Politica

di Mario Adinolfi

Crediamo solo in Dio

Scorrere le notizie anche solo delle ultime quarantotto ore italiane fa letteralmente impressione. Le aperture di giornali e telegiornali sono sull’ennesima inchiesta di corruzione, tra orologi preziosi da oltre diecimila euro regalati a figli di ministri e vero e proprio terremoto politico conseguente. Maurizio Lupi è innocente? Non c’è tempo per scoprirlo, i tempi della politica sono feroci, l’assalto delle opposizioni non dà tregua. Di sicuro il ministro per le Infrastrutture è stato malaccorto, alcuni toni a difesa dei burocrati potenti di cui si contornava sono andati oltre le righe, ora la sua sorte politica pare segnata. Certo, è anche un’altra puntata dello scontro infinito tra magistratura e politica, certo la frase del presidente dell’Anm sui “magistrati schiaffeggiati e i corrotti accarezzati” è stato gettare benzina su un fuoco pericoloso. Ma il panorama complessivo che emerge dalle classi dirigenti del Paese è disperante.

A chi puoi credere? Alla politica no, non è tutto un covo di malaffare, ma le sacche di corruzione sono evidenti ed estese. Ti muovi dalle parte del ceto imprenditoriale e trovi il presidente di Federacciai indagato per mazzette milionarie date in Congo per ottenere appalti per le aperture di case da gioco. Pensi che a questo punto un ddl anticorruzione farà bene, ma scopri che subirà l’ennesimo stop perché prima c’è da sistemare il discusso e discutibile decreto sulle banche popolari. Speri che almeno dove ci sono state tragedie come il terremoto la solidarietà verso le popolazioni ferite abbia generato un sussulto etico e invece, sempre ieri, arresto dell’ennesimo imprenditore che a L’Aquila era attivo nella ricostruzione e anche nei contatti con la camorra. Scendi ancora più a Sud, in Sicilia, e ti ritrovi dei campioni della legalità come il governatore Crocetta e l’ex pm Ingroia indagati per abuso d’ufficio in un caso sospetto di assunzioni.

Insomma, il tour delle prime pagine dei giornali è davvero disperante. Da Milano a Palermo, una lunga scia di inchieste e malaffare, senza che neanche ci sia chi si sorprenda più di tanto. Prendiamo le cronache come una calamità quotidiana a cui abbiamo fatto il callo. Domani ci saranno altre notizie sempre più tristi e magari scopriremo che il primo pensiero di un signore come Nichi Vendola, dopo quarant’anni di politica attiva, sarà quello di “sposare” il suo compagno Ed e trovare il modo di diventare padre, ovviamente con una pratica di utero in affitto perché due omosessuali l’utero non ce l’hanno e per “avere” un figlio devono locare quello di una donna in stato di bisogno. Ovviamente sia il “matrimonio” omosessuale che la pratica dell’utero in affitto sono assolutamente illegali in Italia, ma è talmente chiaro che all’illegalità nessuno fa più caso che giustamente il governatore pugliese non si è posto il problema.

Ci rimproverano di essere bigotti ma, davvero, a chi vuoi credere in questo scenario desolante dove l’etica pubblica è una virtù che evidentemente non compare tra le priorità delle classi dirigenti italiane? Non c’è da rimanere sorpresi se i recenti sondaggi indicano in Papa Francesco la personalità in cui gli italiani ripongono maggiormente fiducia: l’88% per cento degli italiani si fida di lui. Davvero, a chi vuoi credere?

Serve una rinnovata Preghiera per l’Italia, c’è bisogno di riscoprire una spinta etica che conduca il Paese fuori dalle secche morali in cui è andato a ficcarsi. Non è un lavoro che possiamo compiere da soli, è illusorio immaginare che un colpo di reni basti. Credere in Dio, quello ci resta, affidare questo splendido territorio devastato dall’incuria e dalla corruzione all’intercessione della Beata Vergine, con il cuore pieno di una qualche speranza. Questo facciamo ogni giorno in redazione. Scriviamo, sperando. Sperando che serva, come serve una preghiera.

18/03/2015
2310/2017
S. Giovanni da Capestrano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Società

Sentenze, appello ai magistrati

Nichi Vendola ha un bel definire “storica” la sentenza di Trento sui “due papà”: in spregio alle leggi italiane (che i giudici dovrebbero osservare e far osservare), i magistrati hanno dichiarato che «i figli non sono di chi li fa ma di chi se li compra». Tutto per una incredibile flessibilità delle parole “genitore” e “figlio”, sulle quali la magistratura esibisce una disinvolta distorsione: urge univocità

Leggi tutto

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Chiesa

Papa e libri gender: l’imbroglio del Corsera

E’ vergognoso che i media più autorevoli del paese si prestino a questo gioco infame di burattinai avidi che propagandano il falso spacciandolo per vero

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano