Società

di Elisabetta Pittino

Per una vera femminilità

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Noi non vogliamo che le voci del femminismo, dell’ideologia gender e dei “diritti sessuali e riproduttivi” siano le uniche ad essere ascoltate in tutto il mondo. Le donne hanno molto di più da dire e molto da dare al mondo.

Non vogliamo che il mondo creda che noi sosteniamo l’ideologia gender, non vogliamo che il mondo pensi che la maternità sia un valore desueto, non vogliamo che i politici presumano che il femminismo radicale rappresenti le posizioni delle donne, non vogliamo che le istituzioni internazionali proseguano con quelle politiche che ignorano l’identità femminile e quindi distruggono in valore e la dignità della maternità e il ruolo delle donne nella famiglia e nella società.

Questo 8 marzo sarà diverso. Dichiareremo ad alta voce che noi, le Donne del Mondo, vogliamo essere donne alle condizioni delle donne, vogliamo essere femminili, vogliamo essere ed amare il nostro essere madri. Il mondo ha bisogno che lo facciamo” dichiara Leonor Tamayo, Presidente della ONG spagnola Profesionales por la Ética, presentando la Dichiarazione delle Donne del Mondo

L’iniziativa è promossa da Profesionales por la Ética in collaborazione con l’associazione francese Femina Europa (http://femina-europa.org/actu/), l’ Istituto di Studi Superiori sulla Donna (http://www.istitutodonna.it/) e l’associazione belga Woman Attitude (http://womanattitude.com/), con l’obiettivo di esprimere alle istituzioni internazionali e politiche di tutto il mondo quello che “noi, le donne del mondo, pensiamo, crediamo, chiediamo”.

Una Dichiarazione “di donna in donna”, disponibile in Spagnolo, Francese, Italiano, Inglese, Portoghese, Giapponese ed Arabo, dove sono presentate 10 “idee”, così le definiscono le promotrici, sul ruolo della donna, l’identità femminile e la maternità con 5 richieste di base.

Dove donna e uomo, che hanno bisogno di ricoprire la loro identità, sono complementari e reciproci “per il bene loro, delle loro famiglie, del mercato del lavoro e della società”.

Dove “L’autentica emancipazione femminile implica la libertà di essere donna e di vivere come donna” (punto 10). E la libertà di essere donna passa attraverso il riconoscimento della maternità come valore, perché “Le donne non saranno mai libere se non saranno fedeli alla loro natura femminile” dice la norvegese Jaane Haaland Matlàry, Docente di Politica Internazionale all’Università di Olso.

Tra le cinque richieste contenute nella dichiarazione troviamo quella sul “Divieto universale della maternità surrogata” perché “ è una violazione della dignità sia della madre sia del bambino. È una nuova forma di sfruttamento della donna e di traffico di esseri umani, che rende il bambino l’oggetto di un contratto”.

Una dichiarazione di “femminilità alternativa”, controcorrente rispetto al politicamente corretto in vigore oggi, che verrà presentata pubblicamente l’8 marzo, giornata della donna, al Parlamento Europeo di Bruxelles e in diversi paesi e inviata ufficialmente alle varie istituzioni quello stesso giorno. Per questo le associazioni promotrici chiedono a tutte le donne del mondo di aderire alla dichiarazione. L’intento è di raggiungere almeno 15.000 firme. È necessario un sostegno massiccio per rompere il femminismo radicale e l’ideologia di gender, secondo gli organizzatori. Quindi “se sei una donna, firma, e se non lo sei, per piacere, aiutaci a diffonderla [n.d.r la Dichiarazione] in tutto il mondo”. Sono oltre 90 le associazioni di tutto il mondo che hanno finora supportato la Dichiarazione.

“È il nostro turno, il turno delle donne vere, concrete, reali e di un nuovo femminismo”concludono i promotori.

E tu che donna vuoi essere?

Qui il link per leggere la dichiarazione:

http://www.profesionalesetica.org/wp-content/uploads/2015/02/WOMEN-OF-THE-WORLD-it.pdf

Questo invece il link per aderire:

http://www.profesionalesetica.org/statement-of-the-women-of-the-world/

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/02/2015
2403/2019
Santa Caterina di Svevia

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

No della Cassazione ai matrimoni gay

Sentenza fondamentale che dice con nettezza: “La Costituzione e l’Europa non impongono al legislatore norme sul matrimonio omosex”

Leggi tutto

Chiesa

Papa e libri gender: l’imbroglio del Corsera

E’ vergognoso che i media più autorevoli del paese si prestino a questo gioco infame di burattinai avidi che propagandano il falso spacciandolo per vero

Leggi tutto

Società

Una carta femminista contro la GPA

Le donne di “Se non ora quando? - Libere”, insieme a tante figure partitiche, culturali, dell’informazione e attivisti per i diritti civili (anche provenienti dal mondo omosessualista) hanno chiesto all’Onu di aprire una procedura per raccomandare finalmente il divieto della maternità surrogata. L’incontro si è svolto il 23 marzo nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, a Roma.

Leggi tutto

Politica

Il prezzario per Nichi Vendola

Questi i prezzi a cui Nichi Vendola potrà soddisfare il suo “desiderio di paternità” comprandosi un bambino

Leggi tutto

Società

Fa ‘afafine, la favola gender fluid

Sta facendo scalpore lo spettacolo teatrale Fa’afafine – Mi chiamo Alex e sono un dinosauro di Giuliano Scarpinato

Leggi tutto

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano