Media

di Mario Adinolfi

Con più fantasia, non con meno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati. La mia amica Elisa Calessi scrive che è una gran mossa editoriale invece, perché mai s’è parlato così tanto di Tv2000, la tv dei vescovi appunto. Vero, ha ragione Elisa. Se ne è parlato. Ne stiamo parlando anche qui, persino su un giornale che per ora non esiste se non sui social network (dal 13 gennaio siamo in edicola però, fate un circoletto rosso sul calendario).

Il problema è la banalità. Il problema è che Paolo Ruffini e Alessandro Sortino, direttore e vicedirettore di Tv2000 che hanno fatto tanta televisione, ci ripropongono lo schema della televisione a cui sono abituati. Vuoi far parlare? Gioca con il “contrasto di sapori”, con “quello che non t’aspetti”. Ficca la suora nel talent show decotto che altrimenti nessuno guarderebbe. Poi vuoi farle vendere il disco? Falle cantare “Like a Virgin”, gioca sull’ambiguità, in fondo la cantava Madonna, che con i video che simulavano atti sessuali in chiesa e canzoni come “Like a prayer” ha costruito un impero. Metti il prete accanto al cruciverbone, alle tette e ai culi, manda frate Cionfoli nel regno delle canzonette sceme. Così quello impazzisce e noi con lui. Ma l’effetto è garantito. Sono trent’anni che funziona così la televisione e il mondo dell’intrattenimento, tutti vogliono fare Madonna: zozzerie in paramento sacro. Per far soldi e “far parlare”.

Ho fatto tv molto a lungo, come Ruffini e come Sortino, ne conosco i meccanismi. Ho avuto Luxuria ospite quando conducevo la prima trasmissione “seria” mandata in prima serata da Mtv. La recita era sempre la stessa: allora Luxuria era “il trans in Parlamento”. Il contrasto di sapori, quello che non t’aspetti. Funzionava. Come Madonna, ci ha costruito su, sapientemente. Ieri appena ha saputo del mio disappunto per l’invito a diventare opinionista della tv dei vescovi, ha subito twittato dicendomene peste e corna, facendosi seguire da quello stormo di teppisti Lgbt della rete che ormai intimidiscono chiunque osi opporre un ragionamento contrario al pensiero unico sull’argomento. Luxuria twittandomi direttamente contro sperava di ottenere repliche e scatenare un “flame”, una polemica. Mi sono astenuto da qualsiasi replica. Ho fatto tv molto a lungo e più a lungo ho frequentato la rete. Ripeto, ne conosco i meccanismi. La ricerca ossessiva di visibilità di questi figuri mi ha stancato. Ormai non replico mai.

Insomma, possiamo decidere questo, d’essere “più papisti del Papa” in una traduzione libera e offensiva del magistero di Papa Francesco, che per me invece è il Pontefice che alla conclusione del sinodo dei vescovi ammoniva a “resistere alla tentazione di scendere dalla Croce per compiacere il mondo”. Oppure possiamo scegliere anche mediaticamente la via più stretta, quella di parlare con il cuore, di non fare giochini da esperti di televisione, di non essere banali. Alla fine di ogni serata di presentazione di Voglio la mamma o di ogni evento con i miei amici moschettieri contro i falsi miti di progresso, scendo dal palco del teatro o del palazzetto che ci ospita fradicio di sudore. Non è molto televisivo, il sudore. Di solito c’è una truccatrice pronta a tamponartelo a ogni break, non devi mai “sembrare lucido” (è il gergo televisivo, ma pare un invito ad essere sempre ambigui, confusi). Proprio ieri mi ha scritto una ragazza che ha assistito alla serata al Palacongressi di Loreto: “Mi hai conquistata, ma non perché parli bene, tanti sono capaci di farlo. Mi hai conquistata perché parli con il cuore e si vede”.

Capisco il lavoro che stanno facendo Ruffini e Sortino, devono far parlare di Tv2000, devono sorprendere. Ma sommessamente consiglio di farlo con più fantasia, non con meno. E’ banalotto l’escamotage di far fare a Luxuria l’opinionista alla tv dei vescovi, a un trans che non più tardi di tre settimane fa accusava la moglie del premier Agnese Renzi di essere “una cattolica bigotta” responsabile del mancato via libera del marito alla legge sulle unioni gay (la poverina sull’argomento non ha mai fiatato) esaltando invece dal gay village Francesca Pascale che sul tema aveva preso il dominio di Silvio Berlusconi. Ruffini e Sortino, è una scelta priva di cuore, priva di sudore, solo un trucchetto tecnico per far parlare. E’ Madonna, è la suora al talent show. Sì, se ne parla. Sì, dà una riattizzata agli ascolti. Ma è un trucco.

Il cuore e il sudore sono senza trucco. Sulle questioni nodali della nascita, dell’amore e della morte meglio far parlare il cuore e il sudore. Se i cattolici italiani si faranno prendere da questi complessi per cui bisogna stare attenti a non irritare la lobby Lgbt da cui anzi secondo alcuni bisogna prendere esempio per l’efficacia dei metodi comunicativi, bisogna addirittura compiacerla e stendere tappeti rossi, allora arriveranno normative che devasteranno l’idea di tutela dei soggetti più deboli, di difesa del bambino che ha diritto sempre ad una mamma perché sempre da una mamma nasce, di mantenimento di una distinzione tra maschile e femminile. Il cavallo di Troia s’aprirà, il “dono” si rivelerà per quel che è. Se per sembrare non banali (e in realtà essendolo) ci faremo dare le opinioni da un transgender che è a favore del ddl 405 con il quale si potrebbe cambiare sesso a piacere senza neanche seguire percorsi medico-chirurgici, poi non lamentiamoci se nelle scuole trionferà l’ideologia del gender, saremo stati noi stessi ad aver dato il via libera.

Nessuno vuole negare a Luxuria il diritto ad esprimersi, che è più che tutelato, possiamo apprezzarne le qualità a qualsiasi latitudine mediatica, in radio e in tv e su internet. Mi piacerebbe che analogo diritto fosse tutelato anche da Fazio e Gramellini su Raitre, nel programma che fu inventato proprio da Paolo Ruffini, magari presentando i libri di Costanza Miriano, che vende decine di migliaia di copie lo stesso, ma la discriminazione colpisce Costanza, mica Luxuria. Inutile chiedere una par condicio che non avremo mai, il pensiero unico mica lo chiamano così per caso.

Possiamo chiedere invece, innanzi tutto a noi stessi e a chi ha a cuore la difesa dei soggetti più deboli, a partire dal bambino e da sua mamma, a chi è contrario all’ideologia del gender e alla sua deriva che porta alla compravendita di esseri umani e alla cultura dello scarto su cui ci mette sempre in guardia Papa Francesco, di parlare forte e chiaro. Con più fantasia, non con meno. Con più cuore e più sudore, non con qualche trucchetto che serve a far chiacchierare i critici e gli addetti ai lavori per un po’ di giorni, ma poi l’effetto finisce e la ferita rimane.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/11/2014
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il primo Natale di Gammy, nato come se fosse Betlemme

Ieri Gammy ha compiuto un anno e si appresta a vivere nel villaggio a cento chilometri da Bangkok dove abita il suo primo vero Natale con la giovane mamma Goy e con suo marito che gli fa da papà.

Leggi tutto

Chiesa

Non ci dividerete

La Chiesa ha “aperto ai gay”? Le titolazioni dei quotidiani sembrano non riuscire a trovare altra sintesi dopo la lettura della “Relatio post disceptationem” del cardinale Peter Erdo al Sinodo sulla famiglia.

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Media

Per contrastare un’informazione criminale

Dal 13 gennaio manderemo in edicola questo nostro quotidiano chiedendo ai lettori di non utilizzarlo come “secondo giornale”, ma di sostituirlo alla lettura abituale dell’informazione criminale di Repubblica, del Corriere della Sera, del Giornale.

Leggi tutto

Politica

Lucia, Benedetta e Olga persone dell’anno

Fossimo già in edicola dedicheremmo la copertina alla Persona dell’anno un po’ come fa Time, perché siamo megalomani. La rivista americana ha scelto per il 2014 i medici che curano l’ebola, ha assegnato un riconoscimento collettivo, mi sembra assai sensato.

Leggi tutto

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano