Società

di Giuliano Guzzo

Morte ai dementi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quasi un medico olandese su tre – il 27%, per la precisione – prenderebbe senza problemi in considerazione una richiesta di suicidio assistito avanzata da persone ‘stanche di vivere’ in presenza di una condizione medica grave, e quattro su dieci sarebbero disposti ad aiutare a morire anche chi si trovasse ancora ad uno stadio iniziale di demenza. Anche se potrebbe sembrare, non si tratta di un film dell’orrore, bensì dell’esito di un recente sondaggio appena pubblicato sul Journal of Medical Ethics a cura di un team di ricercatori che, fra ottobre 2011 e giugno 2012, ha selezionato in modo casuale 2.500 fra medici di famiglia e specialisti in assistenza agli anziani, cardiologia, medicina respiratoria, terapia intensiva, neurologia e medicina interna trasmettendo loro un questionario al quale hanno risposto in 1.456, con gli esiti che si sono detti.

Il dubbio che, davanti ad una ricerca simile, potrebbe sorgere è: ma i medici olandesi sono forse impazziti? Come mai più di un camice bianco su tre accetterebbe, contraddicendo in pieno la propria deontologia professionale, di dare la morte anche a pazienti che versassero in una condizione iniziale di demenza? Il “giurista puro”, colui per il quale l’eutanasia è essenzialmente questione di atteggiamento normativo – o favorevole o contrario – è libero di disinteressarsi della questione. Chi però ha ancora a cuore il destino di una società e della comunità in cui vive non può ignorare i numeri davvero sconvolgenti poc’anzi ricordati e fare a meno di interrogarsi sulla loro origine. E’ un caso che quel sondaggio sia stato svolto proprio fra terapeuti olandesi? Se lo stesso questionario fosse stato somministrato, per esempio, a medici italiani gli esiti sarebbero stati gli stessi?

Difficile, anzi difficilissimo; e non è ovviamente un caso che lo scenario ricordato rifletta l’atteggiamento di una percentuale non trascurabile del personale medico dei Paesi Bassi. Quello è, infatti, un Paese fra i più tolleranti al mondo nei confronti della “dolce morte”, non più perseguita dal ’94, e nel quale, dal 1º aprile 2002, una legge che stabilisce precise condizioni – tra le quali, da un lato, l’accertata presenza di dolori insopportabili e, dall’altro, l’assenza di prospettive di miglioramento - alla luce delle quali la richiesta di morte di un paziente è da considerarsi a tutti gli effetti lecita. Ma allora come si spiega, da parte dei medici, un atteggiamento favorevole alla morte persino per le persone semplicemente ‘stanche di vivere’? A prima vista sembrerebbe trattarsi di un’anomalia dal momento che la citata normativa non disciplina affatto questa fattispecie, e pare dunque strano che dei cittadini, fra l’altro proprio quelli impegnati in un compito tanto alto e nobile quale è quello della cura, la pensino in quel modo.

In realtà, gli esiti del succitato sondaggio – per quanto inquietanti – non sono sorprendenti. E il motivo per cui non lo sono, motivo che i lettori de La Croce più di altri potrebbero intuire giacché al riguardo si è già scritto, deriva dal fatto che non esiste normativa al mondo, tanto meno sul versante bioetico, che disciplini un fenomeno senza concorrere a determinare l’atteggiamento che i consociati hanno verso lo stesso. Significa che una volta che uno Stato, per esempio, consente l’aborto procurato “a certe condizioni” il cittadino medio di quelle “condizioni” si dimentica in fretta perché il messaggio che resta è ben altro: sopprimere i bambini prima che nascano è forse un atto poco simpatico, ma non è grave. E significa anche, venendo all’eutanasia, che una volta che uno Stato ammette che, “a certe condizioni”, la vita possa essere ritenuta indegna di essere vissuta, a fissarsi nella mente delle persone non sono certo quelle “condizioni”, bensì l’idea che la dignità umana abbia un valore relativo a seconda di quello che ciascuno vi attribuisce.

Converrà dunque fare pensarci bene, allorquando se ne discutesse, prima di esprimere un giudizio favorevole alla cosiddetta “dolce morte” perché, come insegnano i fatti e l’esperienza di altri Paesi, una volta legalizzata, quella presunta dolcezza, nel giro di poco, tende a diventare amara. Parecchio amara.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/02/2015
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Società

Sarco: la morte si fa euforica

Leggi tutto

Politica

LE ERRATE PREMESSE LOGICHE DI SAVIANO

La paginata che il Corriere della Sera regala a Saviano per dire “il proibizionismo ha fallito” e “fa ricche le mafie” crea le errate premesse logiche non per la cannabis di Stato, ma per far diventare lo Stato spacciatore di ogni droga. Dicono di voler “salvare i giovani”. Li stanno annegando in un oceano di minchiate.

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano