Media

di Hashtag

Quello strano buco su Rai.tv

Lunedì pomeriggio alle 18.15 va in onda un dibattito televisivo a Raiuno nel corso della trasmissione La Vita in Diretta tra il noto transessuale Vladimir Luxuria e il direttore di questo quotidiano a commento dei risultati del referendum irlandese. Il confronto è acceso, ma non trascende nonostante il tentativo ripetuto di Luxuria di trascinare il dialogo su un piano personalistico.

Il direttore de La Croce ribadisce con molta fermezza la sua contrarietà al ddl Cirinnà, in particolare citando l’articolo 5 che attraverso l’istituto della cosiddetta “stepchild adoption” legittima di fatto la pratica dell’utero in affitto purché effettuata all’estero. Luxuria in difficoltà prima prova a negare gli effetti dell’articolo 5, poi si rifugia in spiegazioni su fantomatiche libere scelte e donazioni. Il pubblico in studio non abbocca e anche se lo spazio è costruito tutto sulla “inevitabile” ormai approvazione delle legge sulle unioni gay (così ripete più volte il conduttore) gli applausi a scena aperta vanno alle argomentazioni contrarie al ddl Cirinnà.

La cosa non deve essere piaciuta a qualcuno. Sul sito della Rai che pubblica i video di tutte le trasmissioni, il palinsesto di Raiuno di lunedì 25 è completissimo, ci sono pure i programmi andati in onda alle tre di notte. C’è La Vita in Diretta, ma solo per i primi quarantacinque minuti. C’è un buco che sembra fatto apposta: manca il dibattito che vi abbiamo raccontato. Cancellato dagli archivi web. Chissà perché, chissà da chi.

27/05/2015
1512/2017
Beata Maria Vittoria de Fornari Strata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Media

La censura della Rete

“La ‘diffusione di notizie false’ è già sufficiente a ricattare chiunque – scrive Pennetta - , dal momento che ci sarà una commissione che stabilirà quali notizie sono false questa avrà in mano il potere di impedire qualsiasi notizia non conforme alle versioni ufficiali. Tutte le notizie che potrebbero favorire il versante “populista” (termine anch’esso vago che designa qualunque movimento contrario alla UE, Euro, NATO, TTIP, CETA, FMI ecc…) saranno con la nuova legge punite penalmente (pag. 3 ddl). Stabilito il criterio col quale una notizia diventa una ‘fake news’ il legislatore pone una trappola insidiosa ma quantomai rivelatrice delle reali intenzioni della proposta di legge. Poiché la libera informazione ha prodotto i suoi effetti quando una serie di testate che si sono conquistate la fiducia dei lettori negli anni hanno cominciato a convergere nei giudizi dando origine ad una massa compatta di persone informate e determinate che poi sono andate a votare, lo scopo è adesso quello di bloccare le notizie che compattano settori significativi di opinione pubblica lasciando libera circolazione a quelle che per un motivo o per un altro non coagulano l’attenzione restando singole opinioni. Si potrà parlare, certamente dice la legge, purché non ci si “fili” nessuno (pag. 5 ddl)”.

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano