Politica

di Mario Adinolfi

Frenata alle amministrative per Renzi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Risultati sorprendenti alle elezioni regionali con il centrodestra che vince in Liguria e in Veneto, affemazione faticosa del centrosinistra in Umbria, in Campania vince De Luca ma è sub judice. In Puglia si afferma Michele Emiliano, che vince però senza che Matteo Renzi sia mai andato a sostenerlo in campagna elettorale. Al premier resta la vittoria netta nelle Marche e in Toscana, dove la Lega batte nettamente Forza Italia nel derby a destra così come in tutte le regioni del centro-Nord, anche le liste Noi con Salvini (surrogato del Carroccio) non sfondano al Sud.

Di fatto sono state le prime elezioni post Italicum, la nuova legge elettorale approvata dal Parlamento che entrerà in vigore però solo dal 1 luglio 2016. Che Italia è quella che ci viene consegnata da questa tornata amministrativa? Un’Italia tripolare: il centrodestra unito dimostra di poter vincere in regioni cruciali, il Pd renziano che è comunque il soggetto politicamente più forte, poi un Movimento cinque stelle che per la prima volta si afferma come forza superiore molto solida anche alle amministrative. Michele Emiliano in Puglia tende subito una mano al M5S e propone come assessore della propria giunta la candidata grillina. Per De Luca la vittoria in Campania rischia di essere strozzata in gola, per via della legge Severino che non dovrebbe consentire il suo insediamento alla presidenza della Regione Campania a causa del processo per concussione ancora pendente.

Il Pd si lecca le ferite anche in Liguria, dove la scelta dei civatiani e di Sel di sostenere il deputato ormai ex Pd Pastorino si è rivelata decisiva per la sconfitta della candidata renziana Paita consentendo la vittoria di Giovanni Toti, esponente di Forza Italia molto vicino a Silvio Berlusconi. Anche in Liguria però l’affermazione di lista più netta è della Lega di Matteo Salvini, che porta il Carroccio sopra al venti per cento dei consensi in regione. Molto debole il risultato di Area Popolare, che in Liguria come in Veneto arriva appena attorno al 2%. Va meglio al Sud, dove tra Campania e Puglia il partito di Alfano tocca il 6%.

Il sistema tripolare che si disegna dopo queste regionali rischia di essere caratterizzato da un’assenza di un’area moderata: a Renzi e al suo Pd, che dovrà ora attivare meccanismi di rincorsa del consenso a sinistra avendo sperimentato l’incapacità di sfondare al centro (la legge sulle unioni civili paramatrimoniali per i gay potrebbe essere il terreno di questa operazione), si contrappongono di fatto due opposizioni dai toni molto netti ma divise, cioè il centrodestra ormai egemonizzato da Matteo Salvini e il movimento di Beppe Grillo che sembrava in caduta libera per di epurazioni e dissidi interni, invece dimostra una inaspettata solidità di consenso. Il Pd che dopo le europee veleggiava attorno al 41%, quindi oltre la soglia necessaria per vincere al primo turno con l’Italicum senza ricorrere al ballottaggio per l’assegnazione del premio di maggioranza, dopo queste amministrative viene ridimensionato a forza con consensi attorno al 30%: ai picchi delle liste Pd in Toscana, Marche e Umbria vanno segnalati i dati pessimi di Veneto (16.6%), Liguria (25,6%) e anche Campania (19,8%).

La partita dopo queste amministrative è aperta. Il punto è: potrà una maggioranza di governo ibrida, composta da un Pd che dovrà tentare di recuperare terreno a sinistra e un raggruppamento di centrodestra come Area Popolare in crisi di consensi e di identità, tenere a lungo? O lo scenario ormai rischia di essere elezioni politiche anticipate a breve? Soprattutto, in questo quadro una forzatura sul ddl Cirinnà potrebbe essere il detonatore della contraddizione. Renzi ci pensi prima di premere il pulsante dell’autodistruzione: tradire le proprie origini politiche e le proprie convinzioni profonde, radicate persino nel suo ambito familiare, potrebbe essere letale. Quello che arriva dalle regionali è un monito che gli italiani gli hanno lanciato.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/06/2015
1710/2019
S. Ignazio d'Antiochia

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Politica

Renzi perde, il PDF vince

I recenti riscontri elettorali hanno sancito la crisi del renzismo e la crescita del PDF. Ora è necessario andare avanti per conquistare i giusti traguardi ed esautorare chi dimostra di interessarsi soltanto a pochi a danno di molti

Leggi tutto

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

Che cosa si perde sguarnendo l’IRC

La “Buona scuola” impone agli istituti di offrire ricchi potenziamenti agli allievi. Tagliando fuori chi fa l’ora di religione

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano