Storie

di Redazione

Gli abortiti piangevano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Negli Stati Uniti pochi sanno che il limite ultimo per l’interruzione volontaria di gravidanza è fissato alla ventesima settimana, centoquarantesimo giorno di gestazione, quando il bambino nel grembo della madre è davvero tutto formato, è lì, esiste. Basta guardarlo negli occhi. E se pochi sanno che nel Paese a stelle e strisce c’è così tanto tempo per uccidere un nascituro, da far sembrare risibile il novantesimo giorno della norma italiana, quasi nessuno sa che gli aborti proprio a ridosso della ventesima settimana sono moltissimi: diciottomila all’anno. Infine, quello che nessuno sa lo ha raccontanto il deputato americano Trent Franks intervistato da LifeNews.com. Ha raccontato che quei bambini sentono dolore, avvertono tutto l’orrore che viene loro somministrato senza un minimo di anestesia e urlano e piangono e disperati e se tutto questo non si sente è solo perché il liquido amniotico attuitisce i suoni. Ma non è sempre così e ci sono infermiere che raccontano degli urli ascoltati di bimbi fatti nascere per poi immediatamente ucciderli, nei cosiddetti aborti a nascita parziale: “Sembrano grida di alieni”. Sono le prime e ultime parole di angeli che piangono e parlano alle nostre sorde coscienze, sapendo di non poterle scuotere.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

22/01/2015
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

    Nessun tag disponibile.

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano