sa se con questi progetti – riferendosi a progetti concreti di educazione – si mandi un bambino a scuola o in un campo di rieducazione’”. Non sono chiacchiere quelle di Papa Francesco. Le scuole stanno diventando campi di rieducazione dell’ideologia del gender. In Francia Artè ha realizzato questo documentario http://vimeo.com/87557437 che inneggia all’esempio della scuola svedese dove, con tanto di insegne esposte della bandiera arcobaleno, spiegano che c’è lui, c’è lei e c’è il genere neutro rappresentato dal pronome “hen”. Va guardato, il documentario, anche solo per pochi minuti: vedrete in azione il campo di rieducazione a cui faceva riferimento il Papa. Sempre in Francia si usano i bimbi in un video per affermare che “lui” e “lei” sono condizioni indifferenti, interscambiabili, una mera decisione da assumere in libertà prescindendo dalla propria sessualità alla nascita. Dice bene Eugenia Roccella presentando questo video http://youtu.be/K3IPebtHRno : affermare l’interscambiabilità del maschile e del femminile, l’indifferenziazione sessuale fino all’affermazione del “genere neutro”, la fluidità e modificabilità dell’identità sessuale, è l’approccio ideologico con cui si vuole abbattere la verità per cui un bimbo nasce sempre e solo da un uomo e da una donna. Per la precisione nasce da una mamma e negare a un bimbo la propria mamma è un crimine. L’affermazione dell’interscambiabilità del maschile e del femminile, fin dalle scuole trasformate in “campi di rieducazione”, serve a far crescere una generazione già pronta all’abolizione persino dei termini “mamma” e “papà” per far spazio al politically correct del “genitore 1” e “genitore 2”. La produzione massiccia di materiale giornalistico, educativo, pedagogico, audiovisivo prono a questa ideologia del gender arriva addosso a tutti noi come una valanga. E’ arrivata nelle scuole italiane con i famigerati libretti dell’Unar e i genitori devono prestare la massima attenzione. Prestando attenzione, li hanno bloccati. Ma per quanto tempo? Il paradosso è che per educare al rispetto alla diversità viene scelta in malafede la strada dell’inculcare un’idea di indifferenziazione sessuale, di omologazione tra maschile e femminile, che oltre a essere non vera è anche brutalmente opposta all’intento proclamato. Per educare alla diversità si afferma che è “uno stereotipo” che la Principessa si innamori del Principe Azzurro, che mamma e papà vadano a fare la spesa come premessa anche solo di un problemino di matematica da risolvere, che “occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma”. Che tipo stereotipato che è ‘sto Papa Francesco eh? Cari genitori, occhi aperti. Non è vero che lui e lei siano interscambiabili. Non è vero che maschio è uguale a femmina. Non è vero che si decide se essere maschio o femmina. Non è vero che un bimbo nasce da due papà e non nasce nemmeno da due mamme. Lo sapete bene, perché sapete bene da chi è nato vostro figlio, vostra figlia, i vostri figli. Fate in modo che pochi cattivi maestri non li mandino in confusione, con il loro ciarpame ideologico privo di pudore.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/11/2014
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Brittany e l’eutanasia

Ero a Radio 24 stamattina e sono stato interrogato sul caso Brittany, la ragazza malata di tumore che si è suicidata in Oregon nel plauso generale di stampa, televisioni, radio di tutto il mondo.

Leggi tutto

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Società

Per la famiglia si paga prezzo

In migliaia a Milano a difesa dei valori, una festa gioiosa “sporcata” da un giornalismo mistificatore

Leggi tutto

Politica

Il presidente cattolico dopo Napolitano

Ha chiuso Europa, chiude tra qualche giorno La Padania, voi capirete che l’idea di mandare in edicola La Croce - Quotidiano diventa terrorizzante.

Leggi tutto

Società

La fine del tour VLM 2014 e i preziosi insegnamenti

La Parola mi ha spiegato tutto. Dentro un Duomo bello da far piangere un prete con i paramenti leggeva: “Egli non era la luce, ma doveva rendere testimonianza alla luce”.

Leggi tutto

Media

Con più fantasia, non con meno

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano