Società

di Mario Adinolfi

Uno studio (vero) sui “figli” di coppie gay

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Con un articolo sul British Journal of Education, Society & Behavioural Science, una rivista peer-reviewed (cioè rivista “dai pari” senza conoscere l’autore dei testi, dunque con un alto grado di attendibilità scientifica), il sociologo americano Paul Sullins afferma che i “problemi emotivi [sono] maggiori per i bambini con genitori dello stesso sesso rispetto a quelli con genitori di sesso opposto addirittura con una incidenza più che doppia”. Sullins dice chiaramente: “Non è più lecito affermare che nessuno studio ha trovato i bambini che vivono in famiglie omogenitoriali svantaggiati rispetto a quelli in famiglie eterosessuali”.

La ricerca si basa su un campione più ampio rispetto a quelli di qualsiasi altro precedente studio: 512 bambini con “genitori” dello stesso sesso, dati tratti dal Interview Survey National Health. I problemi emotivi rilevati sono molteplici, compresi comportamenti scorretti, preoccupazioni, depressione, rapporti difficili con i coetanei e incapacità di concentrarsi. Secondo Sullins i genitori di sesso opposto riescono a fornire un ambiente migliore dove vivere e crescere. Il modello Elton John di dare “amore” ai figli avuti da madri tramite l’utero in affitto non funziona. Sullins sostiene che “il vantaggio principale del matrimonio per i bambini non può essere il fatto di presentargli genitori migliori (più stabili, finanziariamente benestanti, ecc), ma di presentargli i propri genitori“. C’è altro da aggiungere?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/02/2015
1512/2019
Beata Maria Vittoria de Fornari Strata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

    Nessun tag disponibile.

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano