Politica

di Mario Adinolfi

Lucia, Benedetta e Olga persone dell’anno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Fossimo già in edicola dedicheremmo la copertina alla Persona dell’anno un po’ come fa Time, perché siamo megalomani. La rivista americana ha scelto per il 2014 i medici che curano l’ebola, ha assegnato un riconoscimento collettivo, mi sembra assai sensato. Anche noi daremo un’assegnazione plurima. La nostra Persona dell’anno è donna. Anzi, sono tre donne: Lucia, Benedetta e Olga. Incredibilmente questi tre nomi non vi dicono nulla. Ce le siamo già dimenticate. Sappiamo tutto della Boschi e della Madia, di Belen Rodriguez e Maria De Filippi, della Littizzetto e della povera Veronica mamma di Loris ma di Lucia, Benedetta e Olga non ricordiamo manco i cognomi.

Si chiamavano Lucia Pulici, Benedetta Roggian e Olga Raschietti e sono per noi la Persona dell’anno. Erano tre donne anziane, tra i 75 e gli 82 anni. Tre donne italiane coraggiose. Tre suore, tre suore saveriane missionarie. Hanno donato la loro vita, non solo la loro morte. Hanno trascorso decenni nel lavoro silenzioso a sostegno degli ultimi nella zona più povera e disperata del mondo, l’Africa centrale. Sono state uccise in Burundi a pietrate e neanche una settimana dopo la loro morte, avvenuta poco più di cento giorni fa, i loro funerali sono stati praticamente ignorati dalla stampa italiana che aveva da appassionarsi solo sulla sorte dell’orsa Daniza.

Ci sono pochissime foto persino sul web, segno dell’indifferenza che ha accompagnato questo colossale sacrificio. In una Olga, 82 anni, abbraccia teneramente un bambino nero piccolissimo circondata da altri bambini in festa.

Per tutta la gioia che hanno regalato in una terra devastata dalla povertà e dal dolore, per il sollievo che hanno donato agli ultimi del mondo, per l’esempio di sacrificio estremo per gli altri che costituiscono per le giovani generazioni, noi oggi indichiamo ai nostri lettori in Olga, Lucia e Benedetta le persone che più di ogni altre nel 2014 ci hanno reso orgogliosi di essere italiani. Anche se l’Italia, ingrata, le ha subito dimenticate.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/12/2014
1910/2019
S. Paolo della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Quell’immenso discorso del Papa all’Europa

Vi converrà leggere qui a seguire il testo integrale dell’immenso discorso di Papa Francesco al Parlamento europeo.

Leggi tutto

Media

Non ci faremo intimidire

C’è un risvolto fastidioso della falsa notizia diffusa da Repubblica che sta rimbalzando praticamente su tutti i media (oggi l’ho sentita in radio al Ruggito del Coniglio e ieri l’ho letta persino in un editoriale di Giuliano Ferrara sulla versione on line de Il Foglio) secondo la quale con i miei amici Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano daremmo vita sabato a Milano a un convegno che avrebbe come obiettivo quello di “curare i gay”.

Leggi tutto

Politica

Almeno lasciate stare il Nazareno

Lo definiscono “il nuovo patto del Nazareno” e Silvio Berlusconi l’ha annunciando dicendosi favorevole a varare con Matteo Renzi una legge di equiparazione al matrimonio per le unioni gay, con tanto di “stepchild adoption”, cioè con il via libera all’utero in affitto anche se (ipocritamente) solo se utilizzato per operazioni di compravendita di neonati realizzate fuori dai confini nazionali.

Leggi tutto

Politica

In Italia un bambino ucciso ogni 5 minuti, nel ventre materno

La mia ossessione per i numeri m’ha fregato ancora una volta.

Leggi tutto

Politica

Al senatore Sergio Lo Giudice, ex presidente arcigay

Ho letto che contro il nostro convegno di sabato 17 a Milano il senatore Sergio Lo Giudice, già presidente dell’Arcigay e per questo premiato con un seggio a Palazzo Madama, intende presentare una interrogazione parlamentare per “salvare l’Expo da questo catastrofico danno di immagine e l’Italia da una pessima figura internazionale”.

Leggi tutto

Storie

Il prezzo da pagare

Metto le mie cose di nuovo in valigia, domani si va a Napoli a testimoniare verità e presentare Voglio la mamma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano