Politica

di Giovanni Marcotullio

Un giornale mai visto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Più di una volta, noi che abbiamo visto l’invisibile gestazione de La Croce e ne abbiamo curato ogni più piccolo dettaglio, ci siamo detti l’un l’altro: «Questa è una cosa che nel giornalismo italiano non si è mai vista».

L’esperto in comunicazioni si renderà conto a colpo d’occhio, anche solo guardando la prima pagina del numero zero, che un broadsheet a sei colonne è l’ossatura di un disegno di pagina inedito fino ad oggi. Le particolarità tecniche de La Croce sono tante e tali che ci vorrebbe un numero intero a renderne ragione (e forse neppure basterebbe); tuttavia, dal momento che compaiono in un quotidiano e non in un testo di grafica del giornalismo, vale la pena che almeno le più rilevanti vengano portate allo sguardo di ogni lettore.

Pochissimi, sicuramente, saranno rimasti inchiodati dicendo: «Mamma mia, ma questo è un broadsheet a sei colonne!»; più di qualcuno, però, avrà osservato con meraviglia gli hashtag nei titoli, gli schizzi di inchiostro e sangue sulla testata, le testatine realizzate in stencil e, se nessuno avrà provato a “tappare” col dito sulle parole “taggate” (per vedere se tante volte sarebbe apparsa sulla pagina una finestra), tuttavia quello a cui questa pazzia fosse venuta in mente si sarebbe orientato a capire La Croce. La pazzia de La Croce. «E allora perché un giornale cartaceo – si dirà – e non uno telematico?». Per l’appunto: osservare la paradossale novità editoriale de La Croce è rispondere a questa semplice domanda (e alle sue complesse componenti). A capo.

Un giornale deve “avere carattere”, e per definirlo abbiamo scelto tre famiglie di font, la cui storia è tanto interessante quanto descrittiva della pagina in cui confluiscono: i titoli e i testi dei nostri articoli sono in Depot, una famiglia realizzata nel 2006 da Chris Dickinson, enfant prodige britannico della tipografia. Linea semplice, tratto “senza grazie” e spaziatura riposante sono la cifra del design di Dickinson, la cui ricerca grafica si focalizza proprio sull’interscambio tra il web e la carta. Gli occhielli, invece, sono composti in Fairplex Narrow, una famiglia di font disegnata da Zuzana Licko nel 2002: inconfondibile per le sue molto particolari “grazie”, il Fairplex Narrow propone una sintesi dei due mondi dell’alfabeto latino – quello librario-europeo e quello informatico-statunitense. Difatti la Licko è nata a Bratislava e a 23 anni, emigrata in California, ha co-fondato l’editrice grafica “Emigre” a due passi da quella mitologica Cupertino che in quello stesso 1984 cominciava a immettere nel mercato il “progetto Macintosh”. I casi in cui basta un planisfero per ammirare la fecondità culturale dell’informatica. Infine c’è il Viper Nora, creato nel 1999, che marca le testatine di rubrica e batte lo scorrere delle pagine: il suo autore è Dimitris Kolyris, un designer greco che ha votato il suo lavoro a rendere disponibili (con licenza gratuita!) font che comprendono insieme set di caratteri latini e greci. La sua lezione raccoglie quella, di Giovanni Paolo II, sulla necessità di una cultura che respiri “a due polmoni”, e il Viper Nora – pur senza essere tecnicamente un vero e proprio “stencil”, come invece è il Capture it della testata, disegnato da Koczman Bálint (ungherese) – rimanda chiaramente alla street art. La strada, i libri e la rete sono quindi i riferimenti de La Croce; l’oriente e l’occidente gli orizzonti di cui studia le interazioni; lo spirito cristiano l’asse della sua rivoluzione – e per questo la comunicazione che ne risulta non può che essere laica, ovvero cattolica.

Carattere a parte, perché otto facciate di broadsheet dovrebbero proporsi come una novità? Perché è nuova la loro gestazione, nuova la loro origine, nuovo il loro fine – e con questo rispondiamo anche alla domanda sul “perché un giornale cartaceo nell’era del digitale”. Fin dall’inizio, ossia da Voglio la mamma, noi esistiamo perché un popolo si è spontaneamente ritrovato a parlare di “cose antiche e cose nuove”; cose che il resto dell’informazione da tempo dichiara estranee al sentire della “gente” (ora sorridendo, ora ghignando, ora ringhiando). Internet e i social network ci hanno permesso di appurare come tutti noi – che abbiamo anzitutto queste domande critiche da porre alla società attuale – risultiamo molto capillarmente diffusi sul territorio nazionale, e che altrettanto diffusi sono quelli interessati alle risposte invocate dalle nostre domande. Se dunque è grazie al web 2.0 che ci siamo trovati e ri-conosciuti, è però impossibile restarvi e costituire lì una presenza rilevante nel dibattito pubblico, e questo per due motivi.

Anzitutto perché l’altra faccia della ricchezza della rete è l’immensa dispersività della sua offerta: internet ha permesso a chiunque (o quasi) di esporre se stesso e ciò che pensa a costo zero (o quasi), e tra sciocchezze innumerevoli vi sono pure molte cose degne di essere lette e pensate da tanti, ma infinite possibilità deprimono ogni scelta. Noi osiamo operare una scelta, e proporla ogni giorno in otto pagine diffuse su tutto il territorio nazionale (e oltre – sempre grazie al web).

Per questo la carta ha un vantaggio tuttora insuperato sul digitale: entra nel mondo vero, sta in mano alle persone, si affaccia sulle strade dove la gente porta a passeggio i cani. A dispetto di ogni formato elettronico e digitale, e malgrado le loro enormi potenzialità, è nel mondo fisico che gli uomini si troveranno sempre ad avere a che fare con la verità di loro stessi: parafrasando Shakespeare, perfino i nostri malanni ci garantiscono dalle ideologie (basta un mal di denti perché nessuno possa credersi un padreterno). Per questo motivo ci ostiniamo a stampare su della lussuosissima cartastraccia il meglio che – dalla strada al web, passando per i libri – l’intelligenza e il senso comune ispirano e dettano.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/01/2015
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Saviano, il pensiero unico e l’unico pensiero

Soltanto ieri mi è stato mostrato l’editoriale di Roberto Saviano sull’Espresso

Leggi tutto

Media

Cristiada e il bisogno che qualcosa cominci

In Messico tra il 1926 e il 1929 sono stati uccisi 85.000 cattolici e voi non lo sapete.

Leggi tutto

Chiesa

C’è abbastanza luce, c’è abbastanza buio

Che poi fin da subito, mesi prima che arrivassimo in edicola, già si erano scatenati tutti quanti: «Ma perché “La Croce”? Ma scegliamo un nome più laico, no?».

Leggi tutto

Società

La soluzione è fare l’amore e i figli (come nel ‘46)

Alle volte sembra davvero una commedia. E lo sarebbe, se almeno facesse ridere.

Leggi tutto

Media

Morgan e i sentimenti difficili

La puntata di X-Factor di stasera sembra come quando si deve brindare per forza, anche se la bottiglia è vecchia e malandata, e allora si incoraggia la schiuma shakerando per bene

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano