Media

di Hashtag

La soluzione sono le armi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Siamo al lavoro dal mattino presto, sommersi dai consueti insulti sui social network, più numerosi e intensi del solito per via della nostra collaborazione alla convocazione della grande manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a Roma con il comitato “Da mamma e papà”.

Alle dieci arriva un tweet: “Per contrastare le idiozie degli omofobi professionisti come Mario Adinolfi e altri proporrei le armi”. Firmato Giorgia Crepa, ovviamente nickname inventato, ma non improvvisato, ha migliaia di followers e oltre diciottomila tweet inviati. Per carità, non ci impressioniamo se contro il direttore de La Croce viene indicata la soluzione delle armi, è già avvenuto altre volte e le minacce sono state rivolte anche a membri della sua famiglia, peraltro avulsi da qualsiasi attività pubblica. Come dire, ci abbiamo fatto il callo: martedì sera sono stati scritti su Facebook anche insulti irripetibili contro la figlia di quattro anni sotto una innocente foto familiare. Ma sommessamente facciamo notare che se, prendiamo l’ultimo caso, a Giulia Innocenzi di Annozero arriva sui social qualche frase ritenuta “sessista” i grandi giornali se ne adontano e i Michele Serra scendono in campo per difendere la gentil donzella. Giusto, peraltro.

Se contro di noi viene invocata la soluzione delle armi, sui social parte un dibattito il cui succo è: “Ve le meritereste, vi state cercando guai”. E quelli che sui giornaloni erano Charlie al limite ci degnano di una alzata di spalle. Così va il mondo della cricche, lo sappiamo. Ma che si sappia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

04/06/2015
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Se twitter censura gli attivisti pro life

Live Action, di Lila Grace Rose, riceve intimazioni dal social network perché rimuova i tweet di denuncia del mercato di organi. Anche in Italia conosciamo bene questo atteggiamento dei media: i pride hanno sempre garantita una copertura mediatica di prim’ordine, pure quando sono quattro gatti scomposti, mentre le proteste pro-life o le veglie di preghiera o i family day non sono meritevoli nemmeno di un rapido cenno. La faziosità della Rai a incensare perennemente il PD rasenta l’idiozia e Mediaset si è perfettamente allineata allo stile progressista in salsa animalista (Dudù ci ha messo la zampa), mentre per La7 tutti i mali vengono dal M5S. Per tutti le destre sono attaccabrighe populiste, il PDF non esiste, la Chiesa va bene se conferma il PD, si immischia senza diritti se lo contesta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano