Chiesa

di Mario Adinolfi

L’Anno Santo della Misericordia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

“Nessuno può essere escluso dalla misericordia di Dio, tutti conoscono la strada per accedervi e la Chiesa è la casa che tutti accoglie e nessuno rifiuta. Le sue porte permangono spalancate”. Che bello l’annuncio di Papa Francesco, che speranza grande che si apre nel cuore dei cristiani con l’Anno Santo della Misericordia che prenderà il via il prossimo 8 dicembre, a cinquant’anni dalla fine del Concilio Vaticano II.

Siamo rimasti sorpresi, spiazzati, anche in redazione. Avevamo la notizia (embargata, come si dice in gergo, cioè vincolata a una diffusione alle ore 17) e scorreva adrenalina, un’emozione rara. Aspettavamo le parole del Papa e sono state di una chiarezza meravigliosa: “Tutta la Chiesa potrà trovare in questo Giubileo la gioia per riscoprire e rendere feconda la misericordia di Dio, con la quale tutti siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Lo affidiamo fin d’ora alla Madre della Misericordia, perché rivolga a noi il suo sguardo e vegli sul nostro cammino”. Maria vegli davvero su questo percorso, un cammino non facile, che però la Chiesa affronta con il piglio di un organismo vivo, forte, credibile. Fino al 26 novembre 2016 il Giubileo straordinario sarà una grande occasione di incontro e di crescita, per i cristiani tutti e non solo.

Tutti davvero siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa e noi dovremo essere conseguenti. Il compito è faticoso perché grande è il dolore che scorre in questo tempo confuso che attraversiamo appesantiti da numerosi fardelli: la schiavitù dell’apparenza, l’incapacità di determinare con nettezza gli elementi identitari, il turbinio di opinioni spesso sconclusionate che tolgono certezze in particolare ai più deboli. Tutto questo innestato ai mali endemici, ormai quasi connaturati all’uomo contemporaneo: la povertà, la violenza, la guerra, lo scarso valore assegnato alla vita umana, la violabilità di ogni valore, anche il più basico, come la tutela dei diritti dei più deboli a partire dalle donne e dai bambini, dagli anziani e dai malati.

In un clima permeato da quella “globalizzazione dell’indifferenza” contro cui Francesco ci ha sempre messo in guardia, rimproverando ad una società contemporanea divenuta “vile” quella che lui chiama la “cultura dello scarto”, i cristiani saranno chiamati ad un compito supremo: dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Sarà una gioia e una fatica. Sarà il Giubileo vivo di una Chiesa viva.

Prepariamoci adeguatamente. Il percorso verso l’8 dicembre sia ricco di momenti di riflessione importante e non irrilevante saranno due tappe per i cattolici anche italiani: l’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana nella seconda metà di maggio e il Sinodo sulla famiglia di ottobre. La Chiesa italiana, i suoi vescovi, i ventotto milioni di italiani che sono padri o madri, saranno in qualche modo chiamati a dare risposte. Sono le ultime settimane utili per inviare ad esempio quelle ai quarantasei quesiti su cui sarà poi costruito l’Instrumentum Laboris per il prossimo Sinodo. I cattolici italiani si producano in uno sforzo e rispondano. Anche noi come redazione de La Croce lo stiamo facendo.

Sono e resto convinto, infatti, che la sfida che ci chiede il Papa con questo Giubileo straordinario, l’apertura e l’incontro dialogante con tutti, possa nascere solo da una definizione chiara dell’identità dell’essere Chiesa. Consolo e accolgo, se so chi sono e in quale casa abito. La scelta di Francesco di aprire l’Anno Santo della Misericordia nel cinquantenario della fine del Concilio Vaticano II dà una risposta chiara: siamo la Chiesa della continuità dottrinale, capace di rinnovare senza mai rinnegare. Siamo la Chiesa di Giovanni XXIII, di Paolo VI, di San Giovanni Paolo II, di Papa Benedetto XVI. Siamo la Chiesa di Francesco. Una Chiesa viva, aperta al mondo, sorridente e innamorata di ogni uomo e di ogni donna. Pronti a curarne il dolore, partendo dal nostro, guardando prima di tutto le nostre proprie ferite e affidandole alla Misericordia del Signore nell’Anno Santo che un Papa venuto dall’altra parte del mondo ha donato al mondo intero.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

14/03/2015
0707/2020
San Benedetto XI

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano