Chiesa

di Mario Adinolfi

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il 18 aprile scorso questo giornale rivolse un “appello ai vescovi italiani” proprio in previsione dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana che si è aperta ieri a Roma alla presenza e con un discorso di Papa Francesco. In quell’articolo chiedevamo in sostanza una mobilitazione dei cattolici innescata dai vescovi, sul modello di quella che fermò i Dico il 12 maggio del 2007 con l’incontro di piazza San Giovanni passato alla storia come “Family Day”. Cinquecentomila italiani si ritrovarono in quella occasione, su input della Cei, per rispondere a una legge che minacciava il diritto di famiglia. E quella legge venne ritirata dal governo proponente, di fatto proprio per la pressione visibilmente e trasversalmente esercitata da piazza San Giovanni.

Oggi le minacce normative sono ben più pesanti: il divorzio breve è già diventato legge dello Stato, la Corte costituzionale ha demolito la legge 40 con l’ultima di 33 sentenze che consente anche la diagnosi preimpianto e avvia la strada alla selezione eugenetica di stampo nazista, il ddl Cirinnà devasta quel che resta dell’istituto matrimoniale, lo rende equiparabile all’unione gay e legittima persino la pratica dell’utero in affitto, nel ddl di riforma della scuola è stato piazzato un emendamento velenoso che renderà obbligatorio il corso di “parità di genere” e dunque inserirà la propaganda gender negli orari scolastici di tutti gli istituti di ogni ordine e grado. L’offensiva è colossale e pensare a quel che venne messo in campo per stoppare i Dico, che erano acqua fresca rispetto a tutto questo, fa insieme sorridere e piangere. Sono passati appena otto anni, non ottanta, da quella battaglia di piazza. Eppure il quadro sembra cambiato drammaticamente, anche rispetto alle energie da mettere in campo per rispondere alla visione antropologica di chi vuole trasformare le persone in cose e mettere a rischio i diritti dei più deboli, dai bambini nati e nascituri agli anziani malati da abbattere con la legge infame dell’eutanasia, altro progetto approdato sui banchi di questo strano Parlamento.

Papa Francesco aprendo ieri i lavori dell’Assemblea generale della Cei ha per certi versi risposto direttamente al nostro appello: “La sensibilità ecclesiale e pastorale si concretizza anche nel rinforzare l’indispensabile ruolo di laici disposti ad assumersi le responsabilità che a loro competono. In realtà, i laici che hanno una formazione cristiana autentica, non dovrebbero aver bisogno del Vescovo-pilota, o del monsignore-pilota o di un input clericale per assumersi le proprie responsabilità a tutti i livelli, da quello politico a quello sociale, da quello economico a quello legislativo! Hanno invece tutti la necessità del Vescovo Pastore!”.

La “risposta” del Papa al nostro appello è dunque insieme un no e un sì. No ad una mobilitazione indetta direttamente dall’episcopato italiano o da esso stimolata, vescovi e monsignori pilota non si vedranno. Forse ce n’era bisogno per la gravità e la peculiarità della condizione italiana, ma siamo figli obbedienti e prendiamo atto che questa è la volontà del Pontefice. Ci interessa invece il suo sì e il suo invito e sprone: dobbiamo assumerci le nostre responsabilità di laici. Caro Papa, lo faremo.

Qui lo abbiamo scritto proprio nel numero che poi verrà ricordato come l’ultimo numero cartaceo di questo quotidiano, almeno per un po’. I costi esorbitanti di stampa e distribuzione insieme alla percezione che la diffusione digitale dei nostri contenuti fosse la più efficace, ci ha fatto optare per trasformare La Croce in un quotidiano che vivrà almeno in questa fase esclusivamente sulla Rete. L’abbiamo trascurata un po’ per concentrare tutte le energie e le risorse sul “foglio di carta”, ma ci siamo resi conto che così saremmo stati condannati a sparire, avendo peraltro rifiutato l’accesso a qualsiasi finanziamento pubblico. E noi invece abbiamo ancora molto da dire. E, lo ricordavo, nell’ultimo numero cartaceo lo abbiamo scritto: serve una mobilitazione unitaria di tutte le realtà che pure sul territorio si stanno muovendo. Si chiama “responsabilità dei laici” e dobbiamo assumercela in pieno. Rapidamente, perché il tempo stringe. E le ferite che stanno per essere inferte al tessuto sociale e alla famiglia per via legislativa sono mortali. Sarebbe inutile gridare dopo. Occorre muoversi prima. Cioè ora.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/05/2015
2407/2019
Santa Cristina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Sui “veggenti” stiamo con il Papa, ma l’attacco è alla fede e alla Chiesa

Siamo stati chiamati a rispondere anche in tv da fisici, scienziati, psicologi su fenomeni come quello di Medjugorie. Ecco la risposta del nostro giornale

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Politica

La cura per l’irrilevanza

Oggi Bassetti esprime preoccupazione per l’esito delle elezioni. Alla Veglia organizzata da Sant’Egidio ha infatti dichiarato: “Forse non abbiamo riflettuto al gran dono di Dio rappresentato dall’avere una patria. È scontato. Ma coloro che l’hanno persa o che ne sono stati scacciati o l’hanno dovuta abbandonare, sanno bene quale valore essa abbia. Tanti rifugiati e profughi cercano una patria con un volto materno. In guerra - e ricordo i racconti della mia infanzia - si capisce il valore di una patria in pace”. E per essere ancora più chiaro se la prende con chi ha puntato il dito “persino contro la persona del presidente della Repubblica e la sua misurata e saggia azione di garanzia di tutti i concittadini”. E anche per questo invita a “una svolta nella vita del Paese per cominciare a lavorare insieme: è, infatti, eticamente doveroso lavorare per il bene comune dell’Italia senza partigianeria, con carità e responsabilità, senza soffiare sul fuoco della frustrazione e della rabbia sociale”.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano