Società

di Mario Adinolfi

Il rapporto monco di Amnesty

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La presentazione del Rapporto annuale di Amnesty International è sempre un’occasione importante di confronto sulla tematica decisiva dei diritti umani. Giustamente il 2014 viene definito “anno catastrofico” e il documento ha il pregio di indicare tutte le aree di crisi, anche con l’attenzione doverosa ai particolari. Ad Amnesty, ad esempio, non piace utilizzare l’acronimo giornalisticamente invalso come Isis, per definire il califfato islamico di Al Baghdadi. Nel rapporto si usa l’espressione “politicamente corretta” di Daesh, per tenere fuori la colorazione religiosa dalla questione.

Di fatto ad Amnesty International non piace notare che c’è una colossale questione religiosa e c’è una sola fede i cui seguaci sono perseguitati talvolta fino alla morte su un territorio vastissimo che va dal Pakistan all’Afghanistan, dalla Cina all’Arabia Saudita, dall’Egitto fino alla Nigeria senza parlare di Siria e Iraq: è il cristianesimo. Anche nei giorni in cui migliaia di cristiani sono costretti a fuggire dalle loro case in Siria per il solo fatto di essere cristiani e centinaia, anche bambini, vengono rapiti, niente: ad Amnesty non viene in mente che la questione dei diritti umani passa attraverso il diritto dei cristiani, calpestati e derisi, incarcerati e torturati, a migliaia uccisi. Solo perché cristiani.

E’ un rapporto monco se non chiede la libertà religiosa e si rifugia nel politicamente corretto per non infastidire l’Islam chiamando l’Isis per quel che è: Islamic State of Iraq and Syria.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

26/02/2015
2307/2019
Santa Brigida

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Chiesa

Il nazismo ha odiato la Chiesa

Tutti i totalitarismo hanno odiato la Chiesa. Adolf Hitler aveva una particolare repulsione per il cristianesimo

Leggi tutto

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Chiesa

Tutto sembrava perduto. E invece

Nel mistero della Resurrezione di Cristo risiede tutta la nostra fede, la forza che ci fa essere vivi e pieni di speranza anche quando ogni cosa sembra impedita e apparentemente per sempre. La gioia della Pasqua è questa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano