Chiesa

di Giuliano Guzzo

Tutto sembrava perduto. E invece

Chissà come devono essersi sentiti gli apostoli, il giorno dopo la passione e crocifissione di Gesù: uno, Giuda Iscariota, si era dimostrato un traditore, un altro, quel Pietro cui erano state promesse nientemeno che le chiavi del regno dei cieli, un uomo poco coraggioso e incapace di mantenere la parola data e nessuno, di fatto, aveva potuto e saputo far nulla per impedire una condanna a morte brutale quanto platealmente ingiusta; solo Maria e Giovanni, con la loro presenza al Calvario, evitarono almeno in parte a Gesù, quel giorno, un abbandono altrimenti totale, dall’inizio alla fine. In quel contesto – di profonda e comprensibile tristezza, se non di irrimediabile smarrimento – è dunque più che plausibile immaginare gli apostoli dominati da un senso di sconfitta: la loro guida, il loro carismatico maestro, Colui col quale avevano condiviso intere giornate, meditazioni e pasti fino a quell’ultima cena, se n’era andato. Apparentemente per sempre.

D’altra parte, lo stesso atteggiamento, si potrebbe dire rassegnato, col quale Gesù aveva affrontato arresto e processo – non solo senza opporre resistenza, ma intimando subito a chi, in un primo momento, la tentò, di lasciar perdere (Gv 18, 10-11) – non alimentava alcuna prospettiva di riscatto. Era come se tutto fosse finito così perché in quel maledetto modo, purtroppo, doveva finire; come se nulla potesse più cambiare ed evitare al destino di compiersi. Una cosa, ad ogni modo, risulta certa: gli apostoli, al pari di chiunque altro, erano convinti che Gesù fosse morto perché Lui era morto. Senz’alcun dubbio: morto e sepolto, con tanto di sigilli e sorveglianza che i capi dei sacerdoti e i farisei chiesero e ottennero da Pilato al fine di mettersi completamente al riparo dall’eventualità di brutte sorprese e dall’ipotesi che qualcheduno, pur di mantenere vivo il mito di Gesù, potesse trafugarne il cadavere: «Essi andarono ad assicurare il sepolcro, sigillando la pietra e mettendovi la guardia» (Mt 28, 66).

Non c’era insomma alcuna valida ragione, alcuna realistica probabilità per immaginare che qualcosa, tanto meno qualcosa di insperato e assolutamente straordinario, potesse ancora accadere. E se ci pensiamo bene la situazione in cui si trovavano allora gli apostoli – soli, scoraggiati e perfino costretti a nascondersi dalla paura – somiglia infinitamente alla nostra, tutte le volte che consideriamo insufficiente l’amore di Dio fino allo spingerci a dubitare della sua presenza nella nostra vita. Certo, è fin troppo facile ringraziare Gesù quando tutto gira a meraviglia; e molti, difatti, ringraziano. Quando però le cose si mettono male, quando arriva il momento della prova anziché seguire Gesù sulla croce – cosa che nessuno, duemila anni fa, neppure fra coloro che lo frequentarono, fu in grado di fare –, la tentazione è esattamente quella: blindarsi con le proprie paure e lasciare fuori la speranza; accettare che tutto sia concluso senza nemmeno confrontarsi con la possibilità di una svolta.

Non è un caso che, benché in tutto il Nuovo Testamento i termini indicanti la risurrezione – eghiero e anastasis – ricorrano almeno 100 volte, a testimonianza della centralità di quell’Evento, non vi sia neppure un brandello di cronaca dell’evento di risurrezione: non poteva che così dal momento che nessuno era lì; e nessuno era lì perché a nessuno era passato lontanamente per la testa che qualcosa potesse ancora accadere, e quando Maria di Màgdala e l’altra Maria, all’alba del giorno dopo il sabato, andarono a visitare la tomba, di certo non si aspettavano la realtà incredibile che si trovarono di fronte. Faremmo tutti bene, allora, a riflettere con attenzione su quel giorno che seguì la crocifissione e al quale i Vangeli – che sono asciutti resoconti - dedicano pochissime parole: in quel sabato si concentrano infatti disperazione e paura, coloro che più degli altri si adoperarono per mandare a morte quel sovversivo personaggio che si dichiarava essere Figlio di Dio dovevano provare il sollievo di chi vede il proprio piano realizzato e la Morte, più che mai, sembrava destinata ad un trionfo definitivo. Tutto sembrava davvero finito. E invece…

04/04/2015
1409/2015
Esaltazione della S. Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Con Papa Francesco contro le follie gender

Si fa fatica ad accettare il limite. Così sul Corsera si trova la propaganda a cliniche olandesi che bombardano di ormoni i dodicenni per il cambio di sesso

Leggi tutto

Società

Il rapporto monco di Amnesty

Di fatto ad Amnesty International non piace notare che c’è una colossale questione religiosa e c’è una sola fede i cui seguaci sono perseguitati talvolta fino alla morte: il cristianesimo

Leggi tutto

Chiesa

“L’uomo della Sindone è Gesù di Nazareth”

Il Corriere della Sera dedica due pagine a “smontare” la Sindone. Ma il fisico Alessandro Paolo Bramanti spiega perché quella è davvero l’immagine di Cristo.

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Chiesa

La via stretta tra fatalismo e interventismo

Dopo il massacro di cristiani in Kenya e le parole forti di Papa Francesco, ora la parola è alla comunità internazionale. Ma scegliere la strada giusta è una sfida che riguarda prima di tutto la Chiesa

Leggi tutto

Storie

Il senso della festa dell’Ascensione

Se c’è una festa cristiana che il nostro tempo dovrebbe celebrare come la sua ricorrenza per eccellenza, è quella dell’Ascensione. Scoprite perché.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2015 La Croce Quotidiano