Società

di Mario Adinolfi

Il rapporto monco di Amnesty

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La presentazione del Rapporto annuale di Amnesty International è sempre un’occasione importante di confronto sulla tematica decisiva dei diritti umani. Giustamente il 2014 viene definito “anno catastrofico” e il documento ha il pregio di indicare tutte le aree di crisi, anche con l’attenzione doverosa ai particolari. Ad Amnesty, ad esempio, non piace utilizzare l’acronimo giornalisticamente invalso come Isis, per definire il califfato islamico di Al Baghdadi. Nel rapporto si usa l’espressione “politicamente corretta” di Daesh, per tenere fuori la colorazione religiosa dalla questione.

Di fatto ad Amnesty International non piace notare che c’è una colossale questione religiosa e c’è una sola fede i cui seguaci sono perseguitati talvolta fino alla morte su un territorio vastissimo che va dal Pakistan all’Afghanistan, dalla Cina all’Arabia Saudita, dall’Egitto fino alla Nigeria senza parlare di Siria e Iraq: è il cristianesimo. Anche nei giorni in cui migliaia di cristiani sono costretti a fuggire dalle loro case in Siria per il solo fatto di essere cristiani e centinaia, anche bambini, vengono rapiti, niente: ad Amnesty non viene in mente che la questione dei diritti umani passa attraverso il diritto dei cristiani, calpestati e derisi, incarcerati e torturati, a migliaia uccisi. Solo perché cristiani.

E’ un rapporto monco se non chiede la libertà religiosa e si rifugia nel politicamente corretto per non infastidire l’Islam chiamando l’Isis per quel che è: Islamic State of Iraq and Syria.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

26/02/2015
1311/2019
San Diego

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Da Parigi un’Europa vera grida all’impostura della falsa

E sulla “Dichiarazione di Parigi”, firmata da immortali e altri accademici di fama, cala il silenzio

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Politica

O capiamo o moriamo

Si cerca di analizzare il contesto che emerge dalla strage di Parigi prescindendo dal dato religioso. L’errore può essere fatale, l’unica soluzione venne indicata da Benedetto a Ratisbona

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Politica

C’è un “christian rock” italiano che suona veramente bene

“Blues per Gesù Cristo”: Piero Chiappano una voce cristiana unica

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano