Chiesa

di don Salvatore Vitiello

Senza celibato resta solo il proselitismo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Forse non tutti sanno che il celibato dei sacerdoti è solo l’aspetto giuridico di un’esigenza molto più profonda e fondata: quella della perfetta continenza. Se è storicamente discussa la tesi secondo cui la cosiddetta “legge del celibato” risalirebbe al IV secolo, è fuori discussione l’esistenza della precedente “disciplina della continenza”, secondo la quale, anche gli sposati che accedevano ad uno degli ordini sacri (vescovi, preti, diaconi) erano tenuti a “non usare più” del matrimonio. La richiesta del consenso delle mogli per l’ordinazione, ha qui il proprio fondamento: esse, infatti, rinunciavano ad un diritto naturale, per il bene della Chiesa e la Chiesa, madre, non procedeva all’ordinazione senza che tale consenso fosse assunto e manifestato consapevolmente.

Anche i dati biblici sono incontrovertibili: Gesù è stato celibe; Gesù ha scelto liberamente e volontariamente la vita celibataria (dubitare di ciò significa dubitare dell’integrità della sua umanità); Gesù ha chiesto la continenza a tutti i suoi apostoli, sia a Pietro sposato, sia a Giovanni celibe. Tale richiesta emerge, in modo diretto, nell’invito a seguirlo, ed in modo indiretto, nella risposta pronta e totale degli apostoli al Signore. Essi sono stati fedeli alla continenza sia nei tre anni della peregrinazione in Palestina, sia dopo la morte e risurrezione di Gesù. Non c’è, infine, alcuna prova scritturistica per affermare che la richiesta della continenza non sia stata trasmessa dagli apostoli ai loro successori.

Storicamente, poi, è necessario riconoscere che la disciplina del celibato/continenza è stata tenuta in grandissima considerazione sia nella Chiesa latina, sia in quella orientale, anzi i documenti storici sono di maggiore rilievo per quest’ultima. (Policarpo, Clemente d’Alessandria, Origene, Costituzione siriana detta Didascalia degli apostoli, Concilio di Nicea, Basilio il Grande, Efrem il Siro, Cirillo di Gerusalemme, Giovanni Crisostomo).

Ancora oggi tutte le Chiese orientali scelgono solo i celibi per la pienezza del sacramento dell’ordine che è l’episcopato.

Ancora oggi i sacerdoti orientali sono tenuti all’obbligo della continenza, per poter celebrare l’Eucaristia. Questa è la ragione per cui, di solito, celebrano solo la domenica, osservando per i giorni precedenti la continenza. Il celibato sacerdotale, allora, è solo la “veste giuridica”, che la Chiesa si è data per preservare qualcosa di molto più importante: la Tradizione apostolica (e quindi immutabile) della continenza.

Il cristianesimo si diffonde solo per attrazione, per testimonianza. Che cos’è la testimonianza?

È quel modo di vivere che sarebbe assurdo se non ci fosse Cristo! È più il modo di vivere è assurdo, più la testimonianza è forte, scioccante, intollerabile e quindi da eliminare. Il celibato per il Regno dei Cieli è esattamente questo: un modo di vivere assurdo per chi non ri-conosce Cristo. Ma davanti a tutti è testimonianza di Lui, del fatto che si può vivere e morire per Lui, del fatto che la sua croce e risurrezione bastano a dare senso all’intera esistenza dell’uomo. La più grande testimonianza (in greco martyria) che ancora oggi, quotidianamente, i cristiani offrono al mondo è il martirio fisico: l’offerta della vita fisica per testimoniare Cristo e la sua irriducibile sovranità sul mondo. Perché “Cesare non è Dio”, come afferma il Catechismo al n. 450. Dopo il martirio fisico, c’è il martirio della castità: l’offerta della forza più grande presente nell’uomo, dopo l’istinto di sopravvivenza, che è la forza affettiva.

Non è un caso che la secolarizzazione vada a braccetto con la banalizzazione della sessualità umana. Ridotta a mero istinto, essa non parla più di relazione, dell’altro e quindi dell’alterità suprema trascendente: di Dio.

Gesù ha vissuto da celibe ed ha chiesto agli apostoli di vivere nello stesso modo (apostolica vivendi forma) perché il cristianesimo fosse testimoniato dall’eccezionalità di una presenza; dalla forza di un “umano cambiato” grazie all’incontro con Cristo; cambiato nel modo di vivere e di amare; cambiato fino all’accoglienza, nella propria carne, nel nulla di se stessi, del tutto di Dio.

Solo un’umanità cambiata può attirare a Cristo; solo così il cristianesimo potrà continuare a trasmettersi alle nuove generazioni e diffondersi: per attrazione.

Per l’attrazione di un modo di vivere nuovo, che sarebbe assurdo se non ci fosse Cristo. Al di fuori della testimonianza, resta solo il triste proselitismo che, invece di porre di fronte alla Presenza, cerca di convincere di alcune -pur grandi- idee.

I cristiani non dànno la vita per un’idea, ma per una persona; il celibato per il regno è la scelta che Gesù ha compiuto perché coloro che Egli chiama a guidare la sua Chiesa siano, innanzitutto ed in modo supremo, testimoni. E non ci sono infedeltà storiche che possano cancellare la luminosità (talora abbagliante) della testimonianza di chi lascia tutto per seguire il Signore.

Ancora oggi. Dopo duemila anni. Con la “convenienza umana” del centuplo di ragione, di senso e di amore e di umanità che ciò promette. E mantiene.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/02/2015
1701/2020
Sant'Antonio abate

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Storie

A Roma quel telo che inquieta e dà speranza

Non nel senso che la Sindone sarebbe in questo momento nella capitale (l’ultima) d’Italia – sta sempre nella prima – però l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione con il Centro internazionale di Sindonologia e con il Centro diocesano di Sindonologia “Giulio Ricci” di Roma, ha organizzato e ospitato il Convegno internazionale “Vide e credette”. Non solo la questione dell’autenticità del telo, ma un’occasione divulgativa e persino didattica

Leggi tutto

Chiesa

Il vostro nemico il diavolo

Fra Benigno raccoglie un’eredità pesante, ora che padre Amorth non c’è più. Al frate siciliano, come volto e nome noto, forse il più conosciuto tra gli esorcisti italiani viventi, tocca adesso continuare a tenere desta l’attenzione sul nemico. Come è risaputo, quest’ultimo non va certo in vacanza: informare, evangelizzare, invitare alla preghiera e ad una vita sacramentale rimangono attività fondamentali per contrastarne l’azione. Fra Benigno non si stanca mai di farlo. L’ultima fatica del frate si intitola «Il vostro nemico il diavolo. Misericordiosi come Gesù verso i tormentati e coloro che credono di esserlo» (Paoline, 280 pp., 22, 00 euro). Un libro importante, per molti versi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano