Società

di Francesco Agnoli

La fede fa bene dice la scienza

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Quando il fondatore di questo giornale e i suoi collaboratori si battono per il diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre, fanno una battaglia di buon senso, umana, razionale. Ciò che invocano, a monte delle loro argomentazioni, è, in fondo, la natura umana, così come è, accessibile a tutti. Ne deriva, si potrebbe pensare, che sia una battaglia di pura ragione. Come dimostra per esempio il sociologo Giuliano Guzzo nel suo utilissimo e documentatissimo La famiglia è una sola.

Ma la questione è più complicata. La ragione conta, ma non basta. Gli insulti, le maledizioni, l’odio che sovente colpiscono chi difende i bambini -dai ferri del chirurgo, dall’indifferenza della politica e di una certa cultura anti-famiglia, o dal business dell’eterologa e dell’utero in affitto-, lo dimostrano.

Questo perché la ragione umana, in se considerata, è molto debole, fragile. E’ facilmente sopraffatta dall’istinto, dall’egoismo, dalla cattiva volontà. Siamo tutti figli di quel peccato originale che sovente intorbidisce i nostri ragionamenti, inquina le nostre azioni, anche quelle nate con le migliori intenzioni. Per questo a volte non riusciamo a vedere l’evidenza. Per questo Cristo ci ha detto: “Senza di me non potete far nulla”.

Ma come si fa a stare con Cristo? Ci sono la Chiesa, i sacramenti, e la preghiera. Abbiamo tutti bisogno di pregare, cioè di alzare gli occhi al cielo, di vincere i pesi che ci trascinano inevitabilmente verso il basso: l’egoismo, l’orgoglio, l’ira, l’invidia, la stanchezza… Abbiamo tutti necessità di ossigenare non solo il nostro corpo, cui dedichiamo sovente molte, anche troppe attenzioni, ma anche la nostra anima.

“Si potrebbe comparare il senso del sacro – scriveva il premio Nobel per la medicina Alexis Carrel in una meditazione intitolata La preghiera - al bisogno di ossigeno. E la preghiera avrebbe qualche analogia con la funzione respiratoria. Essa dovrebbe essere, allora, considerata come l’agente delle relazioni naturali tra la coscienza e il suo mondo. Come un’attività biologica dipendente dalla nostra struttura. In altri termini, come una funzione normale del nostro corpo e del nostro spirito”.

Nella preghiera, infatti, l’uomo entra in relazione con la sua Origine e il suo Fine, con il substrato, il cuore, per così dire, di ogni cosa. E così facendo, vede, alla luce di Dio, se stesso: nella preghiera- è sempre Carrel che parla- “l’’uomo si vede tale quale è. Scopre il suo egoismo, la sua cupidigia, i suoi errori di giudizio, il suo orgoglio. Egli si abitua a compiere i suoi doveri morali. Tenta di guadagnare l’umiltà intellettuale. Così si apre davanti a lui il regno della grazia”.

Senza preghiera, senza meditazione, senza esame di coscienza, la nostra anima si secca, la nostra coscienza si assopisce piano piano, il nostro istinto animalesco si trova liberato e non esita a mostrare la sua faccia malvagia. Pregare è, in questo senso, la strada per raggiungere l’umiltà, per sconfiggere l’odio (che tenta, talora, di impadronirsi di noi), per diventare più simili agli angeli che alle belve.

Abbiamo dunque bisogno di preghiera: di quella individuale, ma anche di messe celebrate bene, di chiese belle, costruite da artisti di fede, di canti dignitosi, ricchi di senso del sacro, del soprannaturale (magari anche di un po’ di musica gregoriana, ché, per le canzonette, non serve andare in chiesa).

La preghiera guarisce lo spirito, lo ritempra come un bagno freddo, lo predispone a vivere le cose belle e le avversità della giornata con un gusto e una gioia particolari.

Il già citato Carrel, convertitosi a Lourdes, affermava che la preghiera talora guarisce l’anima; talora aiuta a sopportare con incredibile forza i mali del corpo; talora persino guarisce il corpo stesso.

Oggi svariati studi provano che la dimensione spirituale interagisce profondamente con quella fisica. Il mensile Le Scienze del gennaio 2015, riporta varie indagini secondo le quali grazie alla meditazione “avvengono cambiamenti fisiologici… e effetti psicologici benefici”, scientificamente rilevabili. Scrivono gli autori dell’articolo: “Quindici anni di ricerche non hanno solo mostrato che la meditazione produce cambiamenti significativi sia nel funzionamento sia nella struttura del cervello dei praticanti esperti. Gli studi iniziano ora a dimostrare che queste pratiche contemplative potrebbero avere un impatto sostanziale su alcuni processi biologici critici per la salute del corpo”.

Tra i numerosi studi scientifici pubblicati negli ultimi anni, ne segnalo soltanto tre. Il primo, sul Psychol Health 2009 Jan;28(1):117-24, analizza “il rapporto esistente tra l’assiduità nel frequentare la chiesa e la salute del corpo in età matura” e conclude suggerendo che esista “un legame più diretto tra la presenza regolare in chiesa e il benessere”.

Un altro studio, a cura di Rita W.Law, dell’Università dell’Arizona, in Journal of Aging and Health.2009 Sep;21(6):803-23, conclude: “è emerso che la frequentazione di una chiesa ha un effetto protettivo contro il manifestarsi di problemi di natura depressiva tra gli anziani. Inoltre, essere sposati o sposarsi si accompagnava alla diminuzione di stati depressivi, mentre la cessazione del matrimonio produceva l’effetto contrario”.

Il terzo studio, del 2014, pubblicato sul Journal of Aging and Health 26(4): 540-558, a cura di due professori dell’Università del Michigan, indaga se “la vita sociale in associazioni religiose” sia connessa o meno con una migliore salute fisica. I risultati: le persone che vanno più spesso in chiesa riceveranno più supporto spirituale dai membri della chiesa; questo comporta una speranza maggiore; la maggior speranza è collegata ad una miglior salute percepita.

Davanti ad un figlio inatteso o malato, a un matrimonio in crisi o ad una malattia difficile da sopportare - tanto per citare tre “croci” piuttosto diffuse-, servono certamente speranza e fiducia: le possiamo trovare proprio nella preghiera, che ci permette di percepire che non siamo soli, ma figli amati di un Padre buono.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/02/2015
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Storie

Hadjadj a Verona per un pensiero fecondo

Essere genitori, in definitiva, è farsi simili all’amore. E “per amore”, conclude Hadjadj, “significa “senza perché”, senza altra ragione estranea all’amore stesso. Per chi è fuori sembra un’assurdità. Per chi è dentro appare come una grazia”.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano