Società

di Mario Adinolfi

Pornografia e dodicenni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo una recentissima indagine britannica un dodicenne su cinque ha già visto un intero film hard in rete. Dato impressionante, ma quel che dovrebbe preoccupare di più è quel 12% che ha già postato via web o cellulare foto di sé sessualmente esplicite. In una classe di seconda media, dunque, tre o quattro sono attivi propagatori di proprie immagini pornografiche, cinque o sei usano internet per guardarsi i film, sempre porno. Dite voi se non è un quadro da far gridare atterriti. Ora, il problema è che quando escono fuori queste indagini si tende a dare “la colpa” a internet o a varare teorie strampalate sull’assenza di valori delle nuove generazioni. Eh no, qui la responsabilità è una sola e si potrebbe definire “culpa in vigilando”: le famiglie dove sono? I papà e le mamme?

La dissoluzione della dimensione familiare porta a queste conseguenze, non sorprende che l’indagine sia britannica dove abortismi e divorzismi e infine gaymatrimonismi e uteroinaffittismi hanno prodotto una società dove persino la parola “famiglia” non ha più significato. Dissolvi la famiglia e avrai questo prodotto, i bambini lasciati a loro stessi e alle loro pulsioni puberali e persino preadolescenziali. La dipendenza da pornografia, peraltro, innescata così presto in menti giovanissime produce conseguenze assai pericolose, per una volta su questo tutti gli psicologi sono d’accordo. Ci sarà bisogno prima o poi di ragionare sui regali che stiamo facendo ai nostri figli con l’idea balzana che abbiamo di modernità, con i nostri falsi miti di progresso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/04/2015
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Pedofilia e pedopornografia continuano a prosperare

Don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente Meter, commenta: “La pedofilia non è una malattia, ma un crimine. È importante non confondere la pedofilia (come malattia psichiatrica) e la capacità di intendere e volere: nel 99,9% dei casi, infatti, le condotte pedofile sono condotte lucide e quindi perseguibili penalmente - e il report Meter Onlus 2016 lo conferma –“. E aggiunge: “La Cassazione, nel 2003, ha affermato che la pedofilia: “Non è una malattia mentale in virtù della quale i pedofili possono ottenere uno sconto di pena” (sentenza 12/11/2003 n° 43135). La pedofilia costituisce una nuova forma di schiavitù che ha legami con il traffico di esseri umani, la sottrazione, la schiavitù e l’orrore dello sfruttamento sessuale del minore”.

Leggi tutto

Società

Ostia, negozio porno di fronte alla scuola media

La Dirigente dei Servizi Sociali aveva avvisato: ci si sente soli se le risorse umane e materiali non sono adeguate. Referente locale educatori: «Tanti casi poco personale, ma abbiamo provato a fare rete in ambito minorile e nessuno ha risposto alle email».

Leggi tutto

Storie

Carissima Greta

Spero, Greta, che tu possa liberarti delle sciocchezze che ti fanno dire. Cara Greta, spero che un giorno tu possa aprire un libro che si chiama Bibbia e leggere le prime parole che si trovano nel primo capitolo, che si chiama “Genesi”. Qui troverai ciò che basta, all’Uomo, per capire quanto il pianeta sia importante in tutta la bella espressività del Creato, compresi – ovviamente – i “cuccioli” d’Uomo.
Una mamma.

Leggi tutto

Società

L’uso problematico dei videogiochi in adolescenza

Una ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, dell’Università di Padova e della Flinders University ha rivelato come fattori socioeconomici possano influenzare il rischio di gaming problematico negli adolescenti europei. Lo studio riporta che il 20% dei giovani è ad alto rischio e che i ragazzi sono tre volte più esposti rispetto alle coetanee. Danimarca e Romania presentano rispettivamente la percentuale più bassa (12%) e più alta (30%) del fenomeno. L’Italia è al di sopra della media europea con circa il 24%. Positivo il ruolo della famiglia e delle politiche sociali. La ricerca è stata pubblicata su Addiction

Leggi tutto

Storie

Australia, il prof e la pornografia per tutti

Nel suo articolo di ‘Sex School’, intitolato “Quali tipi di pornografia sono sani per i giovani?”, McKee sostiene che è opportuno che gli adulti diano agli adolescenti l’accesso al miglior porno on line per poter rispondere alle loro domande sulla sessualità.

Leggi tutto

Società

Polizia postale: allarme pedofilia e pedopornografia

Sono sempre di più i piccoli colpiti dall’effimero crimine della pedofilia e delle pedopornografia e i dati diffusi dalla Polizia Postale fanno emergere un quadro inquietante e allarmante.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano