Media

di Mario Adinolfi

Per contrastare un’informazione criminale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Dal 13 gennaio manderemo in edicola questo nostro quotidiano chiedendo ai lettori di non utilizzarlo come “secondo giornale”, ma di sostituirlo alla lettura abituale dell’informazione criminale di Repubblica, del Corriere della Sera, del Giornale. Leggete La Croce e lasciate in edicola i giornali in cui Roberto Saviano scrive che le Sentinelle In Piedi assaltate anche pochi giorni fa a Trieste da centinaia di violenti sono “fautrici di violenza”, i giornali in cui Selvaggia Lucarelli scrive che sempre le Sentinelle vanno “prese a calci nel culo”, in cui Umberto Veronesi dice che bisogna legalizzare l’eutanasia perché viene già praticata negli ospedali. Insomma, bisogna legalizzare l’omicidio perché ci sono già centinaia di omicidi all’anno, una gran pensata. Si vede che l’autore è lo stesso secondo cui Dio non esiste perché esiste il cancro, lo stesso che non sa riflettere sul fatto che esiste il cancro e i medici come lui non sono Dio.

Lasciate in edicola i quotidiani che ospitano interviste deliranti come questa a una politicante del mio caro povero Pd http://www.repubblica.it/…/20…/11/24/news/fedeli-101321685/… che dice che essere maschi e femmine è “uno stereotipo” e non bisogna più far “cullare le bambole” alle bambine. Guai pure a parlare di principe azzurro e dire che le bambine devono essere brave, i bambini devono essere forti. Tutto porta alla violenza e al femminicidio. La parità indifferenziata è l’obiettivo, l’intercambiabilità del maschile e del femminile deve essere inculcata anche perché “ce lo chiede l’Europa”. Per quanto mi riguarda, fanculo l’Europa se ci chiede di trasformare le nostre scuole in un campo di rieducazione per far danno ai nostri bambini.

Questo tipo di informazione è criminale, è l’informazione che regala paginate a settimane al “mito di progresso” della compravendita di bambini attraverso l’utero in affitto da parte di coppie etero e gay, raccontando le loro vicende, quelle sì, secondo uno schema stereotipato in cui sparisce sempre la donna che si vende l’ovulo e dà in locazione il proprio ventre per evidente stato di bisogno, spesso in India o in altri paesi poveri del mondo. Contro questa informazione noi faremo arrivare in edicola il 13 gennaio questo piccolo giornale, per fare controinformazione, per dire che Umberto Veronesi dice cazzate, le smonteremo agevolmente una per una; per dire a Laura Boldrini che fa niente se ci sono ancora mamme che portano il piatto di pasta in tavola, non è sfruttamento, non è umiliazione del ruolo della donna; per dire a Concita De Gregorio che non è vero che Papa Francesco ha aperto alle unioni omosessuali, è vero il contrario, dice che i bimbi hanno bisogno di una famiglia in cui sia una mamma e un papà; per dire a quelli di Internazionale che fanno copertine oscene di orgoglio abortista che bisogna avere un po’ di ritegno, provare a mettersi nell’ottica del bambino abortito o almeno saper leggere le statistiche che parlano del massacro sistematico dei bambini “diversi”, dei down abortiti con un tasso di 96 ogni 100 amniocentesi che evidenziano la trisomia 21, degli albini che non nascono più e arrivano a un tasso di aborto del 100%, come ci ha raccontato in un pezzo splendido “in difesa di Moby Dick” il professore Luca Fiorito.

Per tutto questo dal 13 gennaio saremo in edicola. Vogliamo essere il vostro primo giornale, vogliamo essere una cura di disintossicazione dalle enormi bugie dell’informazione tradizionale. Vogliamo rompere le scatole a quei ricchi giganti e sono certo che avete la stessa voglia anche voi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/11/2014
1807/2019
Sant'Arnolfo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il 13 giugno al Palalottomatica

Leggi tutto

Media

Con più fantasia, non con meno

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati.

Leggi tutto

Politica

I prossimi decisivi 100 giorni

La cultura mortifera della trasformazione delle persone in cose che è all’offensiva su tutto il territorio europeo (la sentenza della Corte di giustizia sulla brevettabilità e conseguente commerciabilità degli ovuli umani è di ieri) nei prossimi 100 giorni installerà il suo campo di battaglia in Italia.

Leggi tutto

Media

Da un lettore che non vuole leggerci più

Dalla rubrica delle lettere tutti i giorni presente sul giornale, la missiva di un lettore critico e la risposta puntuta del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Media

Il problema della verità

Houston, abbiamo un problema.

Leggi tutto

Media

Auguri al nostro lettore

Ti abbiamo incontrato magari solo qui sul web o forse dal vivo in uno degli eventi del tour Voglio la mamma 2014 o in uno degli eventi speciali “contro i falsi miti di progresso” con Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano