Politica

di Mario Adinolfi

In Italia un bambino ucciso ogni 5 minuti, nel ventre materno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La mia ossessione per i numeri m’ha fregato ancora una volta. Devo imparare a distrarmi, a non pensare sempre alle cifre. Il problema è che in questi giorni tragici con fatti di cronaca che ci raccontano di bambini strangolati e uccisi, con la storia del piccolo Loris che ci strappa le viscere insieme a quelle già rimosse dalla nostra selettiva e impaurita memoria (penso a Fortuna, 6 anni, uccisa un mese fa probabilmente dallo stesso sconosciuto che ha ucciso sette mesi fa Antonio, 3 anni, a Napoli e nessuno ne parla più), mi sono ritrovato a far di conto. A pensare a come si possa fare qualcosa per difendere i più indifesi tra noi, i bambini, appunto. E l’ossessione per le cifre che conosce chi ha letto Voglio la mamma si è di nuovo impadronita di me.

I bambini che vengono uccisi ogni anno in Italia sono 106mila. Vengono uccisi nel ventre materno perché sono considerati una scomodità, un ostacolo, un fastidio di cui sbarazzarsi. Il calcolo è per difetto, riguarda i soli aborti chirurgici, non calcola le migliaia di aborti indotti per via chimica (prevalente con RU486) né le centinaia di migliaia di scatole di pillola del giorno dopo e dei cinque giorni dopo che hanno portato nella cultura delle giovani donne italiane l’idea che aborto uguale contraccezione.

Ma restiamo ai 106mila aborti accertati per via chirurgica, soppressione di Stato di vita umana autorizzata e realizzata molto spesso per futili motivi. Sono 290 bambini uccisi al giorno, uno ogni cinque minuti, per 24 ore, di notte e di giorno. Il bello è che la vulgata di gran moda racconta la cazzata che non ci sono abbastanza medici. Ammazzano un bimbo ogni 5 minuti e ci dicono che i boia non sono abbastanza, che chi si rifiuta andrebbe radiato dalla professione medica, che i medici obiettori sono degli scansafatiche. Scansano la cultura della morte, provano ad arginarla, difendono i più deboli, i senza voce, provano a dare alternative alle giovani donne che compiono una scelta così tragica. Molte di loro la rimpiangeranno.

E vi dicono che è colpa della crisi e trovano motivazioni di natura sociologica. Nell’Italia appena uscita dalla guerra, nell’Italia che era solo macerie del 1946 nascevano più del doppio dei bambini rispetto all’Italia dei due telefonini a testa del 2013. Tutte minchiate, le motivazioni sociologiche. Uccidiamo i bambini perché siamo diventati tristi. Tristi e egoisti. Abbiamo paura di squassare la nostra vita con la vita stessa. Per questo molto spesso siamo già morti.

Per questo capita di dover scrivere di Loris, di Fortuna, di Antonio. Di Domenico, 3 anni, a cui hanno sparato in faccia a Palagiano, ucciso mentre era in braccio alla madre. Di Nicola, per tutti Cocò, ucciso a 3 anni con una pistolettata in testa a Cassano, un’esecuzione, freddato con la modalità con cui si ammazzano i boss e poi bruciato insieme al nonno. Ne scrivo per ricordarne almeno i nomi. Sono tutti fatti avvenuti nel 2014. Tutti fatti già dimenticati. Ed erano bimbi vivi, con un nome, un cognome, una storia.

D’altronde siamo nel tempo in cui il Journal of Ethics fa le monografie sull’aborto post nascita, in cui a Princeton il guru accademico Peter Singer è insieme campione dell’animalismo e delle teorie che legittimano l’infanticidio, del Fatto Quotidiano che ci spiega che bisogna legalizzare l’incesto http://www.ilfattoquotidiano.it/…/incesto-ecco-per…/1137020/ e di un contesto europeo dove si moltiplicano i sostenitori della depenalizzazione della pedofilia http://www.alfemminile.com/…/proposta-shock-per-depenalizza… e il dramma è che è tutto tremendamente logico.

Diceva giustamente Madre Teresa di Calcutta che “l’aborto è il più grande distruttore, perché se una madre può uccidere il proprio figlio, cosa impedirà che tu uccida me o io uccida te?”. E’ così. Uccidiamo in Italia un bimbo ogni cinque minuti, poi ci regaliamo cinque minuti di dolore per Loris. In realtà siamo immersi in una mortificante indifferenza, in cui ogni delirio diventa possibile, in cui non c’è più nessun ostacolo. Distruggiamo i più indifesi come anticamera alla nostra propria distruzione.

Continuo a sperare che un risveglio da questo incubo sia possibile.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/12/2014
1510/2019
S. Teresa d'Avila

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il 13 giugno al Palalottomatica

Leggi tutto

Media

Con più fantasia, non con meno

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati.

Leggi tutto

Politica

I prossimi decisivi 100 giorni

La cultura mortifera della trasformazione delle persone in cose che è all’offensiva su tutto il territorio europeo (la sentenza della Corte di giustizia sulla brevettabilità e conseguente commerciabilità degli ovuli umani è di ieri) nei prossimi 100 giorni installerà il suo campo di battaglia in Italia.

Leggi tutto

Media

Da un lettore che non vuole leggerci più

Dalla rubrica delle lettere tutti i giorni presente sul giornale, la missiva di un lettore critico e la risposta puntuta del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Media

Il problema della verità

Houston, abbiamo un problema.

Leggi tutto

Media

Auguri al nostro lettore

Ti abbiamo incontrato magari solo qui sul web o forse dal vivo in uno degli eventi del tour Voglio la mamma 2014 o in uno degli eventi speciali “contro i falsi miti di progresso” con Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano