Politica

di Mario Adinolfi

Siamo alla terza guerra mondiale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La profezia del 18 agosto scorso di Papa Francesco era stata sottovalutata, capita poco e male: “Siamo entrati nella terza guerra mondiale, solo che si combatte a capitoli, a pezzetti”. I pezzi del puzzle ora sono tutti sotto i nostri occhi, ma il quadro d’insieme in pochi hanno il coraggio di guardarlo: la guerra è davvero mondiale, il quadro internazionale non regge più. La violenza più efferata spunta da ogni finestra aperta, basta affacciarsi e voler vedere.

Al centro della tragedia in atto è collocato lo Stato Islamico, l’Isis di Al Baghdadi. L’uccisione del pilota giordano, i ventidue minuti di orrore inviati al mondo con il prigioniero arso vivo in gabbia, avevano come obiettivo quello di scatenare una reazione bellica. Ieri la foto del re giordano Abdullah che si è fatto ritrarre in tenuta da combattimento, annunciando di fatto un’offensiva di terra nei confronti degli integralisti islamici, ha fatto il giro del mondo. Così come ha fatto il giro del mondo la notizia della povera ragazza ventiseienne statunitense ancora nelle mani dei barbari dell’Isis, che sarebbe stata uccisa proprio dai droni utilizzati dai giordani per i bombardamenti contro i miliziani dalla bandiera nera: “E’ morta sotto le macerie”, hanno detto al mondo i seguaci di Al Baghdadi. Da Amman rispondono che è una montatura, il Pentagono smentisce, ma ormai il veleno è drammaticamente in circolo.

Ma continuiamo a guardare i pezzetti del puzzle. Se il Medio oriente è una terrificante polveriera, spostiamoci nella nostra cara Europa, andiamo a guardare cosa accade in Ucraina. Angela Merkel e François Hollande sono volati da un riluttante Vladimir Putin per riuscire ad arginare la crisi che ha per protagonista la Russia. I risultati? Piuttosto scarsi. Il vicepresidente statunintense Joe Biden afferma sicuro che “Mosca vuole la crisi”. Ancora una volta ci aiuta la voce solitaria di Papa Francesco che grida: “Cessi al più presto questa orribile violenza fratricida, la guerra tra cristiani è uno scandalo”. Il pontefice si rivolge “all’amato popolo ucraino” e spiega quel che tutti i potenti dovrebbero spiegare: “Sento spesso parole come vittoria o sconfitta, l’unica parola giusta è pace. La preghiera è la nostra protesta davanti a Dio in tempo di guerra”.

Gli ucraini sperano di essere armati dagli americani, Putin strizza l’occhio a Alexis Tsipras e incita anche gli antieuropeisti nostrani, il quadro europeo va in pezzi per la sua condizione di inazione. Qualcuno ha sentito parlare in questi giorni di terrificante crisi mondiale di un ruolo svolto dal ministro degli Esteri europeo, Federica Mogherini? Qualche inutile incontro, qualche dichiarazione poco più che generica. La sostanza è che l’Europa in questo scacchiere non esiste, non conta nulla. E il rumore della guerra guerreggiata avanza.

Volete altri pezzi del puzzle? Pensate al crollo del prezzo del petrolio e a quanto possa mettere in difficoltà i paesi produttori. Pensate al collasso dell’euro, moneta che non unifica ma divide. Pensate ai governanti che decidono di non pagare il debito e scaricarlo sic et simpliciter sui popoli creditori. Pensate alla marea islamica che preme alle porte, sotto forma di invasione di profughi che provano a fuggire da terra dove la guerra rende impossibile anche solo la speranza. E pensate a chi quella marea governa, sfrutta, gestisce, utilizza. Pensate al milione di profughi in arrivo dall’Ucraina, sono stati annunciati ieri. E pensate alle guerre civili in corso in Nigeria, in Sudan, in Somalia tutte in mano all’azione di forze terrificanti almeno come e quanto l’Isis. Pensate a Boko Haram, pensate ad Al Qaeda. Pensate ai petrodollari dell’Arabia Saudita e degli Emirati e immaginate chi possano finanziare. Adesso allontanate lo sguardo e guardate il mosaico di tessere, il puzzle, nel suo complesso.

Troverete la profezia di Papa Francesco. E’ la terza guerra mondiale. E ancora, la soluzione l’ha dettata il Santo Padre: la religione, i capi religiosi, i cristiani siano capaci solo di pronunciare parole di pace.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2015
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

O capiamo o moriamo

Si cerca di analizzare il contesto che emerge dalla strage di Parigi prescindendo dal dato religioso. L’errore può essere fatale, l’unica soluzione venne indicata da Benedetto a Ratisbona

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la libertà cristiana, fermento universale di liberazione

Nella catechesi dell’udienza generale di oggi, l’undicesima dedicata alla Lettera di san Paolo ai Galati, il Papa ha sottolineato che la libertà donata dal Cristo risorto non entra in conflitto con le culture e le tradizioni. E che la tentazione dell’uniformità, di “un solo modello culturale”, ha provocato tanti “errori nell’ evangelizzazione”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco commemora i fedeli defunti

Papa Francesco: mi viene in mente uno scritto, alla porta di un piccolo cimitero, al nord: “Tu che passi, pensa ai tuoi passi, e dei tuoi passi pensa all’ultimo passo”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano