Politica

di Mario Adinolfi

Il presidente cattolico dopo Napolitano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ha chiuso Europa (sono davvero dispiaciuto, è il giornale su cui ho scritto per tanti anni, solidale con tutti i colleghi e con il bravissimo direttore Stefano Menichini), chiude tra qualche giorno La Padania (non condivido molte cose leghiste, ma sono solidale con la direttora Aurora Lussana e soprattutto con Matteo Salvini vittima di una aggressione più che vergognosa, più che vigliacca), voi capirete che l’idea di mandare in edicola La Croce - Quotidiano diventa terrorizzante. Anche perché sia Europa che La Padania per tanti anni hanno goduto di ingenti finanziamenti pubblici, noi non chiederemo un euro allo Stato e dal 13 gennaio, giorno in cui saremo in edicola, sopravviveremo semplicemente se avremo abbastanza abbonati, abbastanza lettori, abbastanza inserzionisti pubblicitari. Dicono che sia impresa impossibile. Vedremo.

Ma non è di questo che si voleva parlare qui oggi. Tra le tante cose che racconteremo dal 13 gennaio, tra le tante storie di vita e di famiglia, ci sarà anche una vicenda pubblica che seguiremo con attenzione: l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Pare proprio che il discorso di Capodanno segnerà la fine del mandato di Giorgio Napolitano (se lo scrive in prima pagina Stefano Folli su Repubblica è perché a Folli qualcuno ha detto che può scriverlo o forse ha proprio detto di scriverlo). L’elezione del nuovo Capo dello Stato sarà un passaggio cruciale.

Credo che sarà eletto un cattolico dell’Emilia Romagna. Non solo perché è tradizionale l’alternanza laici-cattolici al Quirinale e perché un presidente emiliano non c’è mai stato, ma anche perché la ragion politica dice che si oscillerà per le esigenze renziane tra Dario Franceschini e Pierferdinando Casini nel caso il patto del Nazareno dovesse reggere, si virerà dalle parti di Romano Prodi se invece il presidente dovesse essere eletto da un asse Pd-M5S. I giornali si divertono con l’ipotesi “presidente donna”, che certamente è opzione molto renziana, ma i nomi che circolano (Pinotti, Severino, Finocchiaro) sembrano per ragioni diverse piuttosto deboli.

Racconteremo tutto quel che accadrà, tutti i retroscena, vi spiegheremo i segreti di un’elezione delicatissima che segnerà il settennato 2015-2022. Sette anni cruciali in cui a un presidente cattolico potrebbero essere sottoposti provvedimenti di legge contro la vita e contro la famiglia. E noi ogni giorno ricorderemo al neopresidente che prima della ragion politica viene la coscienza e Re Baldovino del Belgio è un esempio. Spiegheremo tutto. Keep in touch.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/11/2014
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il primo Natale di Gammy, nato come se fosse Betlemme

Ieri Gammy ha compiuto un anno e si appresta a vivere nel villaggio a cento chilometri da Bangkok dove abita il suo primo vero Natale con la giovane mamma Goy e con suo marito che gli fa da papà.

Leggi tutto

Chiesa

Non ci dividerete

La Chiesa ha “aperto ai gay”? Le titolazioni dei quotidiani sembrano non riuscire a trovare altra sintesi dopo la lettura della “Relatio post disceptationem” del cardinale Peter Erdo al Sinodo sulla famiglia.

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Media

Per contrastare un’informazione criminale

Dal 13 gennaio manderemo in edicola questo nostro quotidiano chiedendo ai lettori di non utilizzarlo come “secondo giornale”, ma di sostituirlo alla lettura abituale dell’informazione criminale di Repubblica, del Corriere della Sera, del Giornale.

Leggi tutto

Politica

Lucia, Benedetta e Olga persone dell’anno

Fossimo già in edicola dedicheremmo la copertina alla Persona dell’anno un po’ come fa Time, perché siamo megalomani. La rivista americana ha scelto per il 2014 i medici che curano l’ebola, ha assegnato un riconoscimento collettivo, mi sembra assai sensato.

Leggi tutto

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano