Media

di Hashtag

Quello strano buco su Rai.tv

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lunedì pomeriggio alle 18.15 va in onda un dibattito televisivo a Raiuno nel corso della trasmissione La Vita in Diretta tra il noto transessuale Vladimir Luxuria e il direttore di questo quotidiano a commento dei risultati del referendum irlandese. Il confronto è acceso, ma non trascende nonostante il tentativo ripetuto di Luxuria di trascinare il dialogo su un piano personalistico.

Il direttore de La Croce ribadisce con molta fermezza la sua contrarietà al ddl Cirinnà, in particolare citando l’articolo 5 che attraverso l’istituto della cosiddetta “stepchild adoption” legittima di fatto la pratica dell’utero in affitto purché effettuata all’estero. Luxuria in difficoltà prima prova a negare gli effetti dell’articolo 5, poi si rifugia in spiegazioni su fantomatiche libere scelte e donazioni. Il pubblico in studio non abbocca e anche se lo spazio è costruito tutto sulla “inevitabile” ormai approvazione delle legge sulle unioni gay (così ripete più volte il conduttore) gli applausi a scena aperta vanno alle argomentazioni contrarie al ddl Cirinnà.

La cosa non deve essere piaciuta a qualcuno. Sul sito della Rai che pubblica i video di tutte le trasmissioni, il palinsesto di Raiuno di lunedì 25 è completissimo, ci sono pure i programmi andati in onda alle tre di notte. C’è La Vita in Diretta, ma solo per i primi quarantacinque minuti. C’è un buco che sembra fatto apposta: manca il dibattito che vi abbiamo raccontato. Cancellato dagli archivi web. Chissà perché, chissà da chi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/05/2015
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Sanremo val bene un Referendum

Giuseppe Bruno è chiaro: “Accolgo e rilancio chiedendo l’appoggio di tutti quelli che riescono a far da Megafono l’appello del Vescovo di Sanremo e propongo di lottare per non pagare più il canone ad un servizio pubblico che non rappresenta più il pubblico italiano, ma un’elite che si è costruito un pubblico su misura costringendolo pia piano, gioco forza, ad apprezzare la progressiva stupidità propostagli”.

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Media

Mahmood e Blanco stop da Instagram: ‘‘Violazione in materia di atti sessuali’’

Lo scatto è stato postato dalla nota rivista sulla pagina ufficiale di Instagram, ma la piattaforma social non ha gradito ed ha censurato immediatamente, tramite rimozione del post.

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Leggi tutto

Media

Assassinio sul Nilo, boicottaggio paesi arabi per Gal Gadot

“Assassinio sul Nilo”, l’adattamento cinematografico di un romanzo di Agatha Christie appena uscito anche in Italia, sta suscitando polemiche e censure dopo essere stato proiettato in Egitto e in altri paesi arabi perché vi recita Gal Gadot, attrice ex soldato dell’esercito israeliano.

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano