Chiesa

di Mario Adinolfi

Non sarà una Quaresima facile

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

“Solo il Signore può salvare dal flagello”, ripete Francesco facendo eco al passo del profeta Gioele della liturgia di ieri, nell’omelia tenuta a Santa Sabina a Roma nel giorno delle Ceneri. La Quaresima inizia così, con il Papa che quasi splende indossando i prescritti paramenti viola, non è uno splendore tranquillizzante, c’è preoccupazione tangibile nelle sue parole. E’ come se quei paramenti fossero resi particolarmente lucenti dal rosso sangue violaceo davvero: pare proprio il sangue versato dai martiri copti mescolato alle acque del mar Mediterraneo filmato dall’ultimo video orribile dell’Isis e viene anche in mente l’ultimo suicidio di un detenuto in un carcere italiano, quello commentato sui social network da alcune impietose guardie penitenziarie con un infame “uno di meno”. Viene in mente tutto il male del mondo guardando i paramenti viola del Papa a Santa Sabina e lui deve sentirselo addosso quel male, sembra quasi schiacciato dalla responsabilità. Invoca le lacrime: “La preghiera dei sacerdoti va accompagnata dalle lacrime. Ci farà bene a tutti, ma specialmente a noi sacerdoti, chiedere all’inizio di questa Quaresima il dono delle lacrime,così da rendere la nostra preghiera e il nostro cammino di conversione sempre più autentici e senza ipocrisia. Ci farà bene chiedere: il Papa piange? I cardinali piangono? I sacerdoti piangono? I consacrati piangono?”.

Bellissimo passaggio così denso di punti interrogativi. L’interrogativo è rivolto anche a noi, non fate i distratti cari lettori. Voi piangete? Io piango? Ci stiamo rendendo conto del male che sta impadronendosi del mondo, prestiamo l’orecchio ai messaggi che ci arrivano anche da Maria o abbiamo deciso di essere sordi e con il ciglio asciutto?

Sempre dalla liturgia di ieri Papa Francesco ci indica una strada, la indica al mondo: “Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio”. Cita San Paolo, il romano pontefice. Il messaggio sembra inviato sulle coste libiche come nelle terre ucraine, tra i cristiani nigeriani vittime di Boko Haram e tra quelli pakistani presi di mira ad ogni angolo di strada sempre per ragioni religiose. L’analisi di queste ore, di questi giorni è paradossale: sembra voler sottolineare ad ogni passo che “non si tratta di una guerra religiosa. E’ invece, in tutta evidenza, proprio una terza guerra mondiale tutta religiosa, solo religiosa, contro i cristiani o “i crociati” se si vuole restare al gergo ossessivamente utilizzato dall’Isis in ogni messaggio. E poiché è una guerra di natura religiosa, anche all’interno dell’Islam per il raggiungimento di posizioni egemoniche, come si fa a non comprendere che solo una “riconciliazione con Dio” può disinnescare la potenzialità maligna del conflitto in fieri?

Non si tratta di chiacchiere, si tratta di una dimensione pienamente operativa, fattuale. Significa prima di tutto utilizzare anche il tempo quaresimale per una riflessione accurata sui passi da compiere. Qualche settimana sarà necessaria. Significa lavorare sul rafforzamento del ruolo non tanto di un generico “islam moderato”, quanto di punti di riferimento che nel mondo islamico e anche in Libia si sono caratterizzati prima di tutto teologicamente contro la strategia adottata dall’Isis. Significa capire di cosa si sta parlando. E in molto chiacchiericcio da bar e da salotto televisivo questo presupposto pare non essere per niente soddisfatto.

La riflessione papale ieri a Santa Sabina chiedeva di compiere tutti gli atti prescritti dal tempo quaresimale “senza ostentazione” e “nel segreto”. Ci sembra una strategia di intelligence più illuminata degli inutili rulli di tamburi di guerra ascoltati nei giorni scorsi. Dio ci guidi in questo cammino verso la Pasqua, non saranno settimane facili.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/02/2015
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il rapporto monco di Amnesty

Di fatto ad Amnesty International non piace notare che c’è una colossale questione religiosa e c’è una sola fede i cui seguaci sono perseguitati talvolta fino alla morte: il cristianesimo

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco & Kirill: una nuova geopolitica ecumenica

Storico incontro con la firma di un importante documento condiviso: Europa e mondo, famiglia e matrimonio, vita umana dal concepimento alla morte naturale sono solo alcuni dei temi di un testo decisivo. E poi tra il Patriarca e il Papa c’è stato un fitto colloquio privato, di due ore. Trump e l’America (wasp e liberal) osservavano preoccupati da sopra l’isola caraibica. Forse facevano bene

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano