Media

di Mario Adinolfi

Per contrastare un’informazione criminale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Dal 13 gennaio manderemo in edicola questo nostro quotidiano chiedendo ai lettori di non utilizzarlo come “secondo giornale”, ma di sostituirlo alla lettura abituale dell’informazione criminale di Repubblica, del Corriere della Sera, del Giornale. Leggete La Croce e lasciate in edicola i giornali in cui Roberto Saviano scrive che le Sentinelle In Piedi assaltate anche pochi giorni fa a Trieste da centinaia di violenti sono “fautrici di violenza”, i giornali in cui Selvaggia Lucarelli scrive che sempre le Sentinelle vanno “prese a calci nel culo”, in cui Umberto Veronesi dice che bisogna legalizzare l’eutanasia perché viene già praticata negli ospedali. Insomma, bisogna legalizzare l’omicidio perché ci sono già centinaia di omicidi all’anno, una gran pensata. Si vede che l’autore è lo stesso secondo cui Dio non esiste perché esiste il cancro, lo stesso che non sa riflettere sul fatto che esiste il cancro e i medici come lui non sono Dio.

Lasciate in edicola i quotidiani che ospitano interviste deliranti come questa a una politicante del mio caro povero Pd http://www.repubblica.it/…/20…/11/24/news/fedeli-101321685/… che dice che essere maschi e femmine è “uno stereotipo” e non bisogna più far “cullare le bambole” alle bambine. Guai pure a parlare di principe azzurro e dire che le bambine devono essere brave, i bambini devono essere forti. Tutto porta alla violenza e al femminicidio. La parità indifferenziata è l’obiettivo, l’intercambiabilità del maschile e del femminile deve essere inculcata anche perché “ce lo chiede l’Europa”. Per quanto mi riguarda, fanculo l’Europa se ci chiede di trasformare le nostre scuole in un campo di rieducazione per far danno ai nostri bambini.

Questo tipo di informazione è criminale, è l’informazione che regala paginate a settimane al “mito di progresso” della compravendita di bambini attraverso l’utero in affitto da parte di coppie etero e gay, raccontando le loro vicende, quelle sì, secondo uno schema stereotipato in cui sparisce sempre la donna che si vende l’ovulo e dà in locazione il proprio ventre per evidente stato di bisogno, spesso in India o in altri paesi poveri del mondo. Contro questa informazione noi faremo arrivare in edicola il 13 gennaio questo piccolo giornale, per fare controinformazione, per dire che Umberto Veronesi dice cazzate, le smonteremo agevolmente una per una; per dire a Laura Boldrini che fa niente se ci sono ancora mamme che portano il piatto di pasta in tavola, non è sfruttamento, non è umiliazione del ruolo della donna; per dire a Concita De Gregorio che non è vero che Papa Francesco ha aperto alle unioni omosessuali, è vero il contrario, dice che i bimbi hanno bisogno di una famiglia in cui sia una mamma e un papà; per dire a quelli di Internazionale che fanno copertine oscene di orgoglio abortista che bisogna avere un po’ di ritegno, provare a mettersi nell’ottica del bambino abortito o almeno saper leggere le statistiche che parlano del massacro sistematico dei bambini “diversi”, dei down abortiti con un tasso di 96 ogni 100 amniocentesi che evidenziano la trisomia 21, degli albini che non nascono più e arrivano a un tasso di aborto del 100%, come ci ha raccontato in un pezzo splendido “in difesa di Moby Dick” il professore Luca Fiorito.

Per tutto questo dal 13 gennaio saremo in edicola. Vogliamo essere il vostro primo giornale, vogliamo essere una cura di disintossicazione dalle enormi bugie dell’informazione tradizionale. Vogliamo rompere le scatole a quei ricchi giganti e sono certo che avete la stessa voglia anche voi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/11/2014
0612/2019
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il primo Natale di Gammy, nato come se fosse Betlemme

Ieri Gammy ha compiuto un anno e si appresta a vivere nel villaggio a cento chilometri da Bangkok dove abita il suo primo vero Natale con la giovane mamma Goy e con suo marito che gli fa da papà.

Leggi tutto

Chiesa

Non ci dividerete

La Chiesa ha “aperto ai gay”? Le titolazioni dei quotidiani sembrano non riuscire a trovare altra sintesi dopo la lettura della “Relatio post disceptationem” del cardinale Peter Erdo al Sinodo sulla famiglia.

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Società

In tv vogliono dar scandalo, ma è conformismo che annoia

Avete scritto in tanti alla pagina Facebook del nostro quotidiano “in fieri” (saremo in edicola dal 13 gennaio) e sulle pagine dei circoli Voglio la mamma, altri mi hanno scritto in privato. Ho chiesto a tutti di avere un po’ di pazienza, di darmi 48 ore.

Leggi tutto

Politica

Lucia, Benedetta e Olga persone dell’anno

Fossimo già in edicola dedicheremmo la copertina alla Persona dell’anno un po’ come fa Time, perché siamo megalomani. La rivista americana ha scelto per il 2014 i medici che curano l’ebola, ha assegnato un riconoscimento collettivo, mi sembra assai sensato.

Leggi tutto

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano