Media

di Mario Adinolfi

Appello a una bella famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio è straordinaria. Sedici figli, è la famiglia più numerosa d’Italia, è un inno alla vita e un dono del Signore. Un esempio per tutti noi. Aurelio e Rita sono stati coinvolti nel gioco dello star system, un gioco spietato, quando c’è di mezzo la Rai sempre pieno di pesi e contrappesi, di colpi al cerchio e altri alla botte. Il festival di Sanremo che si aprirà la settimana prossima sarà ricordato come il festival di Conchita Wurst: il programma più amato e seguito della televisione pubblica italiana farà da palcoscenico alla propaganda gender. Come ebbe a dire Emma Marrone non più di qualche mese fa dopo che l’artista in questione aveva vinto l’Eurofestival della canzone “senza quella barba, dove andava”. Pagare centoventimila euro in tempi di crisi per una esibizione di pochi minuti di quel genere, figlia solo di una necessità di sembrare allineati allo spirito dei tempi affermando l’indifferenziazione tra il maschile e il femminile, è uno sputo in faccia alla fatica delle famiglie italiane. Anche alla fatica, immensa, della famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio: quella che fanno ogni giorno, nella gioia del Signore, dando gioia anche a noi con il loro esempio. Aurelio e Rita non vadano a fare la foglia di fico con i loro sedici meravigliosi figli ad uno show voluto da chi vuole ferire la famiglia. Rifiutino di farsi usare, perché Carlo Conti e la Rai di Anna Maria Tarantola li stanno solo usando.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/02/2015
1609/2019
Ss. Cornelio e Cipriano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Storie

Charlie muoia almeno a casa sua

Se la “resa” dei genitori di Charlie Gard è piovuta sul mondo prolife come una doccia gelata, la reazione sconcertante di certe frange di quest’ultimo – che si sono volte ad attaccare i due, rei di non
corrispondere al gonfalone che se n’erano fatto – lascia non meno da riflettere. Anche perché la bella dichiarazione del Bambino Gesù è stata a sua volta travisata come un documento compromissorio

Leggi tutto

Media

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Leggi tutto

Politica

Perchè tanti non vanno a Verona

Lo schiacciamento delle istanze pro-life e pro-family operato dagli organizzatori del WCF2019 – quell’insieme di “modalità” cui diplomaticamente alludeva Parolin, prendendone le distanze –ha reso le stesse impresentabili in un dibattito civile. Non andare alla manifestazione significa per molti semplicemente tenere aperte le strade di un dialogo possibile sui temi di vita e famiglia.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Società

Vivere da madri per essere donne

L’ospedalizzazione ordinaria dei parti è uno dei fattori che ha contribuito all’abbattimento del tasso di mortalità neonatale, ma la medicalizzazione della gravidanza è uno di quelli che negli scorsi decenni ha portato all’alienazione delle donne dalla maternità. Mentre diventavano titolari di fantasiosi diritti, perdevano il controllo di quella dimensione peculiare che le rende uniche.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano