Media

di Hashtag

La tecnica del silenziatore

Tra pochi giorni centinaia di migliaia di persone saranno in piazza per protestare contro l’ideologia gender che avanza nelle scuole e il ddl Cirinnà che avanza in Parlamento. Non si tratta di un evento di poco conto, riempiremo piazza San Giovanni a Roma, si parla di un avvenimento di portata storica, di una mobilitazione senza precedenti sugli argomenti che riguardano la famiglia. Alla conferenza stampa di presentazione convocata ieri dal Comitato promotore “Difendiamo i nostri figli” erano presenti però solo i media di area cattolica. Grazie davvero a Avvenire, Radio Vaticana, Tv2000, Telepace, Agenzia Sir e grazie pure al blogger Rossoporpora (c’eravamo ovviamente anche noi de La Croce con il valente Giovanni Marcotullio). Mancava completamente la stampa “laica”, mancava la Rai, mancava Mediaset, mancava La7, mancava Sky. Per carità, conosciamo che la tecnica preferita dei nostri avversari è quella del silenziatore.

Ma si possono silenziare centinaia di migliaia di italiani che scenderanno in piazza tra appena undici giorni con una piattaforma che sarà bene spiegare al paese? Il giornalismo non dovrebbe far questo? Va bene, un passo alla volta. I media cattolici apriranno la strada. Ad esempio ci auguriamo davvero che Tv2000 voglia approntare una diretta no-stop della manifestazione. Si può? Dovrebbe farlo la Rai, ma siamo sicuri che faranno finta di dimenticarsene. Ovviamente l’attività di servizio pubblico viene rammentata solo se in piazza scende la Cgil o affini. E allora vogliamo Alessandro Sortino in piazza con noi che ci canta: “Beati voi…”

09/06/2015
2411/2017
San Colombano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Difendo i miei figli dal gender nelle scuole: ministro Giannini, arresti me

L’esponente del governo accusa di “truffa culturale” i genitori preoccupati dall’ideologia che avanza nelle aule e minaccia denunce

Leggi tutto

Politica

Vogliono il mondo di Frankenstein e usano i bambini

Il “gioco del rispetto” in 45 scuole dell’infanzia a Trieste altro non è che il tentativo di contrapporre l’indifferenziato all’identità, anche sessuale, persino dei più piccoli

Leggi tutto

Media

La censura della Rete

“La ‘diffusione di notizie false’ è già sufficiente a ricattare chiunque – scrive Pennetta - , dal momento che ci sarà una commissione che stabilirà quali notizie sono false questa avrà in mano il potere di impedire qualsiasi notizia non conforme alle versioni ufficiali. Tutte le notizie che potrebbero favorire il versante “populista” (termine anch’esso vago che designa qualunque movimento contrario alla UE, Euro, NATO, TTIP, CETA, FMI ecc…) saranno con la nuova legge punite penalmente (pag. 3 ddl). Stabilito il criterio col quale una notizia diventa una ‘fake news’ il legislatore pone una trappola insidiosa ma quantomai rivelatrice delle reali intenzioni della proposta di legge. Poiché la libera informazione ha prodotto i suoi effetti quando una serie di testate che si sono conquistate la fiducia dei lettori negli anni hanno cominciato a convergere nei giudizi dando origine ad una massa compatta di persone informate e determinate che poi sono andate a votare, lo scopo è adesso quello di bloccare le notizie che compattano settori significativi di opinione pubblica lasciando libera circolazione a quelle che per un motivo o per un altro non coagulano l’attenzione restando singole opinioni. Si potrà parlare, certamente dice la legge, purché non ci si “fili” nessuno (pag. 5 ddl)”.

Leggi tutto

Società

Gender, la risposta è un popolo in piazza

Con una conferenza stampa è stata ufficialmente convocata la manifestazione del 20 giugno in piazza San Giovanni a Roma dal comitato “Difendiamo i nostri figli”

Leggi tutto

Media

I media e le parole

I mezzi di comunicazione di massa tendono a svuotare il senso delle parole e senza senso di diventa pazzi, come quel personaggio di Dylan Dog che senza senso del linguaggio finisce suicida

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano