Media

di Mario Adinolfi

Appello a una bella famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio è straordinaria. Sedici figli, è la famiglia più numerosa d’Italia, è un inno alla vita e un dono del Signore. Un esempio per tutti noi. Aurelio e Rita sono stati coinvolti nel gioco dello star system, un gioco spietato, quando c’è di mezzo la Rai sempre pieno di pesi e contrappesi, di colpi al cerchio e altri alla botte. Il festival di Sanremo che si aprirà la settimana prossima sarà ricordato come il festival di Conchita Wurst: il programma più amato e seguito della televisione pubblica italiana farà da palcoscenico alla propaganda gender. Come ebbe a dire Emma Marrone non più di qualche mese fa dopo che l’artista in questione aveva vinto l’Eurofestival della canzone “senza quella barba, dove andava”. Pagare centoventimila euro in tempi di crisi per una esibizione di pochi minuti di quel genere, figlia solo di una necessità di sembrare allineati allo spirito dei tempi affermando l’indifferenziazione tra il maschile e il femminile, è uno sputo in faccia alla fatica delle famiglie italiane. Anche alla fatica, immensa, della famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio: quella che fanno ogni giorno, nella gioia del Signore, dando gioia anche a noi con il loro esempio. Aurelio e Rita non vadano a fare la foglia di fico con i loro sedici meravigliosi figli ad uno show voluto da chi vuole ferire la famiglia. Rifiutino di farsi usare, perché Carlo Conti e la Rai di Anna Maria Tarantola li stanno solo usando.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/02/2015
1204/2021
San Zeno (o Zenone) vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Divorzio breve, prima legge di una serie

Il divorzio breve è legge dello Stato, approvato alla Camera con maggioranza bulgara (398 sì, 28 no). Seguiranno rapidamente altre leggi e il silenzio sarà complicità

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Politica

La storia infinita delle case chiuse

Si torna a parlare della riapertura delle case chiuse ma la prostituzione,  non degrada solo la donna. Guasta anche l’uomo. Non bisogna confondere infatti la virilità col virilismo. Quella piaga nota col nome di maschilismo attinge precisamente da questo pozzo avvelenato. Il maschilista è un uomo rimasto solo “maschio”.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Chiesa

Dal Sinodo parole chiare, non collaboriamo con chi vuole distruggere la Chiesa

Le interpretazioni dei giornali, purtroppo talvolta affidate a cattolici, sono interessate e fuorvianti. Basta leggere la relazione finale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano