Politica

di Mario Adinolfi

Lucia, Benedetta e Olga persone dell’anno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Fossimo già in edicola dedicheremmo la copertina alla Persona dell’anno un po’ come fa Time, perché siamo megalomani. La rivista americana ha scelto per il 2014 i medici che curano l’ebola, ha assegnato un riconoscimento collettivo, mi sembra assai sensato. Anche noi daremo un’assegnazione plurima. La nostra Persona dell’anno è donna. Anzi, sono tre donne: Lucia, Benedetta e Olga. Incredibilmente questi tre nomi non vi dicono nulla. Ce le siamo già dimenticate. Sappiamo tutto della Boschi e della Madia, di Belen Rodriguez e Maria De Filippi, della Littizzetto e della povera Veronica mamma di Loris ma di Lucia, Benedetta e Olga non ricordiamo manco i cognomi.

Si chiamavano Lucia Pulici, Benedetta Roggian e Olga Raschietti e sono per noi la Persona dell’anno. Erano tre donne anziane, tra i 75 e gli 82 anni. Tre donne italiane coraggiose. Tre suore, tre suore saveriane missionarie. Hanno donato la loro vita, non solo la loro morte. Hanno trascorso decenni nel lavoro silenzioso a sostegno degli ultimi nella zona più povera e disperata del mondo, l’Africa centrale. Sono state uccise in Burundi a pietrate e neanche una settimana dopo la loro morte, avvenuta poco più di cento giorni fa, i loro funerali sono stati praticamente ignorati dalla stampa italiana che aveva da appassionarsi solo sulla sorte dell’orsa Daniza.

Ci sono pochissime foto persino sul web, segno dell’indifferenza che ha accompagnato questo colossale sacrificio. In una Olga, 82 anni, abbraccia teneramente un bambino nero piccolissimo circondata da altri bambini in festa.

Per tutta la gioia che hanno regalato in una terra devastata dalla povertà e dal dolore, per il sollievo che hanno donato agli ultimi del mondo, per l’esempio di sacrificio estremo per gli altri che costituiscono per le giovani generazioni, noi oggi indichiamo ai nostri lettori in Olga, Lucia e Benedetta le persone che più di ogni altre nel 2014 ci hanno reso orgogliosi di essere italiani. Anche se l’Italia, ingrata, le ha subito dimenticate.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/12/2014
1412/2019
San Giovanni della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il 13 giugno al Palalottomatica

Leggi tutto

Media

Con più fantasia, non con meno

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati.

Leggi tutto

Politica

E i pazzi siete voi

In queste settimane quante volte ci siamo sentiti dire che siamo pazzi a insistere sui temi della vita e della famiglia, che così facendo facciamo “il male dei nostri figli”, che mettere su un quotidiano “addirittura cartaceo” su questi argomenti era indice di un’ossessione che ci avrebbe portato alla rovina, anche economica.

Leggi tutto

Media

Da un lettore che non vuole leggerci più

Dalla rubrica delle lettere tutti i giorni presente sul giornale, la missiva di un lettore critico e la risposta puntuta del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Media

Il problema della verità

Houston, abbiamo un problema.

Leggi tutto

Politica

I prossimi decisivi 100 giorni

La cultura mortifera della trasformazione delle persone in cose che è all’offensiva su tutto il territorio europeo (la sentenza della Corte di giustizia sulla brevettabilità e conseguente commerciabilità degli ovuli umani è di ieri) nei prossimi 100 giorni installerà il suo campo di battaglia in Italia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano