Chiesa

di la redazione de La Croce

Appello ai vescovi italiani

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Al presidente della Cei, cardinale Bagnasco

Ai vescovi italiani

La ormai prossima Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana, che si aprirà il 18 maggio ai cui lavori parteciperà anche Papa Francesco, cade in una fase storica decisiva per le sorti della società italiana. Con molta umiltà ci rivolgiamo ai vescovi del nostro paese perché questo giornale quotidianamente prova ad avvertire del pericolo incombente e chiede una mobilitazione delle coscienze e non solo, primi fra tutti dei cattolici italiani, affinché la devastazione non abbia luogo.

Come molti ma non tutti sanno, è in atto un’offensiva sul piano normativo nel Parlamento italiano, con un pacchetto di leggi che sono state presentate e alcune delle quali hanno già affrontato importanti voti in aula e in commissione. Prese singolarmente queste leggi sono pericolose in sé, lette nel loro insieme rappresentano la testimonianza di una visione antropologica che cerca di affermarsi per via normativa a punta a trasformare le persone in cose, frantumando l’istituto familiare, isolando l’individuo, esaltando la cultura dello scarto e rendendo i più deboli, a partire dai bambini e dalle donne, oggetti di compravendita.

Il pacchetto normativo è composto da cinque disegni di legge: divorzio breve, ddl Scalfarotto “antiomofobia”, ddl Cirinnà su unioni gay equiparate al matrimonio e legittimazione finanche dell’utero in affitto, ddl Fedeli sull’ideologia gender obbligatoria nelle scuole, ddl di iniziativa popolare dei radicali italiani sull’eutanasia. Alcune di queste norme sono state già votate da un’aula del Parlamento, altre hanno superato i primi scogli in commissioni, altre ancora sono a un passo dall’approvazione definitiva.

Cari vescovi italiani, le prese di posizione timide a ogni passaggio parlamentare da parte della Cei hanno lasciato intendere che la Chiesa di fatto non volesse impegnarsi in un richiamo esplicito su questi argomenti, producendo due effetti deleteri: l’azione parlamentare di chi si oppone a questi provvedimenti è rimasta isolata ed è apparsa sostanzialmente di facciata; sul fronte della comunicazione anche i programmi tradizionalmente più accorti del servizio pubblico radiotelevisivo hanno “fiutato l’aria” e si sono accodati ad una sorta di pensiero unico che domina ormai tutta la comunicazione mainstream. Persino al festival di Sanremo, tradizionale show di Raiuno appuntamento annuale delle famiglie italiane pagato dai soldi delle famiglie italiane, l’evento dell’anno è stato l’invito ad una icona della ideologia gender, del tutto priva di connotati artistici di rilievo. Persino il prudentissimo Bruno Vespa, a seguito del primo passaggio in commissione al Senato a favore del ddl Cirinnà, costruiva una trasmissione totalmente sbilanciata a favore di chi ritiene l’unione omosessuale equiparabile al matrimonio. Per non parlare di qualsiasi trasmissione di intrattenimento, del servizio pubblico come dei concorrenti privati. Sulla stampa quotidiana e periodica, stessa situazione. Con il risultato che quando Papa Francesco parla di gender e famiglia, quando invita gli intellettuali a “non disertare”, i media semplicemente lo silenziano.

Dal 7 maggio, data ultima di accettazione degli emendamenti al ddl Cirinnà, andrà in votazione una normativa che prevede l’equiparazione dell’unione gay al matrimonio e legittima il ricorso all’utero in affitto, una pratica barbara che punta sulla condizione di bisogno della donna e rende il bambino mero oggetto di compravendita. Per legge si proverà a trasformare il falso in vero, si legittimerà l’idea che i figli non nascono da una madre, non hanno bisogno di una madre, nascono da due papà. Uno dei senatori che in commissione Giustizia vota a favore di questo ddl e lo sostiene ha già svolto una pratica di utero in affitto all’estero, ha già acquistato lì il suo bambino con cui non ha alcun legame biologico, strappandolo al seno della madre in cambio di denaro. La nuova legge gli permetterà di dichiararlo figlio proprio all’anagrafe italiana attraverso l’istituto che viene chiamato della “stepchild adoption”. Lo si chiama in lingua inglese affinché nessuno capisca. Il ddl Cirinnà è costruito così, per trasformare il falso in vero, per ingannare.

Il nostro appello ai vescovi italiani è per una mobilitazione della Chiesa italiana, una mobilitazione reale parrocchia per parrocchia, affinché questo inganno ai danni del popolo italiano non sia perpetrato. Le persone non sono cose, i figli non si pagano, gli uteri non si affittano. Le persone, a partire dai più deboli, dai bambini e dalle donne, si amano e si rispettano. Come si rispetta la verità delle cose. La politica non inganni il popolo.

I vescovi italiani avvertano l’urgenza della sfida e portino in piazza con coraggio credenti e non credenti, in nome della verità e della difesa dei soggetti più deboli, contro i falsi miti di progresso. Quando si andò in piazza per fermare i “Dico”, con efficacia, si fermò una legge certamente sbagliata, ma infinitamente meno grave di quelle che sono in via di discussione e approvazione oggi in Parlamento. Il ddl Cirinnà è di fatto il matrimonio omosessuale, con in più la legittimazione dell’utero in affitto. Le parole sempre più nette del Papa sull’ideologia gender, ripetute con chiarezza dai vescovi italiani, ci impongono di essere conseguenti: il ddl Cirinnà è il coronamento dell’ideologia gender, è la motivazione per la quale viene propagandata l’ideologia gender. Si vuole annullare la differenza tra maschile e femminile, per affermare la liceità dell’omogenitorialità e del matrimonio omosessuale. Una volta che quei comportamenti saranno leciti, l’ideologia gender avrà trionfato: come la si potrà fermare nelle scuole, se la legge certifica che ciò che è falso è vero, cioè che i bambini possono essere figli di due papà e di due mamme?

L’approvazione del ddl Cirinnà in prima lettura al Senato, quella decisiva perché i numeri alla Camera per i proponenti sono molto più agevoli, è prevista entro l’estate. La mobilitazione di piazza e la chiamata dei vescovi italiani è urgente. Il Paese ne ha bisogno ora. Senza timidezze e ambiguità, con la chiarezza che nei momenti straordinari è necessaria.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/04/2015
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Chiesa

Ecco-i-nuovi-otto candidati agli altari

Tre decreti su altrettanti miracoli, due sul martirio, tre sulle virtù eroiche, per otto candidati agli altari. È quanto emerge dal Bollettino della Sala Stampa vaticana,

Leggi tutto

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano