Chiesa

di Mario Adinolfi

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il 18 aprile scorso questo giornale rivolse un “appello ai vescovi italiani” proprio in previsione dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana che si è aperta ieri a Roma alla presenza e con un discorso di Papa Francesco. In quell’articolo chiedevamo in sostanza una mobilitazione dei cattolici innescata dai vescovi, sul modello di quella che fermò i Dico il 12 maggio del 2007 con l’incontro di piazza San Giovanni passato alla storia come “Family Day”. Cinquecentomila italiani si ritrovarono in quella occasione, su input della Cei, per rispondere a una legge che minacciava il diritto di famiglia. E quella legge venne ritirata dal governo proponente, di fatto proprio per la pressione visibilmente e trasversalmente esercitata da piazza San Giovanni.

Oggi le minacce normative sono ben più pesanti: il divorzio breve è già diventato legge dello Stato, la Corte costituzionale ha demolito la legge 40 con l’ultima di 33 sentenze che consente anche la diagnosi preimpianto e avvia la strada alla selezione eugenetica di stampo nazista, il ddl Cirinnà devasta quel che resta dell’istituto matrimoniale, lo rende equiparabile all’unione gay e legittima persino la pratica dell’utero in affitto, nel ddl di riforma della scuola è stato piazzato un emendamento velenoso che renderà obbligatorio il corso di “parità di genere” e dunque inserirà la propaganda gender negli orari scolastici di tutti gli istituti di ogni ordine e grado. L’offensiva è colossale e pensare a quel che venne messo in campo per stoppare i Dico, che erano acqua fresca rispetto a tutto questo, fa insieme sorridere e piangere. Sono passati appena otto anni, non ottanta, da quella battaglia di piazza. Eppure il quadro sembra cambiato drammaticamente, anche rispetto alle energie da mettere in campo per rispondere alla visione antropologica di chi vuole trasformare le persone in cose e mettere a rischio i diritti dei più deboli, dai bambini nati e nascituri agli anziani malati da abbattere con la legge infame dell’eutanasia, altro progetto approdato sui banchi di questo strano Parlamento.

Papa Francesco aprendo ieri i lavori dell’Assemblea generale della Cei ha per certi versi risposto direttamente al nostro appello: “La sensibilità ecclesiale e pastorale si concretizza anche nel rinforzare l’indispensabile ruolo di laici disposti ad assumersi le responsabilità che a loro competono. In realtà, i laici che hanno una formazione cristiana autentica, non dovrebbero aver bisogno del Vescovo-pilota, o del monsignore-pilota o di un input clericale per assumersi le proprie responsabilità a tutti i livelli, da quello politico a quello sociale, da quello economico a quello legislativo! Hanno invece tutti la necessità del Vescovo Pastore!”.

La “risposta” del Papa al nostro appello è dunque insieme un no e un sì. No ad una mobilitazione indetta direttamente dall’episcopato italiano o da esso stimolata, vescovi e monsignori pilota non si vedranno. Forse ce n’era bisogno per la gravità e la peculiarità della condizione italiana, ma siamo figli obbedienti e prendiamo atto che questa è la volontà del Pontefice. Ci interessa invece il suo sì e il suo invito e sprone: dobbiamo assumerci le nostre responsabilità di laici. Caro Papa, lo faremo.

Qui lo abbiamo scritto proprio nel numero che poi verrà ricordato come l’ultimo numero cartaceo di questo quotidiano, almeno per un po’. I costi esorbitanti di stampa e distribuzione insieme alla percezione che la diffusione digitale dei nostri contenuti fosse la più efficace, ci ha fatto optare per trasformare La Croce in un quotidiano che vivrà almeno in questa fase esclusivamente sulla Rete. L’abbiamo trascurata un po’ per concentrare tutte le energie e le risorse sul “foglio di carta”, ma ci siamo resi conto che così saremmo stati condannati a sparire, avendo peraltro rifiutato l’accesso a qualsiasi finanziamento pubblico. E noi invece abbiamo ancora molto da dire. E, lo ricordavo, nell’ultimo numero cartaceo lo abbiamo scritto: serve una mobilitazione unitaria di tutte le realtà che pure sul territorio si stanno muovendo. Si chiama “responsabilità dei laici” e dobbiamo assumercela in pieno. Rapidamente, perché il tempo stringe. E le ferite che stanno per essere inferte al tessuto sociale e alla famiglia per via legislativa sono mortali. Sarebbe inutile gridare dopo. Occorre muoversi prima. Cioè ora.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/05/2015
0912/2019
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Storie

Charlie è ancora vivo

Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
Britain is a civilised country and cannot allow the killing of an innocent baby.
The day Charlie would be killed would be a very sad day for Britain and every Briton should feel ashamed,
Do not allow it, Charlie could be your son,
Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
La Gran Bretagna è un paese civile e non può permettere l’uccisione di un bambino innocente.
Il giorno in cui charlie sarebbe stato ucciso sarebbe stato un giorno molto triste per la Gran Bretagna e tutti gli inglesi avrebbero dovuto vergognarsi.
Non lo permetta, Charlie potrebbe essere suo figlio.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi contro l’utero in affitto

Le conferenze episcopali di tutta Europa diramano da Bruxelles una presa di posizione durissima contro la maternità surrogata

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano