Politica

di Mario Adinolfi

Il presidente cattolico dopo Napolitano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ha chiuso Europa (sono davvero dispiaciuto, è il giornale su cui ho scritto per tanti anni, solidale con tutti i colleghi e con il bravissimo direttore Stefano Menichini), chiude tra qualche giorno La Padania (non condivido molte cose leghiste, ma sono solidale con la direttora Aurora Lussana e soprattutto con Matteo Salvini vittima di una aggressione più che vergognosa, più che vigliacca), voi capirete che l’idea di mandare in edicola La Croce - Quotidiano diventa terrorizzante. Anche perché sia Europa che La Padania per tanti anni hanno goduto di ingenti finanziamenti pubblici, noi non chiederemo un euro allo Stato e dal 13 gennaio, giorno in cui saremo in edicola, sopravviveremo semplicemente se avremo abbastanza abbonati, abbastanza lettori, abbastanza inserzionisti pubblicitari. Dicono che sia impresa impossibile. Vedremo.

Ma non è di questo che si voleva parlare qui oggi. Tra le tante cose che racconteremo dal 13 gennaio, tra le tante storie di vita e di famiglia, ci sarà anche una vicenda pubblica che seguiremo con attenzione: l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Pare proprio che il discorso di Capodanno segnerà la fine del mandato di Giorgio Napolitano (se lo scrive in prima pagina Stefano Folli su Repubblica è perché a Folli qualcuno ha detto che può scriverlo o forse ha proprio detto di scriverlo). L’elezione del nuovo Capo dello Stato sarà un passaggio cruciale.

Credo che sarà eletto un cattolico dell’Emilia Romagna. Non solo perché è tradizionale l’alternanza laici-cattolici al Quirinale e perché un presidente emiliano non c’è mai stato, ma anche perché la ragion politica dice che si oscillerà per le esigenze renziane tra Dario Franceschini e Pierferdinando Casini nel caso il patto del Nazareno dovesse reggere, si virerà dalle parti di Romano Prodi se invece il presidente dovesse essere eletto da un asse Pd-M5S. I giornali si divertono con l’ipotesi “presidente donna”, che certamente è opzione molto renziana, ma i nomi che circolano (Pinotti, Severino, Finocchiaro) sembrano per ragioni diverse piuttosto deboli.

Racconteremo tutto quel che accadrà, tutti i retroscena, vi spiegheremo i segreti di un’elezione delicatissima che segnerà il settennato 2015-2022. Sette anni cruciali in cui a un presidente cattolico potrebbero essere sottoposti provvedimenti di legge contro la vita e contro la famiglia. E noi ogni giorno ricorderemo al neopresidente che prima della ragion politica viene la coscienza e Re Baldovino del Belgio è un esempio. Spiegheremo tutto. Keep in touch.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/11/2014
1701/2020
Sant'Antonio abate

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

In Italia un bambino ucciso ogni 5 minuti, nel ventre materno

La mia ossessione per i numeri m’ha fregato ancora una volta.

Leggi tutto

Media

Non ci faremo intimidire

C’è un risvolto fastidioso della falsa notizia diffusa da Repubblica che sta rimbalzando praticamente su tutti i media (oggi l’ho sentita in radio al Ruggito del Coniglio e ieri l’ho letta persino in un editoriale di Giuliano Ferrara sulla versione on line de Il Foglio) secondo la quale con i miei amici Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano daremmo vita sabato a Milano a un convegno che avrebbe come obiettivo quello di “curare i gay”.

Leggi tutto

Politica

Almeno lasciate stare il Nazareno

Lo definiscono “il nuovo patto del Nazareno” e Silvio Berlusconi l’ha annunciando dicendosi favorevole a varare con Matteo Renzi una legge di equiparazione al matrimonio per le unioni gay, con tanto di “stepchild adoption”, cioè con il via libera all’utero in affitto anche se (ipocritamente) solo se utilizzato per operazioni di compravendita di neonati realizzate fuori dai confini nazionali.

Leggi tutto

Media

Cento anni di massacri di cristiani nel mondo

La vulgata corrente, ogni volta che si prova a parlare dei 105mila cristiani che ogni anno sono uccisi nel mondo, riporta sempre frasi del tipo: “E allora voi con l’Inquisizione? E allora le streghe bruciate, le crociate, i colonizzatori del Cinquecento?”.

Leggi tutto

Politica

Al senatore Sergio Lo Giudice, ex presidente arcigay

Ho letto che contro il nostro convegno di sabato 17 a Milano il senatore Sergio Lo Giudice, già presidente dell’Arcigay e per questo premiato con un seggio a Palazzo Madama, intende presentare una interrogazione parlamentare per “salvare l’Expo da questo catastrofico danno di immagine e l’Italia da una pessima figura internazionale”.

Leggi tutto

Storie

Il prezzo da pagare

Metto le mie cose di nuovo in valigia, domani si va a Napoli a testimoniare verità e presentare Voglio la mamma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano