Società

di Mario Adinolfi

L’offensiva gender è in atto: genitori vigilate

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

E Papa Francesco disse: “Occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma capaci di creare un ambiente idoneo al suo sviluppo e alla sua maturazione affettiva. Continuando a maturare nella relazione, nel confronto con ciò che è la mascolinità e la femminilità di un padre e di una madre, e così preparando la maturità affettiva. Ciò comporta al tempo stesso sostenere il diritto dei genitori all’educazione morale e religiosa dei propri figli. E a questo proposito vorrei manifestare il mio rifiuto per ogni tipo di sperimentazione educativa con i bambini. Con i bambini e i giovani non si può sperimentare. Non sono cavie da laboratorio! Gli orrori della manipolazione educativa che abbiamo vissuto nelle grandi dittature genocide del secolo XX non sono spariti; conservano la loro attualità sotto vesti diverse e proposte che, con pretesa di modernità, spingono i bambini e i giovani a camminare sulla strada dittatoriale del pensiero unico. Mi diceva, poco più di una settimana fa, un grande educatore: .A volte, non si sa se con questi progetti – riferendosi a progetti concreti di educazione – si mandi un bambino a scuola o in un campo di rieducazione’”. Non sono chiacchiere quelle di Papa Francesco. Le scuole stanno diventando campi di rieducazione dell’ideologia del gender. In Francia Artè ha realizzato questo documentario http://vimeo.com/87557437 che inneggia all’esempio della scuola svedese dove, con tanto di insegne esposte della bandiera arcobaleno, spiegano che c’è lui, c’è lei e c’è il genere neutro rappresentato dal pronome “hen”. Va guardato, il documentario, anche solo per pochi minuti: vedrete in azione il campo di rieducazione a cui faceva riferimento il Papa. Sempre in Francia si usano i bimbi in un video per affermare che “lui” e “lei” sono condizioni indifferenti, interscambiabili, una mera decisione da assumere in libertà prescindendo dalla propria sessualità alla nascita. Dice bene Eugenia Roccella presentando questo video http://youtu.be/K3IPebtHRno : affermare l’interscambiabilità del maschile e del femminile, l’indifferenziazione sessuale fino all’affermazione del “genere neutro”, la fluidità e modificabilità dell’identità sessuale, è l’approccio ideologico con cui si vuole abbattere la verità per cui un bimbo nasce sempre e solo da un uomo e da una donna. Per la precisione nasce da una mamma e negare a un bimbo la propria mamma è un crimine. L’affermazione dell’interscambiabilità del maschile e del femminile, fin dalle scuole trasformate in “campi di rieducazione”, serve a far crescere una generazione già pronta all’abolizione persino dei termini “mamma” e “papà” per far spazio al politically correct del “genitore 1” e “genitore 2”. La produzione massiccia di materiale giornalistico, educativo, pedagogico, audiovisivo prono a questa ideologia del gender arriva addosso a tutti noi come una valanga. E’ arrivata nelle scuole italiane con i famigerati libretti dell’Unar e i genitori devono prestare la massima attenzione. Prestando attenzione, li hanno bloccati. Ma per quanto tempo? Il paradosso è che per educare al rispetto alla diversità viene scelta in malafede la strada dell’inculcare un’idea di indifferenziazione sessuale, di omologazione tra maschile e femminile, che oltre a essere non vera è anche brutalmente opposta all’intento proclamato. Per educare alla diversità si afferma che è “uno stereotipo” che la Principessa si innamori del Principe Azzurro, che mamma e papà vadano a fare la spesa come premessa anche solo di un problemino di matematica da risolvere, che “occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma”. Che tipo stereotipato che è ‘sto Papa Francesco eh? Cari genitori, occhi aperti. Non è vero che lui e lei siano interscambiabili. Non è vero che maschio è uguale a femmina. Non è vero che si decide se essere maschio o femmina. Non è vero che un bimbo nasce da due papà e non nasce nemmeno da due mamme. Lo sapete bene, perché sapete bene da chi è nato vostro figlio, vostra figlia, i vostri figli. Fate in modo che pochi cattivi maestri non li mandino in confusione, con il loro ciarpame ideologico privo di pudore.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/11/2014
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

In Italia un bambino ucciso ogni 5 minuti, nel ventre materno

La mia ossessione per i numeri m’ha fregato ancora una volta.

Leggi tutto

Media

Non ci faremo intimidire

C’è un risvolto fastidioso della falsa notizia diffusa da Repubblica che sta rimbalzando praticamente su tutti i media (oggi l’ho sentita in radio al Ruggito del Coniglio e ieri l’ho letta persino in un editoriale di Giuliano Ferrara sulla versione on line de Il Foglio) secondo la quale con i miei amici Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano daremmo vita sabato a Milano a un convegno che avrebbe come obiettivo quello di “curare i gay”.

Leggi tutto

Politica

Almeno lasciate stare il Nazareno

Lo definiscono “il nuovo patto del Nazareno” e Silvio Berlusconi l’ha annunciando dicendosi favorevole a varare con Matteo Renzi una legge di equiparazione al matrimonio per le unioni gay, con tanto di “stepchild adoption”, cioè con il via libera all’utero in affitto anche se (ipocritamente) solo se utilizzato per operazioni di compravendita di neonati realizzate fuori dai confini nazionali.

Leggi tutto

Media

Cento anni di massacri di cristiani nel mondo

La vulgata corrente, ogni volta che si prova a parlare dei 105mila cristiani che ogni anno sono uccisi nel mondo, riporta sempre frasi del tipo: “E allora voi con l’Inquisizione? E allora le streghe bruciate, le crociate, i colonizzatori del Cinquecento?”.

Leggi tutto

Politica

Al senatore Sergio Lo Giudice, ex presidente arcigay

Ho letto che contro il nostro convegno di sabato 17 a Milano il senatore Sergio Lo Giudice, già presidente dell’Arcigay e per questo premiato con un seggio a Palazzo Madama, intende presentare una interrogazione parlamentare per “salvare l’Expo da questo catastrofico danno di immagine e l’Italia da una pessima figura internazionale”.

Leggi tutto

Storie

Il prezzo da pagare

Metto le mie cose di nuovo in valigia, domani si va a Napoli a testimoniare verità e presentare Voglio la mamma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano