Società

di Elisabetta Pittino

Per una vera femminilità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Noi non vogliamo che le voci del femminismo, dell’ideologia gender e dei “diritti sessuali e riproduttivi” siano le uniche ad essere ascoltate in tutto il mondo. Le donne hanno molto di più da dire e molto da dare al mondo.

Non vogliamo che il mondo creda che noi sosteniamo l’ideologia gender, non vogliamo che il mondo pensi che la maternità sia un valore desueto, non vogliamo che i politici presumano che il femminismo radicale rappresenti le posizioni delle donne, non vogliamo che le istituzioni internazionali proseguano con quelle politiche che ignorano l’identità femminile e quindi distruggono in valore e la dignità della maternità e il ruolo delle donne nella famiglia e nella società.

Questo 8 marzo sarà diverso. Dichiareremo ad alta voce che noi, le Donne del Mondo, vogliamo essere donne alle condizioni delle donne, vogliamo essere femminili, vogliamo essere ed amare il nostro essere madri. Il mondo ha bisogno che lo facciamo” dichiara Leonor Tamayo, Presidente della ONG spagnola Profesionales por la Ética, presentando la Dichiarazione delle Donne del Mondo

L’iniziativa è promossa da Profesionales por la Ética in collaborazione con l’associazione francese Femina Europa (http://femina-europa.org/actu/), l’ Istituto di Studi Superiori sulla Donna (http://www.istitutodonna.it/) e l’associazione belga Woman Attitude (http://womanattitude.com/), con l’obiettivo di esprimere alle istituzioni internazionali e politiche di tutto il mondo quello che “noi, le donne del mondo, pensiamo, crediamo, chiediamo”.

Una Dichiarazione “di donna in donna”, disponibile in Spagnolo, Francese, Italiano, Inglese, Portoghese, Giapponese ed Arabo, dove sono presentate 10 “idee”, così le definiscono le promotrici, sul ruolo della donna, l’identità femminile e la maternità con 5 richieste di base.

Dove donna e uomo, che hanno bisogno di ricoprire la loro identità, sono complementari e reciproci “per il bene loro, delle loro famiglie, del mercato del lavoro e della società”.

Dove “L’autentica emancipazione femminile implica la libertà di essere donna e di vivere come donna” (punto 10). E la libertà di essere donna passa attraverso il riconoscimento della maternità come valore, perché “Le donne non saranno mai libere se non saranno fedeli alla loro natura femminile” dice la norvegese Jaane Haaland Matlàry, Docente di Politica Internazionale all’Università di Olso.

Tra le cinque richieste contenute nella dichiarazione troviamo quella sul “Divieto universale della maternità surrogata” perché “ è una violazione della dignità sia della madre sia del bambino. È una nuova forma di sfruttamento della donna e di traffico di esseri umani, che rende il bambino l’oggetto di un contratto”.

Una dichiarazione di “femminilità alternativa”, controcorrente rispetto al politicamente corretto in vigore oggi, che verrà presentata pubblicamente l’8 marzo, giornata della donna, al Parlamento Europeo di Bruxelles e in diversi paesi e inviata ufficialmente alle varie istituzioni quello stesso giorno. Per questo le associazioni promotrici chiedono a tutte le donne del mondo di aderire alla dichiarazione. L’intento è di raggiungere almeno 15.000 firme. È necessario un sostegno massiccio per rompere il femminismo radicale e l’ideologia di gender, secondo gli organizzatori. Quindi “se sei una donna, firma, e se non lo sei, per piacere, aiutaci a diffonderla [n.d.r la Dichiarazione] in tutto il mondo”. Sono oltre 90 le associazioni di tutto il mondo che hanno finora supportato la Dichiarazione.

“È il nostro turno, il turno delle donne vere, concrete, reali e di un nuovo femminismo”concludono i promotori.

E tu che donna vuoi essere?

Qui il link per leggere la dichiarazione:

http://www.profesionalesetica.org/wp-content/uploads/2015/02/WOMEN-OF-THE-WORLD-it.pdf

Questo invece il link per aderire:

http://www.profesionalesetica.org/statement-of-the-women-of-the-world/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2015
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vogliono il mondo di Frankenstein e usano i bambini

Il “gioco del rispetto” in 45 scuole dell’infanzia a Trieste altro non è che il tentativo di contrapporre l’indifferenziato all’identità, anche sessuale, persino dei più piccoli

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Società

Il professore ai suoi studenti: «Sono una donna».

Il professore (la professoressa) fa coming out e si presenta in classe dai suoi studenti: «Sono una donna». Accade a Ivrea, allo storico liceo Botta, dove Andrea Perinetti, il primo giorno di scuola, si è presentato in classe come la professoressa Perinetti, dopo oltre vent’anni di insegnamento: 61 anni, ex allieva del liceo, ha deciso così di rendere pubblica la sua “nuova” identità di genere.

Leggi tutto

Chiesa

Lettera di Monsignor Andrea Bellandi per il Natale

In vista del Santo Natale il nostro Arcivescovo ha rivolto il proprio messaggio di auguri ai fedeli dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, nella lettera S.E. Mons. Andrea Bellandi scrive: Viviamo in un “cambiamento d’epoca”, come più volte ha detto papa Francesco, ma spesso molti tra noi non ne hanno piena coscienza e il rischio è che, pur continuando ad usare parole cristiane, compiere gesti cristiani, appellarsi a valori cristiani – nella logica del “si è sempre fatto così” – questa tradizione risulti a molti sempre più vuota di contenuto e di esperienza reale (…)

Leggi tutto

Storie

Ucraina: alloggi e trasporti per i rifugiati in Italia

Proseguono gli arrivi in Italia di persone in fuga dal conflitto in Ucraina. Secondo i dati del Viminale, aggiornati a 36 ore fa, erano 37.447 le persone giunte in Italia: 19.002 donne, 3.298 uomini e 15.147 minori.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano