Media

di Mario Adinolfi

Non ci faremo intimidire

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

C’è un risvolto fastidioso della falsa notizia diffusa da Repubblica che sta rimbalzando praticamente su tutti i media (oggi l’ho sentita in radio al Ruggito del Coniglio e ieri l’ho letta persino in un editoriale di Giuliano Ferrara sulla versione on line de Il Foglio) secondo la quale con i miei amici Costanza Miriano, padre Maurizio Botta dei Cinque Passi e Marco Scicchitano daremmo vita sabato a Milano a un convegno che avrebbe come obiettivo quello di “curare i gay”. Il risvolto fastidioso è l’averci messo sulla difensiva: da 48 ore non facciamo altro che giurare e spergiurare di non avere niente contro i gay, di non avere competenze per parlare di teorie riparative, di non essere omofobi. Tutto vero, ovviamente. Ma, francamente, non credo di avere la necessità di ripeterlo ancora. Altrimenti vorrebbe dire che l’obiettivo intimidatorio di chi ha diffuso ad arte una notizia completamente inventata e falsa per la quale dovrebbe solo chiedere scusa, è stato centrato. E noi invece noi ci faremo intimidire.

Sabato 17 gennaio alle ore 15 a Milano sono certo che saremo in tanti nel palazzo della Regione a ribadire quel che con i miei tre amici speciali Costanza, Marco e Maurizio andiamo ripetendo da mesi: le persone non sono cose, i figli non si pagano, gli uteri non si affittano, i malati non si ammazzano, le persone senza voce e deboli a partire dai bambini anche nascituri e dai sofferenti si accolgono, si amano, si curano. Saremo in tanti “contro i falsi miti di progresso”. Saremo tanti, tanti di più di quelli che ci vorranno intimidire picchettando l’ingresso, fischiandoci e provando ad infiltrarsi nella sala per impedirci di parlare, provando a metterci in bocca parole che non abbiamo mai pronunciato, secondo lo schema mistificatorio e violento proprio dei fascisti.

E a quell’esponente di governo che ci ha definiti portatori di “arrogante inciviltà” vorrei dire che non ci intimidirà nemmeno lui con il suo potere esibito, con la sua legge che voleva comminare sei anni di galera a chi avesse osato affermare che l’omogenitorialità è un falso mito di progresso e che non esiste nessun diritto degli adulti ad avere figli. Esiste il diritto dei figli ad avere una mamma e un papà. Dicendo queste cose abbiamo bloccato la sua legge, non gliel’abbiamo fatta approvare. Ci siamo alzati in piedi, magari silenziosamente e leggendo un libro, non ci siamo fatti intimidire né dal suo potere né dalla violenza fisica di chi ha spaccato la faccia a ragazzi inermi, mandato all’ospedale anziani preti, mirato anche sui bambini con bottigliate e gavettoni pieni di piscio. Non ci avete intimidito neanche insultando i nostri piccoli, figuriamoci se ci faremo intimidire da un giornale screditato che inventa notizie false e da qualche potente che farà pura strumentalizzazione partitica di un evento pacifico dove parliamo sempre con il sorriso sulle labbra. Ci sono le registrazioni degli eventi passati, guardatevele.

Sorridiamo e ridiamo di gusto, insieme a tutti coloro che ci vengono ad ascoltare. Perché siamo amici e ci diciamo la verità. Non abbiamo facce torve e deformate dalla menzogna e dall’odio. Vogliamo bene anche a voi che ci contesterete per lucrare un po’ di visibilità, conosciamo la miseria umana.

Ma voglio che vi sia ben chiaro che qualsiasi cosa ci farete, qualsiasi cosa vi inventerete per intimidirci ancora, il nostro sorriso e la nostra parola non li spegnerete. Sono il sorriso e la parola dell’anima cristiana e popolare del nostro paese, che sta resistendo all’offensiva antropologica di chi vuole trasformare le persone in cose e varare leggi che renderebbero i figli meri oggetti di compravendita. Ci troveremo in tanti per ribadire questo, solamente questo: viva l’Italia, l’Italia che resiste. Ci vediamo sabato a Milano, città medaglia d’oro della Resistenza.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

05/01/2015
1802/2020
San Simeone

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Brittany e l’eutanasia

Ero a Radio 24 stamattina e sono stato interrogato sul caso Brittany, la ragazza malata di tumore che si è suicidata in Oregon nel plauso generale di stampa, televisioni, radio di tutto il mondo.

Leggi tutto

Politica

L’UNAR coordina la strategia Nazionale LGBT?

Va bene che ormai non dobbiamo stupirci più di nulla, ma sul sito del ministero dell’Istruzione www.istruzione.it è arrivato l’ennesimo avviso misterioso e nascosto del solito bando che finanzierà “progetti di sensibilizzazione e prevenzione di ogni forma di discriminazione”, in coordinamento tra il Dipartimento Pari Opportunità e il mitologico Unar, che dovrebbe essere l’ufficio antidiscriminazioni razziali e si è trasformato invece nella testa d’ariete per il finanziamento dell’associazionismo Lgbt introducendone surrettiziamente e senza informare le famiglie l’ideologia nelle scuole.

Leggi tutto

Società

Per la famiglia si paga prezzo

In migliaia a Milano a difesa dei valori, una festa gioiosa “sporcata” da un giornalismo mistificatore

Leggi tutto

Società

L’offensiva gender è in atto: genitori vigilate

E Papa Francesco disse: “Occorre ribadire il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con un papà e una mamma capaci di creare un ambiente idoneo al suo sviluppo e alla sua maturazione affettiva.

Leggi tutto

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Politica

Il presidente cattolico dopo Napolitano

Ha chiuso Europa, chiude tra qualche giorno La Padania, voi capirete che l’idea di mandare in edicola La Croce - Quotidiano diventa terrorizzante.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano