Storie

di Adolfo Marini

Come evitare gli aborti

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La discussione attorno all’aborto soprattutto a livello europeo punta a trasformarlo in “diritto” da estendere a tutte le donne sostanzialmente senza alcuna limitazione concreta sia in termini di momento in cui si decide di interrompere la gravidanza, sia in termini di motivazioni necessarie per farlo. Un’altra via è invece sempre possibile per proclamare non un fantomatico diritto delle donne ad abortire, ma il reale diritto del bambino a nascere. La praticano le associazioni del volontariato cattolico il cui lavoro questo giornale non si stanca di sottolineare. Parliamo oggi di una di queste, una delle più note e amate d’Italia.

La Comunità Papa Giovanni XXIII ha preso in carico nel 2014 in Italia per una maternità difficile 586 donne, 162 in Emilia-Romagna. Poco più del 50% sono donne straniere. 81 mamme incinta o con neonati sono state accolte nelle famiglie e case famiglia dell’associazione (18 in Regione). E’ aumentato al 32% il numero delle donne indecise, o intenzionate ad abortire, che hanno chiesto aiuto. Il 65% di queste (2 su 3), dopo una proposta di aiuto e di condivisione, ha scelto di continuare la gravidanza.

Riparametrando questo valore ai 107.192 aborti volontari legalmente eseguiti che avvengono in Italia (Dati del Ministero della Salute, 2013) emerge che, se questa modalità di aiuto venisse standardizzata a livello nazionale, 69.674 bambini (il 65%) vedrebbero la luce. Tra le gestanti indecise, più di 1 su 3 (precisamente il 37%) è stata fatta oggetto di pressioni o istigata ad abortire, dato in crescita rispetto al 2013. In 2 casi su 3 le pressioni hanno avuto origine dall’ambiente familiare: dal partner nel 48% dei casi, dalla famiglia nel 20%, da personale sanitario nel 25%.

E’ migliorata la collaborazione con le istituzioni, in particolare in Emilia-Romagna dove oggi in quasi 1 caso su 3 le mamme ci vengono inviate da strutture pubbliche.

Come segnale di dialogo con il territorio, a Bologna la Comunità Papa Giovanni XXIII ha spostato il luogo di preghiera dal marciapiede di via Massarenti, antistante le finestre della Clinica Ginecologica, per spostarsi in via Albertoni, in prossimità di uno degli ingressi dell’ospedale.

Giovanni P.Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII, ha commentato: «I dati incoraggiano al proseguimento della ‘Preghiera pubblica per la vita nascente’, che continuerà con una metodologia tipicamente nonviolenta. Non solo tutti i bambini che sono uccisi ogni anno hanno diritto di nascere, ma la società ha bisogno di loro per far ripartire la natalità e la ripresa economica».

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

27/05/2015
3009/2020
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Storie

La grave confusione dell’Università di Lovanio

Una volta era cattolica, l’Università di Lovanio, al punto da recare nel nome la dicitura “Cattolica”. Oggi balzano agli occhi di tutti i marci frutti
di decenni di compromessi al ribasso, di malinteso spirito di dialogo, di ignoranza e ideologie assurte con prosopopea in cattedra. E il professor
Stéphane Mercier, che ha semplicemente ricordato la dottrina cattolica sull’aborto è stato estromesso dall’ateneo

Leggi tutto

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Società

L’unico aborto sicuro è quello che non si fa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano