Chiesa

di don Mauro Leonardi

«Credo che sabato abbiamo perso tutti. Provo a dirvi perché»

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Con la premessa di essere un qualsiasi sacerdote dell’Opus Dei, e pertanto carente di alcun titolo che mi renda idoneo a rappresentare chicchessia se non me stesso, accedo volentieri alla cortese richiesta di Mario Adinolfi di commentare l’imponente manifestazione di sabato scorso a Roma. È noto, infatti, che non vi ho partecipato e che sul mio blog Come Gesù, ho ospitato interventi sia favorevoli che contrari all’evento. Nella Chiesa infatti esiste l’enorme spazio dell’opinabile: il luogo cioè dove «non solo è possibile che io mi sbagli, ma può anche succedere che io abbia ragione e gli altri pure» (San Josemaría Escrivá, L’avventura della libertà).

Dico subito che la piazza di sabato è stata indubbiamente un’importante manifestazione di quell’agire laicale in prima persona, tanto auspicato dal Concilio Vaticano II. C’erano tante famiglie che, dal basso, si sono pagate il loro viaggio e sono intervenute. Questa almeno è stata la percezione di chi, come me, ha assisitito dall’esterno. È alieno dalla mia personalità ipotizzare lobby e complotti, per cui anche in questo caso affermo semplicemente quello che ho visto. Detto questo però, mi viene subito in mente il vangelo di oggi, laddove si dice “perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?” (Mt 7,3). Infatti, anche se forse nelle intenzioni degli organizzatori non era così, quella che è arrivata al paese è stata la logica dello schieramento: un “noi e loro”, un “assediati e assedianti”, che a me pare non giovi assolutamente né alla Chiesa né all’Italia in generale. Uno schieramento preclude la possibilità di aiutare a capire meglio: manifesta un’ansia riduzionista, la voglia di semplificare le cose. E invece, oggi più che mai, abbiamo bisogno di allargare le nostre prospettive. Tra i cattolici, alcuni vedono meglio alcune cose e altri ne vedono meglio altre: la varietà delle posizioni dentro la Chiesa è una ricchezza perché consente di allargare le prospettive, così che alcuni possono arrivare dove altri non sono sensibili. Se invece qualche volta, nei giorni precedenti l’evento, è serpeggiato sui social e nel parlare un “per essere veri cattolici, bisogna partecipare alla piazza”, o “chi non partecipa è complice di chi attacca la famiglia” questo non è stato buono.

In seconda istanza desidero dire con chiarezza che non è impedendo ai gay di sposarsi - anche se la Chiesa non è d’accordo col matrimonio omosessuale - o negando le unioni civili che noi salveremo le nostre famiglie. La famiglia non è in crisi per le unioni civili e i matrimoni delle persone omosessuali. La famiglia è in crisi perché noi - noi cattolici - l’abbiamo imbevuta di individualismo, di falsi bisogni, di consumismo, di rassegnazione che poi si rovescia in rivendicazione. Perché i nostri nonni sono all’ospizio? Perché non c’è la famiglia intergenerazionale allargata? Perché i nostri figli vogliono convivere - cioè rifiutano l’istituto matrimoniale - e invece le persone omosessuali desiderano tale istituzione? Perché non c’è più solidarietà tra le famiglie e siamo tutti preoccupati della nostra privacy e autonomia? Cosa ci succede?

La famiglia è in crisi non perché ci sono le persone omosessuali ma perché, forse, siamo noi persone cattoliche ed eterosessuali ad averla tradita per primi, o comunque a non averla onorata nel modo più pieno. La logica dello schieramento, che necessariamente esteriorizza il problema perché lo identifica con il “nemico”, impedisce quella riflessione seria, interna prima di tutto al mondo cattolico, di cui abbiamo assoluto bisogno. Abbiamo necessità - ben oltre l’aula sinodale - di avviare un discorso onesto e serio sulla famiglia e di chiederci dove, come e quando abbiamo iniziato a tradirla, piuttosto che pensare che il male sia tutto là fuori, in “chi ci attacca”. Infine, innegabilmente, il mondo laico ha identificato tutto il mondo cattolico con le posizioni espresse sabato 20 in piazza San Giovanni. Io, nel mio piccolissimo, ho cercato di far vedere che non era così, ma è stato praticamente impossibile. Questo è un grossissimo problema - se vogliamo è un problema di tipo “politico” - perché è un ostacolo insormontabile a cercare alleanze anche con chi la pensa diversamene ma su singole questioni può essere d’accordo e aiutare a conseguire risultati concreti. Per esempio, a proposito di maternità surrogata ci sono molti laici, molti femministe che sono contrari. Ma dopo sabato 20 giugno sarà ancor più difficile parlare con loro per trovare soluzioni che favoriscano il bene comune, e non quello di una parte, perché la logica dello schieramento radicalizza le posizioni, preclude il dialogo, e quindi la possibilità di perseguire obiettivi intermedi o anche solo parziali, che vanno però a beneficio di tutti. Termino, ringraziando infinitamente questo giornale chi mi dà la possibilità di parlare di queste cose in termini civili e, oserei dire, cristiani.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/06/2015
2403/2019
Santa Caterina di Svevia

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La lettera dei comitati Sì alla famiglia ai parlamentari

Sul ddl Cirinnà importante presa di posizione animata da Massimo Introvigne per spiegare a deputati e senatori che le unioni civili gay portano inevitabilmente a adozioni e uteri in affitto

Leggi tutto

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Società

Se i “riparazionisti” sono ebrei: il caso Jonah

Condannata per frode l’associazione di sostegno agli omosessuali in cerca di una migliore sintonia con il proprio orientamento sessuale. La “frode” consisterebbe nell’avallare l’idea che si possa maturare un orientamento eterosessuale partendo da uno omosessuale, e nell’offrire a chi ne faccia richiesta il supporto medico e comunitario a tal fine ordinato

Leggi tutto

Politica

I sette atti da compiere per fermare il ddl Cirinnà

Il 26 gennaio arriverà in aula al Senato la legge sulle unioni civili gay che legittima persino la pratica dell’utero in affitto, ecco come dare battaglia

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, miseria e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla (presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Storie

Perché il disegno di legge Cirinnà è inemendabile

Chi parla di possibili mediazioni sul ddl che istituisce di fatto il “matrimonio” gay e legittima anche la pratica dell’utero in affitto, tradisce piazza San Giovanni

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano