Società

di Giuseppe Brienza

Odissea di un altro convegno a Milano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Se qualcuno ricorda, nell’articolo Omomania: Pisapia contro un nuovo 17 gennaio, pubblicato su “La Croce” il 13 maggio (p. 3), segnalammo che, a fronte della “censura” del sindaco di Milano, gli organizzatori del convegno “La Famiglia: il fondamento della società”, che avrebbe dovuto avere luogo il 23 maggio a Palazzo Marino, stavano provando «a proporne lo spostamento in Piazza Scala sotto gli uffici di Pisapia e Baruffi. Vedremo come andrà a finire». Maurizio Baruffi è il capo di gabinetto del sindaco Pisapia e, con provvedimento a sua firma, l’autorizzazione ad usufruire delle sale del Municipio è stata all’ultimo momento negata. Ecco, comunque, com’è andata a finire la storia: anche per Piazza Scala non è stato possibile e, per l’iniziativa, si è dovuto “ripiegare” per la provincia. Il convegno, a questo punto ribattezzato con lo stesso identico titolo di quello tenuto a Milano il 17 gennaio (cui partecipò in mezzo alle accuse di “omofobia” il nostro direttore, assieme a Massimo Introvigne, Costanza Miriano ed altri), “Difendere la famiglia per difendere la comunità”, avrà luogo giovedì 28 maggio nella Sala consiliare di Seriate (Bergamo), sempre (per fortuna) con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura Identità e Autonomia della Regione Lombardia.

I relatori non sono rimasti quelli originariamente previsti perché, oltre al responsabile di Alleanza Cattolica-Lombardia e conduttore di Radio Maria Marco Invernizzi (moderatore) ed il neuropsichiatra Massimo Gandolfini, presidente dell’associazione “Vita è”, interverranno il giovane avvocato Gabriele Borgoni e Don Edoardo Algeri, Direttore dell’Ufficio Pastorale della Famiglia della Diocesi di Bergamo. Questo piccolo “box” informativo è dovuto loro perché, ci sembra giusto, dare risalto e valorizzare persone che, oltre che ben orientate, hanno il coraggio di andare “contro i falsi miti di Progresso” dovendo subire l’inaccettabile ostracismo che abbiamo documentato. Eppoi è sempre vero il detto “Oggi a loro, domani a noi”...

E aggiungiamo: come può essere possibile “difendere la famiglia” se chi guida le nostre comunità locali non lo vuole? Pensiamoci Domenica 31 quando parteciperemo alle elezioni locali. Non tutti i Sindaci sono uguali. Per esempio a fronte di un Pisapia che “rema contro”, abbiamo un Sindaco di Seriate come Cristian Vezzoli che, oltre ad ospitare un utile “sequel” sul tema cruciale “Difendere la famiglia per difendere la comunità” (ce ne auguriamo ce ne potranno essere tanti altri in futuro), ne farà anche la relazione introduttiva. Per ulteriori informazioni sul convegno di Seriate del 28 maggio: www.comunitambrosiana.org; [email protected] - Tel. 349/50.07.708.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/05/2015
1806/2019
San Calogero

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Storie

Charlie muoia almeno a casa sua

Se la “resa” dei genitori di Charlie Gard è piovuta sul mondo prolife come una doccia gelata, la reazione sconcertante di certe frange di quest’ultimo – che si sono volte ad attaccare i due, rei di non
corrispondere al gonfalone che se n’erano fatto – lascia non meno da riflettere. Anche perché la bella dichiarazione del Bambino Gesù è stata a sua volta travisata come un documento compromissorio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano