Storie

di Hashtag

E la prof è subito “omofoba”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Prima è arrivata la manganellatura del Corriere della Sera. I fatti. Una docente del liceo scientifico milanese Leonardo da Vinci, invocando pure il nuovo santo nume tutelare della libertà d’espressione (San Charlie Hebdo), si è permessa di scrivere qualche riga molto bene argomentata contro il “matrimonio” omosessuale. Oltre al massacro subito a scuola, il Corsera ha preso uno sgrammaticatissimo cartello vergato da studenti di opinioni opposte, giocato su toni tra il goliardico e il surreale, trasformandolo in un atto di accusa. E la prof. è diventata subito “omofoba”. L’equiparazione è istantanea. Sei contrario al “matrimonio” gay? Sei omofobo. E così a ruota è arrivata la manganellatura pure di Repubblica, pagine di Milano.

Le stesse che hanno massacrato un sacerdote che ha osato parlare contro l’ideologia gender con un fedele in provincia di Como. Metodo identico, con aggiunta: contro la prof. una sventurata consigliera comunale del Pd ha anche invocato un’ispezione ministeriale. Motivata da che? Un’indagine toccò anche a Adele Caramico, prof. dell’Itis di Moncalieri, per le stesse ragioni. Dovettero scusarsi tutti. Questi massacri mediatici organizzati ormai quotidianamente dai giornali contro chi pensa che l’ideologia Lgbt sia, appunto, una ideologia hanno stancato. Il loro conformismo è davvero triste. Qualcuno avrà il coraggio di stigmatizzarlo? Chiederanno scusa anche alla prof. del Leonardo da Vinci.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/03/2015
1511/2019
San Alberto Magno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Media

Raiuno, la rete che fu “cattolica”

Dal primissimo mattino alla tarda serata, propaganda dell’ideologia gender e sostegno al “matrimonio” gay sembrano essere il core business della rete ammiraglia del servizio pubblico

Leggi tutto

Società

Sir Elton John, si chiama utero in affitto

Repubblica, Corriere della Sera, lo stesso cantante inglese che pretende il boicottaggio di Dolce e Gabbana, parlano di “fecondazione artificiale”. No, il tema è la compravendita dei bambini con l’utero in affitto

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Media

La tecnica del silenziatore

La strada scelta dai media sembra essere quella di silenziare la grande manifestazione del 20 giugno, non parlandone. Ci aspettiamo la risposta dei media cattolici, a partire dalla diretta di Tv2000

Leggi tutto

Storie

Resistere al gender ed essere “bioconservatori” la strada è indicata negli scritti di Del Noce

L’ossessione dell’“omofobia” occulta l’effettiva negazione del dato antropologico fenomenico della natura sessuata. Ecco cosa ne pensava il grande filosofo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano