Media

di Mirko De Carli

Sanremo? Solo una vetrina

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Povia, partiamo con una domanda personale: qual e’ l’origine più profonda del suo essere cantautore e da che cosa trae ispirazione per comporre i suoi testi?

Essere cantautore per me è un’arma potente perché posso colpire dove altri non colpiscono e, nello stesso tempo, proporre coraggio, soluzione e speranza. Se lo faccio attraverso la musica, posso arrivare dove non arrivano le parole da sole. Trovo ispirazione nella sofferenza, sia mia che del mondo. La cosa più importante non è l’ispirazione ma trasformare il negativo in positivo.

Apre i battenti la kermesse musicale di Sanremo. In molti si ricordano la sua partecipazione con la canzone ‘Luca era gay’: che cosa ricorda di quell’esperienza e perché è andato al Festival della musica italiana con un storia così intensa e completamente fuori dal conformismo sanremese?

Sanremo mi ha dato molto e la gente mi conosce grazie ai 4 festival che ho fatto (2005/06/09/10). Questo è il mio ricordo più bello. Brani come Luca era gay, La Verità, Vorrei avere il becco o I bambini fanno oh sono stati notati e votati perché autentici. È vero, Sanremo ha una faccia conforme e sono sempre gli organizzatori che scelgono cosa dare alla gente che sta a casa, ma io come Povia difficilmente mi presenterei al festival se non avessi una canzone con un tema importante. Sanremo per me è una vetrina di persone, conduttori e multinazionali (compresa qualche radio network) che si scambiano favori e artisti pur di partecipare alla settimana televisiva, molto spesso senza avere molto da dire e con il solo tema dell’amore scritto a tavolino. Mi piace provare a cambiare le cose, tentare di parlare di qualcosa anche se, dopo Luca era gay, tutte le porte della musica mi si sono chiuse in faccia. Ho ricevuto molto consenso dalla gente e tuttora è così. Questo è l’essenziale per andare avanti.

Secondo lei ‘Luca era gay’ avrebbe meritato di vincere quel Sanremo? Ritiene che, per una canzone diciamo ‘scomoda’ come quella, fosse già predefinito un risultato non da primo posto sul podio del festival?

Non saprei, certo che in quell’anno non si parlava che di Luca era gay. Come ho detto prima, c’era molto consenso popolare e mi invitavano dovunque nelle trasmissioni nazionali, con molti minuti di presenza. Ero richiestissimo quindi sì probabilmente potevo vincere ma se avessi vinto non sarebbe cambiato molto. Il giorno dopo il secondo posto, ero su tutte le prime pagine dei giornali lo stesso, a momenti più del vincitore. Ancora nel 2015 ho molti problemi con chi viene ai miei concerti a disturbare. Queste persone non capiscono che la canzone Luca era gay e Povia sono a favore della libertà e dell’uguaglianza, che non devono essere selettive, o lo sono per tutti o non lo sono per nessuno. Sennò siamo sotto un nazismo culturale travestito da democrazia per polli allevati e io sarò pollo ma non allevato.

Domenica scorsa lei ha tenuto a Roma il ‘concerto per la vita di periferia’ organizzato dal Centro per l’aiuto alla vita ‘ARDEATINO’, in collaborazione con l’associazione LAURENTES per sostenere e promuovere il progetto “MAMMA SERENA”. Ci può raccontare questa iniziativa e che risultati ha prodotto?

È stata una bella giornata, il teatro Vigna Murata era pieno e gli organizzatori erano soddisfatti. Di questi tempi è molto raro. Risultati ne ha prodotti tanti. Ci sono state delle offerte che andranno a sostegno delle associazioni anche se credo che certe cose dovrebbero essere sovvenzionate in automatico dallo Stato, come succede in Svezia, Islanda e Norvegia per esempio. Però alla fine di tutto, è bello sapere e vedere che molti italiani hanno ancora la forza di attivarsi ed aiutare con il “fai da te” chi ha necessità. E poi molta gente non conosceva Povia a teatro e dal vivo e ora lo conosce. Tra questi, su tutti, ringrazio infinitamente Daniele Ricciardi e Ricette per Roma.

Oggi, secondo lei, cosa vuol dire ‘cantare per la vita’? Soprattutto ci può declinare cosa intende lei per ‘vita’, in tempi in cui il relativismo e il laicismo hanno svuotato di contenuto valori ricchi di senso e di storia come questo?

Per me cantare significa missione divertente. Non sono un santo questo è certo. Canto spesso quello che vorrei essere anche se non riesco ad esserlo però la musica deve dare segni positivi e di speranza sempre. In ogni canzone, sempre. Si può denunciare qualunque cosa, si possono cantare anche tragedie ma alla fine bisogna portare chi ti ascolta a pensare che ci sia una soluzione. La soluzione è vita. Divertente no? Relativismo? È un termine usato dai bimbiminkia (esclusi noi presenti). Tutti sanno cosa è giusto o sbagliato. Niente è relativo se si è lucidi. Un tempo i “ribelli” venivano chiamati alternativi, oggi invece la tendenza li porta a farsi chiamare “relativi”? Mi viene da ridere. Relativismo…solo perché non la pensiamo uguale forse? O solo perché non esiste una verità assoluta? Ma questo non è relativismo, è ideologia. Se ci fosse una verità assoluta per tutti, 7 miliardi di persone andrebbero d’accordo. Allora anche le religioni sono relative, eppure predicano tutte il bene e un Dio, così come l’eterna lotta tra chiesa e comunisti, entrambi vogliono aiutare i più deboli ma si fanno sempre la guerra. Non è relativismo, è ideologia e cioè mente umana. Relativismo..Chi ha inventato questa parola inutile? Scommetto che c’è lo zampino dei Greci eh?! Accidenti a loro e alla “democrazia” che non è mai esistita a dire il vero. Laicismo? Non esiste. È solo una tendenza, una moda vecchia, uno stile. Sono sempre loro i “Relativi”. Finché non si avranno tutte le risposte, ognuno nel proprio profondo, in un modo o nell’altro, incazzato o non incazzato, bestemmiatore o non bestemmiatore, ammetterà l’esistenza di Dio anche se non sa cos’è o com’è. Laico, Agnostico o Ateo..sì finché l’aereo non comincia a cadere…poi preghiere.

Un’ultima domanda: se lei dovesse partecipasse al prossimo Festival di Sanremo di cosa parlerebbe?

A Sanremo parlerei di chi comanda il mondo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/02/2015
1507/2019
San Bonaventura cardinale

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Media

Da Sanremo in lode di Mauro Coruzzi

Cantando al festival una canzone (brutta) pro ideologia gender, l’inventore di Platinette si è messo a nudo. Con risultati sorprendenti, forse pure per lui stesso.

Leggi tutto

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Media

Festival di Sanremo da dimenticare in fretta

Sempre e per sempre” canta Fiorella la rossa nella serata delle cover, in un Festival che avrebbe meritato di vincere. Sceglie De Gregori, dunque, al quale però non la lega nulla, se non una discreta parte del suo successo artistico. A meno che, con la sua densa nuova canzone, non abbia anche lei deciso di andare “A passo d’uomo”, titolo programmatico di uno schietto libro-intervista del “Principe della Sineddoche” (così un geniale striscione immortalò in un concerto il cantautore romano). Staremo a vedere: per adesso la Signora della Canzone italiana, l’interprete dal timbro invincibile è solo, per sua ammissione, una Combattente (militaresco titolo del suo ultimo cd), una grintosa guerrigliera teneramente persa nei sottoboschi del mainstream. Prenderle la mano e portarla fuori dal labirinto limaccioso in cui s’è cacciata guerreggiando a testa bassa, di questo viene voglia vedendola commossa e un po’ imbarazzata dietro l’inaspettato vincitore.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano