Chiesa

di Mario Adinolfi

Non sarà una Quaresima facile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Solo il Signore può salvare dal flagello”, ripete Francesco facendo eco al passo del profeta Gioele della liturgia di ieri, nell’omelia tenuta a Santa Sabina a Roma nel giorno delle Ceneri. La Quaresima inizia così, con il Papa che quasi splende indossando i prescritti paramenti viola, non è uno splendore tranquillizzante, c’è preoccupazione tangibile nelle sue parole. E’ come se quei paramenti fossero resi particolarmente lucenti dal rosso sangue violaceo davvero: pare proprio il sangue versato dai martiri copti mescolato alle acque del mar Mediterraneo filmato dall’ultimo video orribile dell’Isis e viene anche in mente l’ultimo suicidio di un detenuto in un carcere italiano, quello commentato sui social network da alcune impietose guardie penitenziarie con un infame “uno di meno”. Viene in mente tutto il male del mondo guardando i paramenti viola del Papa a Santa Sabina e lui deve sentirselo addosso quel male, sembra quasi schiacciato dalla responsabilità. Invoca le lacrime: “La preghiera dei sacerdoti va accompagnata dalle lacrime. Ci farà bene a tutti, ma specialmente a noi sacerdoti, chiedere all’inizio di questa Quaresima il dono delle lacrime,così da rendere la nostra preghiera e il nostro cammino di conversione sempre più autentici e senza ipocrisia. Ci farà bene chiedere: il Papa piange? I cardinali piangono? I sacerdoti piangono? I consacrati piangono?”.

Bellissimo passaggio così denso di punti interrogativi. L’interrogativo è rivolto anche a noi, non fate i distratti cari lettori. Voi piangete? Io piango? Ci stiamo rendendo conto del male che sta impadronendosi del mondo, prestiamo l’orecchio ai messaggi che ci arrivano anche da Maria o abbiamo deciso di essere sordi e con il ciglio asciutto?

Sempre dalla liturgia di ieri Papa Francesco ci indica una strada, la indica al mondo: “Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio”. Cita San Paolo, il romano pontefice. Il messaggio sembra inviato sulle coste libiche come nelle terre ucraine, tra i cristiani nigeriani vittime di Boko Haram e tra quelli pakistani presi di mira ad ogni angolo di strada sempre per ragioni religiose. L’analisi di queste ore, di questi giorni è paradossale: sembra voler sottolineare ad ogni passo che “non si tratta di una guerra religiosa. E’ invece, in tutta evidenza, proprio una terza guerra mondiale tutta religiosa, solo religiosa, contro i cristiani o “i crociati” se si vuole restare al gergo ossessivamente utilizzato dall’Isis in ogni messaggio. E poiché è una guerra di natura religiosa, anche all’interno dell’Islam per il raggiungimento di posizioni egemoniche, come si fa a non comprendere che solo una “riconciliazione con Dio” può disinnescare la potenzialità maligna del conflitto in fieri?

Non si tratta di chiacchiere, si tratta di una dimensione pienamente operativa, fattuale. Significa prima di tutto utilizzare anche il tempo quaresimale per una riflessione accurata sui passi da compiere. Qualche settimana sarà necessaria. Significa lavorare sul rafforzamento del ruolo non tanto di un generico “islam moderato”, quanto di punti di riferimento che nel mondo islamico e anche in Libia si sono caratterizzati prima di tutto teologicamente contro la strategia adottata dall’Isis. Significa capire di cosa si sta parlando. E in molto chiacchiericcio da bar e da salotto televisivo questo presupposto pare non essere per niente soddisfatto.

La riflessione papale ieri a Santa Sabina chiedeva di compiere tutti gli atti prescritti dal tempo quaresimale “senza ostentazione” e “nel segreto”. Ci sembra una strategia di intelligence più illuminata degli inutili rulli di tamburi di guerra ascoltati nei giorni scorsi. Dio ci guidi in questo cammino verso la Pasqua, non saranno settimane facili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/02/2015
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Al male bisogna opporsi

Ancora una volta sul web c’è chi dà patenti di misericordiosità. Io, ovviamente, non sono misericordiosa, perché ho attaccato il neo ministro Fedeli. Invece bisogna offrire appoggio, e collaborazione, e testimoniare senza opporsi. Ma al male, non alle persone, bisogna opporsi. È vero, abbiamo scherzato tutti sulla sua non laurea, ma molti senza parole offensive (io per esempio ho diffuso un invito alla sua fantomatica festa di laurea in un autogrill: saremo in più di dodicimila, io porto le patatine), e personalmente trovo molto deprimente che qualcuno pensi di sembrare più importante con una laurea (alcune tra le persone che stimo più al mondo non ce l’hanno).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

PAPA FRANCESCO SANTA MESSA CONCLUSIVA DEL 52.mo CONGRESSO EUCARISTICO INTERNAZIONALE

Innanzi ad oltre centomila fedeli, Francesco celebra la Statio Orbis per concludere il 52.mo Congresso eucaristico internazionale di Budapest. Nell’omelia invita ad aprirsi “alla novità scandalosa” di Dio, “servo crocifisso” e non “messia potente”.

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ecumenismo è ascolto comunitario

Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti al pellegrinaggio ecumenico “Con Lutero dal Papa” proveniente dalla Germania, con il motto “Meglio tutti insieme” auspicando per la Chiesa “disponibilità all’ascolto”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano