{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Il senso della festa dell’Ascensione

Storie

di Antonio Iannaccone

Il senso della festa dell’Ascensione

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Se c’è una festa cristiana che il nostro tempo dovrebbe celebrare come la sua ricorrenza per eccellenza, ebbene è proprio la domenica appena trascorsa, quella dell’Ascensione.

Che cos’è, infatti, in sintesi, il cuore del pensiero contemporaneo? L’assenza di ogni verità (Dio in primis) e il totale protagonismo della libertà del singolo.

Ebbene, un paio di millenni prima che Nietzsche e i suoi amici decidessero di cacciarLo per sempre dalle nostre umane faccende, nell’Ascensione accade proprio il fatto che Dio in carne e ossa lascia la scena di queste lande desolate e lo fa in favore di un totale protagonismo umano.

Allora, tutto a posto? La vicenda di Cristo si conclude in modo simile a quella di noialtri relativisti a tempo pieno, e tutti contenti? Niente affatto. Ma andiamo con ordine.

Innanzitutto, siamo sicuri di aver inteso l’Ascensione nel senso giusto? Non sto parlando tanto di un fatto intellettuale o religioso, ma di come essa è entrata nelle nostre ossa di uomini di questo tempo. In sintesi, il senso che abbiamo dato all’Ascensione mi pare questo: Dio doveva dirci qualcosa, lo ha fatto in modo sublime attraverso la bocca di Gesù e poi ha lasciato la scena. Ovvero – questo il nostro diffusissimo retro-pensiero, diventato onnipresente luogo comune – Gesù è stato un grande uomo del suo tempo, che ha detto cose bellissime e giustissime, ma, ora che non è più qui, è inutile farsi strane domande su chi fosse e sulle sue strane pretese di essere la verità che ci salva: adesso, tocca a noi, che dobbiamo realizzare la nostra esistenza come meglio crediamo e poi, al più, cercare di vivere le bellissime (anche se un po’ troppo difficili) leggi morali del Nazareno.

Ma, così facendo, abbiamo fatto fuori, oltre all’Ascensione, la sua stupenda premessa: l’Incarnazione. Dio non ha voluto soltanto “dirci” qualcosa (avrebbe potuto farla dettare da un suo arcangelo a un profeta…), ma ha voluto “darci” quello che sembrava impossibile: la bellezza sconfinata della Sua risposta all’uomo che cerca tutto. E questa risposta non è un’idea o una parola: è una persona fatta di carne e ossa, Gesù.

Con l’Ascensione allora che cosa accade? È vero o no che Dio vuole rendere protagonista l’uomo? Sì, è vero, solo che il protagonismo che Dio vuole per noi è assolutamente diverso da come lo intendiamo e assolutamente di più.

Il nostro protagonismo, per essere tale, ha bisogno di negare importanza a tutto eccetto che all’io (ottenendo, per altro, così l’effetto – sotto gli occhi di tutti, oggi – di far fuori anche l’io medesimo). Infatti, noi cerchiamo la libertà allontanandoci dalla realtà, ovvero strappandoci dalla natura, dal presente, dal nostro limite. Pensiamo di essere più liberi, ad esempio, se possiamo scegliere il nostro genere sessuale (oltre la natura maschile o femminile) oppure se possiamo evitare le difficoltà del presente attraverso stordimenti chimici oppure ancora se possiamo affogare le nostre ansie in esperienze di piacere sessuale immediate, senza vero contatto umano.

L’Ascensione invece dona una libertà molto più grande di questa: un essere umano, Gesù, è già arrivato dentro la pienezza stessa di tutte le cose, dentro la realizzazione totale dell’esistenza, con tutta la sua carne e il suo sangue.

È vero, il Dio che si è fatto uomo non cammina più per le nostre strade, non mangia più alle nostre tavole, non resuscita più le figlie delle vedove davanti ai nostri occhi. Ha lasciato noi come protagonisti sulla scena. Siamo noi che ci muoviamo alla ricerca della nostra realizzazione nell’apparente invisibilità di Lui. E siamo ancora noi che portiamo il Suo Mistero a tutti gli uomini, con l’aiuto irrinunciabile del Suo Spirito. Ma tutto è cambiato rispetto al giorno prima della Sua venuta: ora siamo certi che l’impossibile desiderio del nostro cuore può incontrare risposta totale; e risposta reale, fino alla carne. Una risposta che tiene dentro fino all’ultimo capello e all’ultima goccia di sangue di ogni essere umano.

L’uomo per essere libero – anzi, diciamola tutta, per essere parte stessa di Dio (come ci è stato promesso) - non ha bisogno di negare nulla di sé, non ha bisogno di far fuori nulla del suo limite, perché un uomo è già con la Sua carne risorta nella pienezza di tutte le cose e nella libertà totale di Sé, alla destra dell’Amore che ha voluto questo impossibile bene per ognuno di noi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/05/2015
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Senza celibato resta solo il proselitismo

I dati biblici sono incontrovertibili: Gesù è stato celibe; Gesù ha scelto liberamente e volontariamente la vita celibataria (dubitare di ciò significa dubitare dell’integrità della sua umanità); Gesù ha chiesto la continenza a tutti i suoi apostoli

Leggi tutto

Storie

Madri della Chiesa,  donne, madri nel deserto

Già secoli prima che santa Scolastica mostrasse coi fatti al fratello Benedetto che davvero davanti al Signore conta solo l’amore, numerose sante donne ne precorrevano i passi. E ancora oggi, nella festa della donna, parlano alle loro confuse pronipoti, che perdono tempo a immaginare cosa potrebbero essere invece di osservare il loro mistero. Fissare un obiettivo, non cedere ai tortuosi vortici del cuore, sopportare le avversità, affidarsi a Cristo – la loro lezione

Leggi tutto

Media

Con Papa Francesco contro le follie gender

Si fa fatica ad accettare il limite. Così sul Corsera si trova la propaganda a cliniche olandesi che bombardano di ormoni i dodicenni per il cambio di sesso

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Chiesa

“L’uomo della Sindone è Gesù di Nazareth”

Il Corriere della Sera dedica due pagine a “smontare” la Sindone. Ma il fisico Alessandro Paolo Bramanti spiega perché quella è davvero l’immagine di Cristo.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco si prepara per volare a Fatima

Il Papa ha parlato del suo ormai imminente viaggio apostolico in Portogallo, che lo vedrà canonizzare – nel centenario delle apparizioni mariane – i pastorelli Francesco e Giacinta. Il Pontefice auspica che il viaggio sia foriero di pace e di speranza per tutti quanti parteciperanno alla celebrazione centenaria. L’eredità del messaggio di Fatima resta ancora da recepire a fondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano