Media

di Hashtag

La tecnica del silenziatore

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Tra pochi giorni centinaia di migliaia di persone saranno in piazza per protestare contro l’ideologia gender che avanza nelle scuole e il ddl Cirinnà che avanza in Parlamento. Non si tratta di un evento di poco conto, riempiremo piazza San Giovanni a Roma, si parla di un avvenimento di portata storica, di una mobilitazione senza precedenti sugli argomenti che riguardano la famiglia. Alla conferenza stampa di presentazione convocata ieri dal Comitato promotore “Difendiamo i nostri figli” erano presenti però solo i media di area cattolica. Grazie davvero a Avvenire, Radio Vaticana, Tv2000, Telepace, Agenzia Sir e grazie pure al blogger Rossoporpora (c’eravamo ovviamente anche noi de La Croce con il valente Giovanni Marcotullio). Mancava completamente la stampa “laica”, mancava la Rai, mancava Mediaset, mancava La7, mancava Sky. Per carità, conosciamo che la tecnica preferita dei nostri avversari è quella del silenziatore.

Ma si possono silenziare centinaia di migliaia di italiani che scenderanno in piazza tra appena undici giorni con una piattaforma che sarà bene spiegare al paese? Il giornalismo non dovrebbe far questo? Va bene, un passo alla volta. I media cattolici apriranno la strada. Ad esempio ci auguriamo davvero che Tv2000 voglia approntare una diretta no-stop della manifestazione. Si può? Dovrebbe farlo la Rai, ma siamo sicuri che faranno finta di dimenticarsene. Ovviamente l’attività di servizio pubblico viene rammentata solo se in piazza scende la Cgil o affini. E allora vogliamo Alessandro Sortino in piazza con noi che ci canta: “Beati voi…”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/06/2015
1510/2019
S. Teresa d'Avila

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Storie

Resistere al gender ed essere “bioconservatori” la strada è indicata negli scritti di Del Noce

L’ossessione dell’“omofobia” occulta l’effettiva negazione del dato antropologico fenomenico della natura sessuata. Ecco cosa ne pensava il grande filosofo.

Leggi tutto

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Società

“W l’amore”, non solo gender

Riportavamo ieri i fatti delle cronache del Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano a proposito del progetto di educazione sessuale “W l’amore” introdotto nelle scuole senza consultazione dei genitori (i quali da parte loro si attivano sempre di più). Illustriamo oggi le tematiche trattate dal libretto propinato ai preadolescenti (anche tredicenni): masturbazione, pornografia, contraccezione

Leggi tutto

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano