Politica

di Mario Adinolfi

Frenata alle amministrative per Renzi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Risultati sorprendenti alle elezioni regionali con il centrodestra che vince in Liguria e in Veneto, affemazione faticosa del centrosinistra in Umbria, in Campania vince De Luca ma è sub judice. In Puglia si afferma Michele Emiliano, che vince però senza che Matteo Renzi sia mai andato a sostenerlo in campagna elettorale. Al premier resta la vittoria netta nelle Marche e in Toscana, dove la Lega batte nettamente Forza Italia nel derby a destra così come in tutte le regioni del centro-Nord, anche le liste Noi con Salvini (surrogato del Carroccio) non sfondano al Sud.

Di fatto sono state le prime elezioni post Italicum, la nuova legge elettorale approvata dal Parlamento che entrerà in vigore però solo dal 1 luglio 2016. Che Italia è quella che ci viene consegnata da questa tornata amministrativa? Un’Italia tripolare: il centrodestra unito dimostra di poter vincere in regioni cruciali, il Pd renziano che è comunque il soggetto politicamente più forte, poi un Movimento cinque stelle che per la prima volta si afferma come forza superiore molto solida anche alle amministrative. Michele Emiliano in Puglia tende subito una mano al M5S e propone come assessore della propria giunta la candidata grillina. Per De Luca la vittoria in Campania rischia di essere strozzata in gola, per via della legge Severino che non dovrebbe consentire il suo insediamento alla presidenza della Regione Campania a causa del processo per concussione ancora pendente.

Il Pd si lecca le ferite anche in Liguria, dove la scelta dei civatiani e di Sel di sostenere il deputato ormai ex Pd Pastorino si è rivelata decisiva per la sconfitta della candidata renziana Paita consentendo la vittoria di Giovanni Toti, esponente di Forza Italia molto vicino a Silvio Berlusconi. Anche in Liguria però l’affermazione di lista più netta è della Lega di Matteo Salvini, che porta il Carroccio sopra al venti per cento dei consensi in regione. Molto debole il risultato di Area Popolare, che in Liguria come in Veneto arriva appena attorno al 2%. Va meglio al Sud, dove tra Campania e Puglia il partito di Alfano tocca il 6%.

Il sistema tripolare che si disegna dopo queste regionali rischia di essere caratterizzato da un’assenza di un’area moderata: a Renzi e al suo Pd, che dovrà ora attivare meccanismi di rincorsa del consenso a sinistra avendo sperimentato l’incapacità di sfondare al centro (la legge sulle unioni civili paramatrimoniali per i gay potrebbe essere il terreno di questa operazione), si contrappongono di fatto due opposizioni dai toni molto netti ma divise, cioè il centrodestra ormai egemonizzato da Matteo Salvini e il movimento di Beppe Grillo che sembrava in caduta libera per di epurazioni e dissidi interni, invece dimostra una inaspettata solidità di consenso. Il Pd che dopo le europee veleggiava attorno al 41%, quindi oltre la soglia necessaria per vincere al primo turno con l’Italicum senza ricorrere al ballottaggio per l’assegnazione del premio di maggioranza, dopo queste amministrative viene ridimensionato a forza con consensi attorno al 30%: ai picchi delle liste Pd in Toscana, Marche e Umbria vanno segnalati i dati pessimi di Veneto (16.6%), Liguria (25,6%) e anche Campania (19,8%).

La partita dopo queste amministrative è aperta. Il punto è: potrà una maggioranza di governo ibrida, composta da un Pd che dovrà tentare di recuperare terreno a sinistra e un raggruppamento di centrodestra come Area Popolare in crisi di consensi e di identità, tenere a lungo? O lo scenario ormai rischia di essere elezioni politiche anticipate a breve? Soprattutto, in questo quadro una forzatura sul ddl Cirinnà potrebbe essere il detonatore della contraddizione. Renzi ci pensi prima di premere il pulsante dell’autodistruzione: tradire le proprie origini politiche e le proprie convinzioni profonde, radicate persino nel suo ambito familiare, potrebbe essere letale. Quello che arriva dalle regionali è un monito che gli italiani gli hanno lanciato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2015
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La truffa della finta unione gay

Il crimine politico commesso da Renzi e Alfano è avere ceduto ai lobbisti Cirinnà e Lo Giudice che, per ragioni oscillanti tra gli interessi diretti e l’ideologia, hanno scritto una legge incostituzionale in cui peraltro il diritto alla reversibilità è previsto solo per la coppia omosessuale, mentre in una coppia eterosessuale che pure usa la stessa legge per ufficializzare la propria unione, al superstite non spetta nulla. Dunque il batterista jazz di Schio si godrà una bella pensione ringraziando per sempre Monica Cirinnà avendo recitato l’essere omosessuale, mentre una povera donna in una coppia di fatto eterosessuale che perde improvvisamente il compagno con cui magari ha generato tre o quattro figli si ritrova con il nulla e con il diritto negato all’accesso alla pensione di reversibilità. Vi pare una legge giusta questa, una legge che tutela le truffe compiute da para-omosessuali (in tutto 7.513 coppie) e ignora un milione di persone unite in coppia di fatto che allevano più di settecentomila figli minori?

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

La giusta fine del ddl Zan

Politica - Il segretario del Pd Enrico Letta prova a reagire al naufragio del Ddl Zan, ma le lamentele del leader del centrosinistra, considerato come sono andate le cose, appaiono del tutto fuori luogo. Anzitutto i traditori del voto di oggi, per così dire, sarebbero anche tra i senatori del suo partito.

Leggi tutto

Storie

Iraq - Card. Sako: elezioni anticipate unica via per la pace

Il porporato, a Roma per l’incontro dei cardinali col papa, ha seguito con “profonda preoccupazione” le violenze degli ultimi giorni

Leggi tutto

Politica

Ragionare sulla disfatta a sinistra

Noi come Popolo della Famiglia lo abbiamo promesso e siamo stati conseguenti: la sinistra principale responsabile delle leggi contro il matrimonio, contro la vita, contro la famiglia stessa andava abbattuta democraticamente e così è stato. Abbiamo dato il nostro contributo a questo risultato con i 219.645 voti raccolti il 4 marzo sul simbolo del PdF e siamo stati parte attiva anche nelle vittorie ai ballottaggi di domenica 24 giugno, a Imperia e a Terni, a Massa e in qualche modo anche a Imola, dove il nostro candidato autonomo alla carica di sindaco lo abbiamo tolto al Pd, provocando l’avvio della frana che dopo tre quarti di secolo ha chiuso una storia che è stata, appunto, di pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

PDF: Sandro Belli candidato a Monza

Nella lista dei candidati alla poltrona di primo cittadino di Monza scende in campo anche Il Popolo della Famiglia che, dopo l’esperienza del 2017 con la candidata Manuela Ponti, adesso scende in campo con Sandro Belli.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano