Politica

di Mario Adinolfi

Crediamo solo in Dio

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Scorrere le notizie anche solo delle ultime quarantotto ore italiane fa letteralmente impressione. Le aperture di giornali e telegiornali sono sull’ennesima inchiesta di corruzione, tra orologi preziosi da oltre diecimila euro regalati a figli di ministri e vero e proprio terremoto politico conseguente. Maurizio Lupi è innocente? Non c’è tempo per scoprirlo, i tempi della politica sono feroci, l’assalto delle opposizioni non dà tregua. Di sicuro il ministro per le Infrastrutture è stato malaccorto, alcuni toni a difesa dei burocrati potenti di cui si contornava sono andati oltre le righe, ora la sua sorte politica pare segnata. Certo, è anche un’altra puntata dello scontro infinito tra magistratura e politica, certo la frase del presidente dell’Anm sui “magistrati schiaffeggiati e i corrotti accarezzati” è stato gettare benzina su un fuoco pericoloso. Ma il panorama complessivo che emerge dalle classi dirigenti del Paese è disperante.

A chi puoi credere? Alla politica no, non è tutto un covo di malaffare, ma le sacche di corruzione sono evidenti ed estese. Ti muovi dalle parte del ceto imprenditoriale e trovi il presidente di Federacciai indagato per mazzette milionarie date in Congo per ottenere appalti per le aperture di case da gioco. Pensi che a questo punto un ddl anticorruzione farà bene, ma scopri che subirà l’ennesimo stop perché prima c’è da sistemare il discusso e discutibile decreto sulle banche popolari. Speri che almeno dove ci sono state tragedie come il terremoto la solidarietà verso le popolazioni ferite abbia generato un sussulto etico e invece, sempre ieri, arresto dell’ennesimo imprenditore che a L’Aquila era attivo nella ricostruzione e anche nei contatti con la camorra. Scendi ancora più a Sud, in Sicilia, e ti ritrovi dei campioni della legalità come il governatore Crocetta e l’ex pm Ingroia indagati per abuso d’ufficio in un caso sospetto di assunzioni.

Insomma, il tour delle prime pagine dei giornali è davvero disperante. Da Milano a Palermo, una lunga scia di inchieste e malaffare, senza che neanche ci sia chi si sorprenda più di tanto. Prendiamo le cronache come una calamità quotidiana a cui abbiamo fatto il callo. Domani ci saranno altre notizie sempre più tristi e magari scopriremo che il primo pensiero di un signore come Nichi Vendola, dopo quarant’anni di politica attiva, sarà quello di “sposare” il suo compagno Ed e trovare il modo di diventare padre, ovviamente con una pratica di utero in affitto perché due omosessuali l’utero non ce l’hanno e per “avere” un figlio devono locare quello di una donna in stato di bisogno. Ovviamente sia il “matrimonio” omosessuale che la pratica dell’utero in affitto sono assolutamente illegali in Italia, ma è talmente chiaro che all’illegalità nessuno fa più caso che giustamente il governatore pugliese non si è posto il problema.

Ci rimproverano di essere bigotti ma, davvero, a chi vuoi credere in questo scenario desolante dove l’etica pubblica è una virtù che evidentemente non compare tra le priorità delle classi dirigenti italiane? Non c’è da rimanere sorpresi se i recenti sondaggi indicano in Papa Francesco la personalità in cui gli italiani ripongono maggiormente fiducia: l’88% per cento degli italiani si fida di lui. Davvero, a chi vuoi credere?

Serve una rinnovata Preghiera per l’Italia, c’è bisogno di riscoprire una spinta etica che conduca il Paese fuori dalle secche morali in cui è andato a ficcarsi. Non è un lavoro che possiamo compiere da soli, è illusorio immaginare che un colpo di reni basti. Credere in Dio, quello ci resta, affidare questo splendido territorio devastato dall’incuria e dalla corruzione all’intercessione della Beata Vergine, con il cuore pieno di una qualche speranza. Questo facciamo ogni giorno in redazione. Scriviamo, sperando. Sperando che serva, come serve una preghiera.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/03/2015
1602/2019
Sant'Onesimo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano