Chiesa

di Mario Adinolfi

Ddl Cirinnà, ora serve una mobilitazione della Chiesa italiana

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Papa proseguendo il 15 aprile nella consueta catechesi sulla famiglia dell’udienza generale del mercoledì ha compiuto un passo decisivo nella riflessione della Chiesa sul tema del gender, spiegando con semplicità tre cose e connettendole, per la prima volta:

1. L’ideologia gender, cioè la teoria secondo cui maschile e femminile sono condizioni intercambiabili, è definita “un passo indietro”. E “espressione di una frustrazione”. C’è chi la considera un mito di progresso, ma è un falso mito di progresso, è regressione e frustrazione.

2. Le conseguenze dell’ideologia gender minano la famiglia: “La rimozione della differenza è il problema, non la soluzione. Con queste basi umane, sostenute dalla grazia di Dio, è possibile progettare l’unione matrimoniale e familiare per tutta la vita”. Dunque, non esiste unione matrimoniale e familiare senza la presenza di un uomo e una donna. E la rimozione della differenza tra uomo e donna, base dell’ideologia gender, è il problema scambiato per soluzione. Il falso spacciato per vero.

3. “Il legame matrimoniale e familiare è una cosa seria, lo è per tutti, non solo per i credenti. Vorrei esortare gli intellettuali a non disertare questo tema, come se fosse diventato secondario per l’impegno a favore di una società più libera e più giusta”. L’esortazione è agli intellettuali, non ai cristiani. Ed è una esortazione per una società più libera e più giusta. Diventa un dovere per tutti. E chi non si impegna diserta.

Ecco, noi qui a La Croce facciamo questo da mesi. Non abbiamo disertato. Abbiamo provato a spiegare che l’impegno sul gender è giustissimo, ma che incombe soprattutto un pericolo che è oltre il gender, perché ne è il coronamento, è il motivo stesso per cui l’ideologia gender viene propagandata: annullare la diversità uomo-donna per legittimare matrimonio omosessuale e omogenitorialità, spacciando per irrilevante persino la distinzione tra figura materna e paterna. In Italia questo progetto si chiama ddl Cirinnà, dissolve la famiglia perché non la fonda sull’unione tra un uomo e una donna, travolge l’istituto matrimoniale, crea una società meno libera e meno giusta in cui è tollerato persino il ricorso all’utero in affitto, che umilia le donne e rende i bambini oggetti di compravendita.

Entro il 7 maggio si possono presentare emendamenti al ddl Cirinnà, possibilmente migliaia di emendamenti, per affondarlo perché è esattamente quello che Francesco paventa: un falso mito di progresso, un inganno, il falso spacciato per vero. Dopo il 7 maggio si comincia a votare e in poche settimane quel ddl che istituisce il matrimonio gay di fatto può diventare legge. Se l’Italia resiste, può partire un contrattacco in Europa.

Gli intellettuali mobilitino la loro voce, un popolo si alzi in piedi, ce lo chiede il Papa e più di tutto la nostra coscienza. Ma bisogna farlo ora, perché la questione si materializza adesso e gridare dopo che la ferita mortale alla famiglia sarà inferta sarà semplicemente inutile.

Su questo giornale ripetiamo da mesi che qualore le leggi dovessero essere approvate, le leggi faranno costume e sarà impossibile tornare indietro. La lezione di Francia, Spagna, Austria, Gran Bretagna, Germania è chiara davanti ai nostri occhi. A fine aprile si aprirà anche la sessione della Corte suprema americana che con ogni probabilità entro giugno porterà al via libera al matrimonio omosessuale in tutti gli stati degli Stati Uniti. C’è una sola concreta possibilità di resistenza per gli intellettuali che ritengono decisivo resistere: l’Italia. In Italia la resistenza è non solo possibile, ma auspicabile e secondo tutti i sondaggi sorretta dal volere del popolo. Dunque diventa doveroso far sentire la nostra voce, dimenticare timidezze e aria polverosa, adottare un linguaggio coraggioso ed esplicito, che affronti a viso aperto la temperie di queste settimane.

Non sarà un percorso lunghissimo, ne comprenderemo l’esito entro l’estate. Per una manciata di mesi converrà dunque avere un’attitudine conseguente alle parole odierne del Papa: non dobbiamo avere l’atteggiamento dei disertori, dobbiamo essere reali combattenti non camuffati e non accomodanti. La tentazione del compromesso è dietro l’angolo, secondo alcuni potrebbe prevalere la logica del baratto, secondo i più foschi quella dei trenta denari.

Ecco, non si può credere a un cedimento, non oggi dopo parole tanto chiare del Santo Padre. Sul gender, sul ddl Cirinnà che mina la famiglia, sull’utero in affitto conseguenza diretta dei matrimoni omosessuali ad ogni latitudine, occorre avviare una battaglia che non sarà priva di una dimensione conflittuale. Certo, i disertori evitano il conflitto, ma non sono per questo dei buoni o dei valorosi. Non battersi contro il male, non battersi a difesa e sostegno dei soggetti più deboli a partire dai bambini, è ignavia. Noi non abbiamo simpatia per gli ignavi e da qualche parte c’è scritto che Dio vomiterà i tiepidi. Questo mi pare un tempo al calor bianco a conviene adeguarsi alla temperatura, resisteremo se sentiremo il cuore battere. Sarà un ritmo che ci insegnerà anche ad aver paura, paura di perdere tutto, perché leggi sbagliate conducono allo smarrimento della società tutta intera. Già è successo, dobbiamo far sì che non si ripeta.

Il Papa interroga a questo punto con le sue parole anche la Chiesa italiana tutta intera, che comprenderà certamente l’affacciarsi di un’urgenza a cui occorre dare una risposta netta senza ambiguità. Va bene tuonare sul gender, ma poi bisogna accorgersi che c’è una legge in discussione al Senato che ne corona l’ideologia, la porta a pratico compimento. Fuori dai denti: a quando una concreta mobilitazione dei cattolici italiani, della Chiesa italiana tutta intera, contro l’osceno ddl Cirinnà e contro l’introduzione sostanziale del matrimonio omosessuale in Italia? A quando una fisica mobilitazione a difesa della dignità della persona umana, delle donne e dei bambini che non possono essere oggetti di compravendita, contro la pratica barbara dell’utero in affitto che il ddl Cirinnà legittimerebbe? Il 7 maggio è la data ultima per la presentazione degli emendamenti, non sarebbe una buona idea avviare una guerriglia anche nella sede propria, che è quella parlamentare? O stiamo solo attendendo che la legge venga materialmente approvata (basterà l’approvazione al Senato, i numeri alla Camera sono molto più agevoli) per poi lamentarcene a cose fatte, piangendo sul latte versato?

Il Papa interroga con le sue parole i comportamenti di ciascuno di noi. Noi rispondiamo alla sua chiamata. Noi non siamo disertori.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/04/2015
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Sposarsi in chiesa fa durare il matrimonio

I dati Istat dimostrano che le nozze celebrate con rito religioso hanno una tendenza a resistere maggiore rispetto alle unioni celebrate con rito civile

Leggi tutto

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Chiesa

Le ragioni della missione della Chiesa

È stato sollevato, una volta di più nei recentissimi giorni appena trascorsi, l’annoso dibattito sull’attualità della missione. Non di questa o quella, ma della Missione in sé, con la maiuscola: è un tema che appassiona soprattutto dal postconcilio in qua, e qualcuno vuole che il Santo Padre intenda rompere con la missiologia cattolica “quale la si è finora intesa”. Sembra difficile immaginarsi una simile deriva, in un membro di un ordine pieno di missionari. E infatti…

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano