Media

di Mario Adinolfi

Appello a una bella famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio è straordinaria. Sedici figli, è la famiglia più numerosa d’Italia, è un inno alla vita e un dono del Signore. Un esempio per tutti noi. Aurelio e Rita sono stati coinvolti nel gioco dello star system, un gioco spietato, quando c’è di mezzo la Rai sempre pieno di pesi e contrappesi, di colpi al cerchio e altri alla botte. Il festival di Sanremo che si aprirà la settimana prossima sarà ricordato come il festival di Conchita Wurst: il programma più amato e seguito della televisione pubblica italiana farà da palcoscenico alla propaganda gender. Come ebbe a dire Emma Marrone non più di qualche mese fa dopo che l’artista in questione aveva vinto l’Eurofestival della canzone “senza quella barba, dove andava”. Pagare centoventimila euro in tempi di crisi per una esibizione di pochi minuti di quel genere, figlia solo di una necessità di sembrare allineati allo spirito dei tempi affermando l’indifferenziazione tra il maschile e il femminile, è uno sputo in faccia alla fatica delle famiglie italiane. Anche alla fatica, immensa, della famiglia di Aurelio Anania e Rita Procopio: quella che fanno ogni giorno, nella gioia del Signore, dando gioia anche a noi con il loro esempio. Aurelio e Rita non vadano a fare la foglia di fico con i loro sedici meravigliosi figli ad uno show voluto da chi vuole ferire la famiglia. Rifiutino di farsi usare, perché Carlo Conti e la Rai di Anna Maria Tarantola li stanno solo usando.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/02/2015
2310/2018
S. Giovanni da Capestrano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Chiesa

Sinodo, La Croce risponde alle 46 domande

Dal 4 ottobre 2015 il Sinodo sulla famiglia prenderà decisioni importanti, forse decisive, per la Chiesa. Rispondiamo al Questionario inviato a seguito delle Relatio Synodi per la formazione dell’Instrumentum Laboris

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano