Media

di Mario Adinolfi

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

I conti non tornano. Apriamo oggi il giornale sugli Stati Uniti che, avendo avuto un anno di ripresa economica, tornano massicciamente a investire. Da noi la ripresa non si vede, in compenso le spese senza senso non mancano mai. Tra pochi giorni il festival di Sanremo guidato da Carlo Conti ci regalerà pagine di propaganda all’ideologia del gender che costeranno ai contribuenti italiani oltre centomila euro. Caro conduttore, che ci stai anche simpatico, sappi che non basta la mossa cerchiobottista di portare sul palco delle canzonette anche una famiglia numerosa per provare a riequilibrare con classica mossa Rai dei conti che non tornano.

Le paraculate qui non attaccano, siam gente sveglia, coprirsi le spalle con i sedici figli di una bella famiglia per farci inghiottire l’ideologia gender è considerarci cretini. E l’Italia popolare che guarda Sanremo si vuole divertire, non sentirsi trattata da imbecille, perché noi ai nostri figli teniamo: li educhiamo al maschile e al femminile e sanno che le loro certezze si chiamano papà e mamma. Non l’indistinto della notte in cui tutte le vacche sono nere, dove tutto è confuso, basta mettersi un vestito da donna e tenersi la barba, non aver mai pubblicato un album di canzoni e essere invitati al festival di Sanremo come “ospite d’onore”, evidentemente non per cantare, ma per fare propaganda a favore di un’ideologia.

Comunque, caro Conti, te lo diciamo chiaro: se c’è il gender, noi cambiamo canale. Liberi voi di pagare con i nostri soldi la propaganda che volete. Liberi noi di non guardarvi. Almeno questo ci sarà concesso.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/02/2015
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La tecnica del silenziatore

La strada scelta dai media sembra essere quella di silenziare la grande manifestazione del 20 giugno, non parlandone. Ci aspettiamo la risposta dei media cattolici, a partire dalla diretta di Tv2000

Leggi tutto

Media

Da stasera su Raiuno cantiamo con Mimì

Va in onda questa sera la fiction dedicata alla figura e alla storia di Mia Martini, interpretata da un’ottima Serena Rossi. L’annuncio fatto al festival dopo l’esibizione dell’attrice/cantante. Peccato che la stessa (bella) kermesse abbia mostrato tanti indegni retrospettacoli contro alcuni cantanti.

Leggi tutto

Società

“Mamma, papà e gender”: gli errori di Michela Marzano sull’uomo, su Dio e su altre bazzecole

Da pochi giorni è in vendita in libreria l’ultimo pamphlet di Michela Marzano, che della c.d. “lotta per i diritti civili” ha fatto la cifra del suo impegno politico. La filosofa romana naturalizzata parigina spende (comprensibilmente) molte energie per promuovere il suo ultimo lavoro, ma a questa recensione – che dell’opuscolo in questione rileva gravi limiti – non ha riservato che una malcelata stizza. Un motivo di più per sottoporla al giudizio dei prudenti lettori, che sapranno giudicare. Resta beninteso che se lei volesse andare oltre gli insulti elusivi cui si è finora limitata, ribattendo nel merito alle nostre critiche, noi saremmo felici di ospitarla in un dibattito veramente alla pari (e senza tagli)

Leggi tutto

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Società

Gender: surrealismo esistenzialista su Time

Dopo la marchetta sul National Geographic, adesso è la volta di Time, che racconta con un dossier a cura di Katy Steinmetz «come una generazione stia ridefinendo il significato di genere»… “Oltre lui o lei”. È stato opportunamente osservato che trasportare la questione dal piano etico a quello ontologico significa chiedersi seriamente se un tizio che dica di sentirsi Napoleone Bonaparte vada preso sul serio o semplicemente curato.

Leggi tutto

Chiesa

Non perdetevi l’inizio del film

Qualche osservazione in merito alle divisioni nel mondo cattolico sulla manifestazione del 20 giugno a San Giovanni su gender e ddl Cirinnà

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano