Politica

di Mario Adinolfi

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

​C’è da rimanere increduli. Riceviamo dalle associazioni Lgbt, tutte unite, una replica davvero delirante a difenda della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay Cassero di Bologna, su cui abbiamo nettamente preso posizione. Invece di scusarsi con la città, che hanno infangato con una messa in scena sguaiata e penosa, pensando che la libertà sia la libertà di insultare volgarmente nella maniera più greve immaginabile i simboli che per molti sono sacri, arriva un durissimo attacco alla Chiesa. Schiumando rabbia almeno emerge quel che c’è sul fondo dell’iniziativa del Cassero, l’ideologia che ne è alla base: l’attacco alla libertà di chi crede, l’attacco alla libertà stessa della Chiesa e dei credenti. Ci siamo occupati di questo argomento qualche giorno fa in occasione delle due pagine di Repubblica che chiedevano “l’esilio di Dio dalla democrazia” e dei cattolici dalla vita pubblica italiana. Siamo dentro quello schema. Almeno i nodi vengono al pettine e l’ideologia sottostante a una serata che è stata tutto tranne che goliardica, emerge con chiarezza. Si vuole espellere la Chiesa dalla società italiana, con un attacco violento alla sua esistenza nella dimensione pubblica. Questo è il tema dello scontro. Basta leggere integralmente il comunicato congiunto delle associazioni Lgbt per capirlo. E noi lo riportiamo integralmente.

“Con profonda amarezza osserviamo il fuoco incrociato sollevato in questi giorni nei confronti di uno degli storici avamposti del movimento lgbt italiano, il Cassero di Bologna. Alle amiche e gli amici del Cassero innanzitutto trasmettiamo la nostra piena solidarietà, tanto per i rigurgiti fascisti di cui sono bersaglio dalla feccia che circola nel web, quanto per i pelosi rimproveri, politicamente corretti nella forma e assolutamente ipocriti nel contenuto, di buona parte del mondo politico. E soprattutto, trasmettiamo la piena solidarietà alle compagne e ai compagni del Cassero per l’accostamento indegno al fenomeno dell’Isis che giunge dalle bellicose stanze curiali, dove evidentemente soggiorna chi gode a maneggiare la materia del terrore. Neppure il clamoroso errore di quelle fotografie – a cui rimproveriamo soltanto una miopia in termini di opportunità – può giustificare il reiterarsi, a destra e a sinistra, di una retorica che mente spudoratamente sui rapporti di forza tra comunità lgbt e lobby clericale, nel tentativo di travestire i lupi da agnelli. Questa vicenda, in altri termini, non modifica minimamente la marginalizzazione a cui da sempre, non da oggi, la lobby cattolica, abile ricattatrice, condanna le persone gay, lesbiche e trans. Il veto dei clericali – cioè della parte reazionaria dei cattolici – si è tradotto nel tempo non solo nell’assenza di leggi, ma perfino nello stralcio di quelle poche che avrebbero potuto aprire minimamente uno spiraglio. Ma non basta: la Chiesa “inquina” metodicamente i servizi pubblici con la propria ortodossia, arrivando a determinare la negazione dei diritti e l’imposizione di modelli sociali e culturali. Succede ad esempio e nei consultori per l’interruzione di gravidanza, attraverso un’obiezione di coscienza organizzata col silenzio complice degli enti pubblici. E proprio a Bologna si ricorderà l’umiliazione di quei fedeli in preghiera davanti al policlinico Sant’Orsola, a infierire su donne in difficoltà. Succede nelle scuole per l’infanzia, che proprio a Bologna sono state oggetto di un referendum popolare, con il quale i bolognesi hanno manifestato inequivocabilmente il rifiuto del modello che finanzia con soldi pubblici le scuole paritarie private. Eppure a Bologna come in tutta Italia ai bambini e alle bambine viene negato il diritto costituzionale a una scuola pubblica, e vengono obbligati, credenti e non, a frequentare altre strutture, molto spesso cattoliche, dove l’omotransfobia è facile che sia addirittura insegnata. Succede negli ospedali, dove i soldi pubblici vengono spesi per pagare lo stipendio a preti cattolici, a caccia di anime da indottrinare. Succede nelle piazze delle Sentinelle in Piedi (persone che manifestano contro i diritti degli altri) o nei luoghi pubblici e ecclesiastici (cioè detassati) in cui si tengono i convegni contro la cosiddetta “Ideologia del gender”, l’ultima balla messa in campo dagli integralisti cattolici per realizzare il proprio terrorismo culturale. E proprio Bologna, questa sera, ospiterà uno di questi incontri. Lungi da noi l’intenzione di generalizzare il mondo cattolico in questi fatti: siamo ben consapevoli dell’esistenza di parti dialoganti in quel mondo, che in più occasioni abbiamo trovato al nostro fianco nelle nostre battaglie. Tuttavia è sotto gli occhi di tutte e tutti la metodica interferenza della parte reazionaria nei luoghi e negli ambiti che la nostra Costituzione vorrebbe sotto tutela.

Le fotografie irriverenti di una notte goliardica non vanno nemmeno lette come una claudicante reazione a tutto questo, perché rispetto a tutto questo sono niente. E di questo devono avere coscienza le persone che a parole si professano dalla parte dei diritti, perché per essere onestamente in campo in questa battaglia bisogna avere occhi spalancati e distinguere bene il lupo dall’agnello. Ma soprattutto bisogna denunciare sempre, a voce alta, non solo quando conviene. Altrimenti, al di là delle belle parole, si sta evidentemente lavorando per il lupo.

Flavio Romani – Arcigay

Paola Brandolini – Arcilesbica

Fiorenzo Gimelli – Agedo

Giuseppina La Delfa – Famiglie Arcobaleno

Cathy La Torre – MIT

Yuri Guaiana – Associazione Radicale Certi Diritti

Aurelio Mancuso – Equality Italia”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/03/2015
1602/2019
Sant'Onesimo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La novità è il matrimonio a tre

Ci si sposa in tre ormai dall’Asia agli Stati Uniti. La nuova frontiera dei “diritti civili” è rendere evidente che si vuole ridurre il matrimonio a burla, devastarlo nella sua natura

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano