Media

di Mario Adinolfi

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Sono mesi decisivi, l’elezione del presidente della Repubblica è ormai alle nostre spalle, si apre una stagione che potrebbe essere devastante per i temi a noi cari, a partire dalla difesa della famiglia naturale e dal diritto dei bambini a non essere educati all’ideologia del gender, a non subire il trattamento di indottrinamento sul modello della “gioventù hitleriana”, come ha ben detto Papa Francesco. In questa stagione complessa c’è un obiettivo che i laicisti perseguono: la spaccatura tra i cattolici. In questo sport siamo già bravissimi tra noi, se poi qualcuno ci dà pure una “spintarella” la zuffa è assicurata: cattolici “popolari” contro cattolici “democratici”, cattolici “intransigenti” contro cattolici “adulti”, duri e puri contro democristiani. Anche tra le testate cattoliche, ognuna gelosa del proprio orticello, spuntano tentazioni del genere. Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire, augurando ai cecchini un pizzico di ragionamento in più prima di premere il grilletto. Noi sappiamo che vogliono dividerci e abbiamo deciso di non cascarci. Non perderemo la bussola. Abbiamo una marcia da compiere, una direzione ben chiara da seguire e sappiamo che aggettivare la parola “cattolici” è l’errore divisivo e mortale da non compiere.

03/02/2015
2603/2017
San Teodoro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un emendamento e il gender entra a scuola

La riforma della scuola porta con sé l’ingresso ufficiale della propaganda gender nelle scuole. Un emendamento approvato di soppiatto in commissione svolge di fatto la funzione che avrebbe avuto il ddl Fedeli. La lobby Lgbt centra il risultato con il minimo sforzo. E il Pd fa pure l’offeso se si svela l’altarino…

Leggi tutto

Chiesa

Chi è che gode delle liti tra cattolici e luterani

Avvicinandosi il momento della visita di Papa Francesco a Lund, in Svezia, per l’apertura del “giubileo luterano”, si acuisce nel mondo cattolico la sensibilità sugli storici “temi del dissenso”. E l’occasione è buona per fare il punto del cammino percorso insieme – e delle grandi sfide del presente

Leggi tutto

Società

Per una vera femminilità

In vista della Festa della Donna dell’8 marzo anticipiamo un documento importante: la Dichiarazione delle Donne del Mondo contro l’ideologia gender e l’utero in affitto: “Vogliamo essere femminili, vogliamo essere e amare il nostro essere madri”

Leggi tutto

Società

Muro o ponte, convegno o manifestazione: caro don Mauro, #dialoghiamone

Le polemiche previe alla grande festa di sabato rischiano di travolgere il bel risultato conseguito dalla piazza (da cui speriamo frutti concreti in Parlamento) in un inasprito scontro di campanili. Per scongiurare il rischio che ciò avvenga abbiamo invitato ieri don Mauro Leonardi a esporre la sua critica alla mobilitazione. Il dibattito si è avviato – questa risposta lo mostra – e speriamo resti aperto

Leggi tutto

Chiesa

Gli ideali cattolici

Sta per essere pubblicato, contemporaneamente in forma cartacea e in un sito online, un saggio di carattere teologico che non riguarda soltanto gli specialisti in materia. Sebbene, infatti, il testo, non eccessivamente lungo, sia in qualche modo il risultato di decenni di studi e di esperienze, la sollecitazione definitiva che mi ha spinto a scriverlo è derivata dalla considerazione di scottanti problemi di attualità, problemi che si potrebbero riassumere in uno solo: la disgregazione dei cattolici sia nell’ambito culturale, sia nell’ambito politico - e ci si potrebbe chiedere se la disgregazione politica non sia in larga misura una conseguenza della disgregazione culturale.

Leggi tutto

Società

“Mamma, papà e gender”: gli errori di Michela Marzano sull’uomo, su Dio e su altre bazzecole

Da pochi giorni è in vendita in libreria l’ultimo pamphlet di Michela Marzano, che della c.d. “lotta per i diritti civili” ha fatto la cifra del suo impegno politico. La filosofa romana naturalizzata parigina spende (comprensibilmente) molte energie per promuovere il suo ultimo lavoro, ma a questa recensione – che dell’opuscolo in questione rileva gravi limiti – non ha riservato che una malcelata stizza. Un motivo di più per sottoporla al giudizio dei prudenti lettori, che sapranno giudicare. Resta beninteso che se lei volesse andare oltre gli insulti elusivi cui si è finora limitata, ribattendo nel merito alle nostre critiche, noi saremmo felici di ospitarla in un dibattito veramente alla pari (e senza tagli)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano