Società

di Giuseppe Brienza

Odissea di un altro convegno a Milano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Se qualcuno ricorda, nell’articolo Omomania: Pisapia contro un nuovo 17 gennaio, pubblicato su “La Croce” il 13 maggio (p. 3), segnalammo che, a fronte della “censura” del sindaco di Milano, gli organizzatori del convegno “La Famiglia: il fondamento della società”, che avrebbe dovuto avere luogo il 23 maggio a Palazzo Marino, stavano provando «a proporne lo spostamento in Piazza Scala sotto gli uffici di Pisapia e Baruffi. Vedremo come andrà a finire». Maurizio Baruffi è il capo di gabinetto del sindaco Pisapia e, con provvedimento a sua firma, l’autorizzazione ad usufruire delle sale del Municipio è stata all’ultimo momento negata. Ecco, comunque, com’è andata a finire la storia: anche per Piazza Scala non è stato possibile e, per l’iniziativa, si è dovuto “ripiegare” per la provincia. Il convegno, a questo punto ribattezzato con lo stesso identico titolo di quello tenuto a Milano il 17 gennaio (cui partecipò in mezzo alle accuse di “omofobia” il nostro direttore, assieme a Massimo Introvigne, Costanza Miriano ed altri), “Difendere la famiglia per difendere la comunità”, avrà luogo giovedì 28 maggio nella Sala consiliare di Seriate (Bergamo), sempre (per fortuna) con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura Identità e Autonomia della Regione Lombardia.

I relatori non sono rimasti quelli originariamente previsti perché, oltre al responsabile di Alleanza Cattolica-Lombardia e conduttore di Radio Maria Marco Invernizzi (moderatore) ed il neuropsichiatra Massimo Gandolfini, presidente dell’associazione “Vita è”, interverranno il giovane avvocato Gabriele Borgoni e Don Edoardo Algeri, Direttore dell’Ufficio Pastorale della Famiglia della Diocesi di Bergamo. Questo piccolo “box” informativo è dovuto loro perché, ci sembra giusto, dare risalto e valorizzare persone che, oltre che ben orientate, hanno il coraggio di andare “contro i falsi miti di Progresso” dovendo subire l’inaccettabile ostracismo che abbiamo documentato. Eppoi è sempre vero il detto “Oggi a loro, domani a noi”...

E aggiungiamo: come può essere possibile “difendere la famiglia” se chi guida le nostre comunità locali non lo vuole? Pensiamoci Domenica 31 quando parteciperemo alle elezioni locali. Non tutti i Sindaci sono uguali. Per esempio a fronte di un Pisapia che “rema contro”, abbiamo un Sindaco di Seriate come Cristian Vezzoli che, oltre ad ospitare un utile “sequel” sul tema cruciale “Difendere la famiglia per difendere la comunità” (ce ne auguriamo ce ne potranno essere tanti altri in futuro), ne farà anche la relazione introduttiva. Per ulteriori informazioni sul convegno di Seriate del 28 maggio: www.comunitambrosiana.org; [email protected] - Tel. 349/50.07.708.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/05/2015
1701/2019
Sant'Antonio abate

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La Chiesa ortodossa rumena è profamily

«La Chiesa ortodossa romena considera con preoccupazione le misure relative alla possibile formalizzazione, ventilata in queste ore, concernente il “partenariato civile”». Sono parole di una nota rilasciata dall’ufficio stampa del Patriarcato rumeno.
«I tentativi di ridefinire la famiglia naturale e tradizionale sembrano parte di un programma ideologico», prosegue.

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Società

Il capitalismo della seduzione

Il vecchio sistema socioeconomico è stato da tempo superato da quello che il filosofo (marxista) Michel Clouscard ha definito il «capitalismo della seduzione». Lo scrittore Rodolfo Quadrelli lo ha descritto con efficacia: «Mentre il capitalismo primitivo, fondato sull’ascesi razionalizzata dei vizi spirituali, non poteva permettere lo scatenamento degli istinti sessuali, il nuovo capitalismo, largamente spersonalizzato, può permetterlo; o addirittura, nella sua più recente versione, può raccomandarlo, inteso com’è a liberarsi dalla famiglia e dal risparmio, entrambi potenti remore ai consumi»

Leggi tutto

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano