Storie

di Hashtag

E la prof è subito “omofoba”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Prima è arrivata la manganellatura del Corriere della Sera. I fatti. Una docente del liceo scientifico milanese Leonardo da Vinci, invocando pure il nuovo santo nume tutelare della libertà d’espressione (San Charlie Hebdo), si è permessa di scrivere qualche riga molto bene argomentata contro il “matrimonio” omosessuale. Oltre al massacro subito a scuola, il Corsera ha preso uno sgrammaticatissimo cartello vergato da studenti di opinioni opposte, giocato su toni tra il goliardico e il surreale, trasformandolo in un atto di accusa. E la prof. è diventata subito “omofoba”. L’equiparazione è istantanea. Sei contrario al “matrimonio” gay? Sei omofobo. E così a ruota è arrivata la manganellatura pure di Repubblica, pagine di Milano.

Le stesse che hanno massacrato un sacerdote che ha osato parlare contro l’ideologia gender con un fedele in provincia di Como. Metodo identico, con aggiunta: contro la prof. una sventurata consigliera comunale del Pd ha anche invocato un’ispezione ministeriale. Motivata da che? Un’indagine toccò anche a Adele Caramico, prof. dell’Itis di Moncalieri, per le stesse ragioni. Dovettero scusarsi tutti. Questi massacri mediatici organizzati ormai quotidianamente dai giornali contro chi pensa che l’ideologia Lgbt sia, appunto, una ideologia hanno stancato. Il loro conformismo è davvero triste. Qualcuno avrà il coraggio di stigmatizzarlo? Chiederanno scusa anche alla prof. del Leonardo da Vinci.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/03/2015
1807/2019
Sant'Arnolfo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Ecco a cosa mira il gender

Le riflessioni sulle tematiche dell’ideologia di genere in un libro di padre Giorgio Carbone

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Media

Da Sanremo in lode di Mauro Coruzzi

Cantando al festival una canzone (brutta) pro ideologia gender, l’inventore di Platinette si è messo a nudo. Con risultati sorprendenti, forse pure per lui stesso.

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano