Società

di Costanza Miriano, padre Maurizio Botta, Marco Scicchitano e Mario Adinolfi

A Milano per parlare di famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci chiedono perché andiamo a Milano – la domanda ha varie connotazioni e gradazioni, dal “chi te lo fa fa’?” (alla romana), imputabile probabilmente ai nostri coniugi o agli amici più sinceri, al più sottile “che ci guadagni?”, passando per il complottista “ma chi c’è dietro, che movimento politico rappresentate?” – e ricorre abbastanza spesso. La verità è che andiamo a Milano perché siamo amici e ci piace mangiare e bere insieme (va be’, alla femmina non tanto, ma insomma).

Abbiamo cominciato a ritrovarci la sera in un posto vicino a Chiesa Nuova a Roma, in un locale di un amico dell’Oratorio, ogni tanto; non tanto spesso perché abbiamo famiglie o parrocchie a carico, ma con l’impegno di farlo con continuità. Chiacchierando abbiamo scoperto che certe cose che lontano da quel tavolo, da quel gruppo di amici – soprattutto su tutti i giornali, in rete, per far prima diciamo dal pensiero mainstreaming – vengono magnificate come conquiste, come frutto delle magnifiche sorti e progressive dell’umanità, a noi non piacciono tanto. Qualcosa non ci tornava. Ci è venuta voglia di parlarne insieme. Abbiamo allargato il gruppo degli amici invitati a mangiare e bere con noi. Abbiamo cominciato a parlarne fuori – noi quattro abbiamo tutti occasione di incontrare molta gente per gli altri impegni delle nostre vite. Abbiamo visto che eravamo in tanti, tantissimi, a pensarla allo stesso modo, ma da nessuna parte rappresentati.

Così ci è venuta voglia di cominciare a passare parola, e abbiamo organizzato degli incontri in cui parlavamo insieme tutti e quattro. Ci è sembrato che al centro di tutto ci fosse la questione antropologica: chi è l’uomo, come si definisce rispetto al suo sesso, come trasmette la vita, come si organizza per farlo, come vive i suoi affetti. Quella che a grandi linee è definibile come questione del gender.

Ognuno di noi quattro ha la sua storia, e siamo davvero molto diversi. Eppure il fatto di trovarci saldamente su alcuni punti comuni ci è sembrata una ricchezza, e una conferma che stessimo facendo la cosa giusta. Perché ci sono punti fermi che sono prepolitici e prereligiosi.

Marco Scicchitano è uno psicoterapeuta, marito di Miriam e padre di quattro bambini, che nel suo lavoro quotidiano si trova a fare i conti con gli effetti devastanti del relativismo nelle relazioni, nell’affettività, con le conseguenze del pensiero comune che tende a cancellare le differenze tra maschio e femmina declassandole a elementi culturali, quando lui ha studiato, e sa spiegare magnificamente, che la scienza prova alcune differenze fondamentali di conformazione e funzionamento del cervello maschile e femminile.

Costanza Miriano è una giornalista televisiva, moglie di Guido e madre dei quattro figli che le hanno insegnato quanto alcune balle diffuse sull’emancipazione femminile, sulla possibilità di conciliare lavoro e famiglia, si siano poi rivelate fregature. Così quelle sulla rivoluzione sessuale, sulla contraccezione che avrebbe dato il potere alle donne e invece glielo ha tolto, quelle sulla necessità delle donne di essere aggressive “per non lasciarsi mettere i piedi in testa”, balle che hanno lasciato le donne sole e un po’ infelici. Su questi temi ha scritto due libri tradotti in tutto il mondo, e dalla gente che va ai suoi incontri si direbbe che non sia la sola a pensarla così.

Padre Maurizio Botta è un sacerdote oratoriano, piemontese adottato dalla Roma tanto amata anche dal suo San Filippo Neri. Brillante bocconiano avviato alla carriera di industriale, ha incontrato Gesù Cristo e se ne è innamorato. Se ne è innamorato così tanto che gli brillano gli occhi. È soprattutto un sacerdote che ama la Chiesa e il Papa, crede fermamente nella verità sull’uomo e sulla donna che la Chiesa annuncia, e la sa difendere con un ardore e una coerenza da testimone che trascina migliaia di ragazzi ogni volta che parla, nel cuore di Roma. Ama questi ragazzi e li vuole davvero felici.

Mario Adinolfi ha una storia diversa alle spalle, così diversa che la sua adesione totale alle idee di Padre Maurizio e degli altri commuove tutti quelli che lo incontrano. Giocatore di poker, separato, poi risposato con la bellissima Silvia e padre di due figlie, fondatore ed ex parlamentare del pd, non ha certo il fisico del ragazzo di parrocchia. Eppure si è unito, alla battaglia contro la mercificazione delle persone – quella inevitabile quando due persone dello stesso sesso, impossibilitate dalla natura si mettono in testa di produrre un figlio. Dire che si sia unito alla battaglia è un po’ riduttivo, diciamo che è il nostro centravanti di sfondamento, per la sua forza dialettica (se volete andargli contro o siete più grossi di lui oppure vi conviene studiare bene, numeri alla mano, perché lui li sa tutti, se li ricorda e ve li sa tiare fuori al momento giusto).

Ecco, tutto era cominciato davanti a una birra, era cominciato andando nelle parrocchie della periferia romana dalla quale avevamo scelto di partire, dal basso e senza far troppo rumore, poi è montata questa vicenda grottesca di Milano e di curare le persone omosessuali, persone, che – vorrei far notare – non sono mai state nominate nel pezzo, perché noi non ce ne occupiamo se non per difendere il diritto dei bambini ad avere un padre e una madre. Ecco, era cominciata così, e ci auguriamo che torni presto quello che era: un modo per ragionare insieme sui falsi miti di progresso, per tirare qualche piccolo sassolino al gigante che spadroneggia dappertutto, e tirarlo nei piazzali di cemento delle periferie dove sinceramente ci sentiamo più a nostro agio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/01/2015
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Politica

Il Governo che verrà.....

Ma il Governo tra Lega e Movimento 5 Stelle dove porterà l’Italia. Eccovi un’analisi accurata di quello che dovrebbe accadere nei prossimi mesi….

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Politica

La discriminazione del ddl Zan è realtà

L’ira di cattolici e associazioni Pro vita: “La scure della censura sui nostri valori”. A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano