Società

di Mario Adinolfi

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La notizia che arriva da Milano ieri era: Slow Food attacca McDonald’s all’Expo. Carlo Petrini, fondatore e guru delle cibarie “a origine controllata” e dunque costosi, se la prende con chi “vende panini con la carne a un euro e venti”. Permettetemi cari lettori un ricordo personale: a me è capitato nella vita di lavorare come cameriere da McDonald’s, ero un giovanissimo uomo sposato e per mantenere la famiglia in tempi in cui il giornalismo pagava a singhiozzo, le cinque ore giornaliere al fast food erano un contratto part time per il quale ho ringraziato il Signore. I contratti erano seri, i diritti rispettati, le norme igieniche pure, il prodotto che si vendeva ai clienti era ipercontrollato. Oggi da cliente noto molti poveri che vanno da Mac perché l’hamburger costa un euro, è il famoso “panino con la carne” che non piace a Petrini. Qualcuno sa che nella mia vita dopo l’esperienza da cameriere m’è capitato di arrivare anche in Parlamento, di diventare deputato del Partito democratico, il partito che nell’emiciclo di Montecitorio siede a sinistra. Ecco, nella sinistra che vorrei io un’impresa che sfama un povero con un euro è benemerita. In questo momento vince la sinistra di Petrini, intoccabile maître à penser, che pensa ai ricchi. La questione si riverbera in tutto il dibattito e persino nell’elaborazione del pensiero della sinistra contemporanea.

Diceva con un’intuizione profetica Augusto Del Noce, studioso purtroppo mai a sufficienza approfondito e troppo presto quasi dimenticato, che per la sinistra postcomunista il destino era quello di aggrapparsi a una ideologia da “partito radicale di massa” una volta persa la natura rivoluzionaria e la conseguente visione sostanzialmente escatologica. Più banalmente proverei a dire che la sinistra contemporanea ha smesso di elaborare e ha dimenticato anche i luoghi di elaborazione più recente, penso agli scritti di Norberto Bobbio, penso al suo “Destra e Sinistra” in cui si invitava chi di sinistra si considerava a tenere caro il valore dell’eguaglianza, con il conseguente carico di impegni a combattere le ingiustizie, l’iniquità sociale, soprattutto la povertà.

Ecco il punto. I poveri. Chi pensa ai poveri? La sinistra, che tradizionalmente si è battuta per l’allargamento proprio alle classi più basse dei diritti basilari, da quello alla vita, a quello al lavoro, a quello al nutrimento, a quello alla dignità della persona, a quello all’istruzione e alla cura sanitaria gratuita, sembra aver ribaltato completamente i postulati valoriali della sua attività. La frase contro il “panino a un euro” viene da una sinistra che ormai sta bene in terrazza, in ristretti circoli, a teorizzare di riforma della scuola pensando che il punto qualificante sia piazzare l’ideologia gender tra gli insegnamenti obbligatori, anziché lavorare a un impianto di vera libertà scolastica che consenta ai poveri, anche ai poveri, di frequentare l’istituto migliore. Oppure a chiacchierare di “nuovi diritti”, come quelli della coppia gay a “figliare” affittando uteri e chi se ne importa se per far questo bisogna far leva sullo stato di bisogno di una donna povera e strapparle poi il figlio, povero anche lui e anche indifeso.

Chi pensa ai poveri? Non solo nei padiglioni dell’Expo, dove meno male che c’è il panino di McDonald’s a un euro e venti, altrimenti tocca spendere almeno dieci volte tanto per sfamarsi. Più in generale quali sono i luoghi dove si elabora seriamente una proposta che combatta la povertà diffusa? Rileggendo le parole del cardinale Bagnasco si trovano accenti di concreta attenzione alla questione della povertà. Per Papa Francesco il tema è forse quello centrale del suo magistero. Ieri molto interessante è stato ascoltare la posizione della Conferenza episcopale italiana espressa in Parlamento “contro la logica dell’assistenzialismo”, nell’ambito della discussione sul reddito di cittadinanza. C’è poi l’azione concreta della Chiesa a sostegno dei più poveri e il recentissimo convegno internazionale di Caritas ancora una volta ha fornito linee guida operative rispetto all’emergenza povertà in Italia e nel mondo.

Viene l’impressione che sia nell’elaborazione che nell’azione la Chiesa sia all’avanguardia sul tema della lotta alla povertà. E allo stesso tempo, nonostante la tragedia immane che vediamo alle porte del mondo opulento e nonostante la tragedia meno immane ma sempre più evidente delle povertà nostrane, in pochi sembrano essere interessati a parlarne per arrivare a soluzioni magari piccole, ma concrete. Attardandosi in terrazza a difendere la pera camugina dagli Ogm, mentre sul bambino nascituro ogni nefandezza è consentita, anzi auspicata come “mito di progresso, la sinistra perde la sfida. Si ritrova con un Brunello Dop da rispettare nelle sue caratteristiche originale e naturali, mentre ai ragazzini vuole insegnare che i dati biologici sono “pregiudizi”, viva le trasformazioni gender. Il cetriolo della Val Camonica non si può manipolare, bisogna rispettarne l’integrità naturale e genetica, ai bambini fate quello che volete, preparatevi magari a trasformarli in bambine, che il genere si sceglie, non è un dato naturale.

In questo folle minestrone chi ci rimette sono sempre i più deboli e più poveri. Ma a quelli in terrazza che gliene frega, basta che ci sia una bottiglia di vino da cento euro da scolare, alla faccia di chi mangia da McDonald’s.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/05/2015
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Chiesa

PAPA FRANCESCO SANTA MESSA CONCLUSIVA DEL 52.mo CONGRESSO EUCARISTICO INTERNAZIONALE

Innanzi ad oltre centomila fedeli, Francesco celebra la Statio Orbis per concludere il 52.mo Congresso eucaristico internazionale di Budapest. Nell’omelia invita ad aprirsi “alla novità scandalosa” di Dio, “servo crocifisso” e non “messia potente”.

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ecumenismo è ascolto comunitario

Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti al pellegrinaggio ecumenico “Con Lutero dal Papa” proveniente dalla Germania, con il motto “Meglio tutti insieme” auspicando per la Chiesa “disponibilità all’ascolto”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano