Società

di Matteo Rizzolli

La novità è il matrimonio a tre

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Tre ragazzi Joke, 29 anni, Bell, 21 anni, e Art di 26 anni si sono sposati in Thailandia. Si sono sposati tra di loro, formando una tripletta. Naturalmente il giorno di San Valentino. Certo, non sono sposati secondo la legge thailandese che non riconosce né il matrimonio omosessuale né la poligamia. Ma sono uniti -così loro rivendicano- seguendo la legge Buddista la cui dottrina è notoriamente molto asciutta di prescrizioni in termini di condotta sessuale. A santificare l’unione ci hanno comunque pensato i social media dove la tripletta si è data un gran daffare per rivendicare il record di essere il primo triangolo gay convolato a nozze. Love is love, ha rivendicato commossa la tripletta. Love is love is love ci sembra ancora più appropriato.

Certo sul libro dei records dovranno forse accontentarsi di essere la prima tripletta maschile. E’ dal 2013 infatti che Doll, Kitten e Brynn, tre lesbiche del Massachusetts dicono di essere sposate dopo aver celebrato assieme -naturalmente vestite di bianco- una cerimonia di impegno (commitment cerimony la chiamano loro). Legalmente lo stato del Massachusetts riconosce solo l’unione di Doll (30 anni, già al terzo matrimonio gay) e Kitten (27 anni) e dice di non voler immischiarsi della cosa almeno che la terza sposa Brynn (34 anni con alle spalle un altro matrimonio) non tenti di rivendicare benefici fiscali o di altra natura. “Love is love is love” a cui si dovrebbe aggiungere un quarto “love”, perché Kitten, attraverso l’inseminazione artificiale, era felicemente in attesa di un bebè lo scorso Aprile quando la tripletta ha deciso di sottrarsi ai riflettori dei media.

Non c’è da temere: le due triplette sono solo l’avanguardia di quello che verrà. La decostruzione del matrimonio come forma standard della famiglia è un progetto di lungo periodo del movimento LGBT che in un suo manifesto (Beyond Marriage) si pone esattamente l’obiettivo di legalizzare ogni forma di unione, partenariato, famiglia, vicinanza e via discorrendo senza limiti di sesso, numero, consanguineità, e forse nemmeno umanità che sono tipici del matrimonio tradizionale. Come ha avuto modo di dichiarare con cristallina chiarezza la giornalista ed attivista lesbica Masha Gessen nel 2012: “Lottare per ottenere il matrimonio omosessuale implica il mentire circa le nostre reali intenzioni sul matrimonio una volta che lo avremo ottenuto, perché mentiamo sul fatto che la natura del matrimonio non cambierà, e questa è una bugia. L’istituzione del matrimonio cambierà e deve cambiare. E di nuovo, io penso che non debba esistere”.

D’altronde se si accetta che il solo fondamento del matrimonio sia il fatto che “love is love”, come si possono imporre limiti bigotti al numero degli amati, al loro sesso, a quale relazione parentale intercorra con loro e persino a quale specie essi appartengano? A quei pochi che fossero rimasti interdetti dall’ultimo passaggio non si può non consigliare un consulto di Wikipedia sulla nuova frontiera dei diritti civili: il matrimonio uomo-animale.

Ai pochi che poi osano obiettare viene riservato il solito trattamento con l’olio di ricino moderno somministrato tramite twitter. Toccò a Severgnini nel 2011 per aver osato dire nella sua rubrica quotidiana sul Corriere “Perché, allora, il matrimonio non può essere fra tre persone? O fra quattro? O fra tre uomini, due donne e un avatar? Se la sua risposta fosse «Eh no, bisogna essere in due!», vuol dire che anche per lei esiste una definizione di matrimonio, basata su una categoria: il numero. Per me ce n’è un’altra: la differenza di sesso” . E’ toccato a molti altri -tra i quali il direttore di questa testata- tutti schedati online sulla Wikipedia versione rosa (Wikipink). Tutti schedati a futura memoria, in attesa della legge contro l’omofobia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/03/2015
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

Società

Se la Sentinella è omosessuale

Se una Sentinella in piedi è omosessuali scattano comportamenti violenti e “omofobi” dagli stessi aderenti alle organizzazioni Lgbt

Leggi tutto

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Politica

Renzi, il ddl Cirinnà, la responsabilità della Chiesa italiana

Arrivano messaggi in codice alla Cei, noi proviamo a decrittarli per voi, dopo la sentenza della Corte Suprema americana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano