Politica

di Mario Adinolfi

Avete battuto il ddl Cirinnà

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il ddl Cirinnà, in pratica, non esiste più. La legge che voleva di fatto introdurre il matrimonio omosessuale in Italia “con un altro nome per ragioni di realpolitik” (copyright Ivan Scalfarotto), legittimare la pratica di utero in affitto compiuta all’estero ad esempio dal senatore Sergio Lo Giudice, equiparare la famiglia naturale tutelata dall’articolo 29 della Costituzione a qualsiasi “formazione sociale”, è stata messa su un binario morto. Formalmente la causa è una sorta di ingorgo di calendario causato dal sovrapporsi del voto sulla riforma costituzionale alla sessione di bilancio. La questione in realtà è politica e solo La Croce ha avuto la pazienza di indicarne sempre i contorni, fin dalla sua prima uscita in edicola a gennaio: non c’è in Parlamento una maggioranza possibile per una legge sulle unioni civili perché tale legge non ha il consenso del Paese.

Tecnicamente, spieghiamolo subito, ci sarà un “rinvio al 2016”. Sarà divertente vedere come reagiranno signori che avevano giurato e spergiurato sul traguardo del 15 ottobre: il digiunatore a botte di cappuccini Ivan Scalfarotto, la povera Cristiana Alicata, che aveva montato addirittura un count-down plateale e si dovrà consolare solo con il posto di sottogoverno garantitogli all’Anas dall’amico premier, la stessa Monica Cirinnà che si è spinta fino a votare con M5S e Sel la calendarizzazione in aula al Senato del provvedimento, contro il volere del suo stesso partito. Finendo inevitabilmente battuta e decretando così la morte politica del ddl che porta il suo nome. Forse alcuni avranno capito quel che da mesi andiamo ripetendo: questa non è una priorità del paese.

Si proverà un colpo di coda, si tenteranno fantasiose forzature, ma l’impressione è che le energie Lgbt siano ridotte al lumicino. Non sono riusciti a spiegare al Paese la necessità di approvare quella legge. Un milione di persone è invece sceso in piazza il 20 giugno a San Giovanni a Roma e ha declinato con chiarezza la piattaforma del rifiuto di una visione antropologica che demolendo la famiglia naturale trasforma i bambini in oggetti di compravendita, le donne bisognose in uteri da affittare e alla fine tutti gli esseri umani in cose. Questa visione generica per cui “love wins” e chi se ne frega dei diritti dei bambini è stata battuta da ognuno dei partecipanti di piazza San Giovanni e da tutti coloro che pur rimanendo a casa si sono mobilitati e stanno continuando a mobilitarsi contro l’ideologia gender a difesa dei propri figli.

Non posso non notare con piacere che si segna un punto importante oggi, nel giorno in cui riprende la mobilitazione delle Sentinelle in Piedi, che arriverà fino a piazza Montecitorio domenica 4 ottobre. La pressione di chi si è mosso è arrivata alla politica e ha vinto. Per ora, ovviamente, è una vittoria di tappa e il giro è ancora lungo, la strada accidentata e piena di trappole e buche. Però, per ora, anche contro quelli che ci dicevano che dovevamo stare buoni e non creare “allarmismi”, anche contro quelli che (diciamoci la verità) erano pronti a ricercare pessimi compromessi al ribasso, anche contro quelli che ci dicevano che alzare la voce era sbagliato e bisognava sussurrare e possibilmente non farsi sentire, contro tutti questi che stavano ben rintanati anche nei potentati ecclesiastici e da lì facevano di conto sul vantaggio che potevano trarre dalla loro cedevolezza, abbiamo vinto noi. Noi che vi dicevamo che quando sugli altri giornali scrivevano “il ddl Cirinnà sarà approvato entro l’estate” o quando giuravano che “il ddl Cirinnà sarà varato entro il 15 ottobre” non dovevate credere loro. Non dovevate credere ai giornali propaganda che non raccontano i fatti, li evocano per provare a determinarli. Noi vi abbiamo sempre raccontato la verità: il 20 giugno, piazza San Giovanni, aveva cambiato tutto. Voi avete cambiato tutto. La vostra tenacia aveva cambiato tutto.

Ci sono due modi per condurre una battaglia. Quello “culturale”, sommesso, con un paio di articoli di critica e un convegnetto, alla ricerca del “dialogo” e in realtà del compromesso. Bene, quella roba lì produce il voto sul divorzio breve: 398 sì e 28 no. Nessuna opposizione, di fatto. Il sì anche di quasi tutti i parlamentari cattolici. Poi esiste la battaglia vera, di popolo, di mobilitazione reale casa per casa, con parole d’ordine chiare e indisponibilità al compromesso sui principi. Bene, quando si va in battaglia e le forze dell’avversario sono soverchianti, c’è solo questa seconda possibilità. Il resto è chiacchiera propedeutica al baratto.

Lo spiegava bene Chesterton: “E’ saggio gridare prima del danno. Gridare dopo che il danno è avvenuto è stupido, specie se il danno è una ferita mortale”. Abbiamo gridato, l’urlo deve essere arrivato fino al cielo quel giorno a San Giovanni, la ferita mortale non è stata inferta. Per ora. Non è che l’inizio, continua la battaglia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/09/2015
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Chiesa

«Credo che sabato abbiamo perso tutti. Provo a dirvi perché»

Le riflessioni critiche di un sacerdote cattolico sulla manifestazione del 20 giugno. L’assunto di partenza è che nella Chiesa esiste “l’enorme spazio dell’opinabile”, cioè quel luogo dove «non solo è possibile che io mi sbagli – diceva San Josemaría Escrivá – ma può anche succedere che io abbia ragione e gli altri pure»

Leggi tutto

Storie

Per uomini che si caricano la loro fragilità

Questa è la lettera di un giovane scrittore cattolico con tendenze omosessuali. È indirizzata al popolo del Circo Massimo, a quel popolo racconta il dramma e le aspirazioni delle persone a nome delle quali parla. A quelle stesse fa appello perché non si lascino manovrare dalla grande operazione commerciale sottesa al mantra del “matrimonio” gay: il mercimonio dei bambini

Leggi tutto

Politica

Cosa bisogna fare per fermare il ddl Cirinnà

Dopo il primo sì alla legge sulle unioni gay che legittima persino l’utero in affitto va ingaggiata una battaglia parlamentare e di opinione pubblica, pronti ad aprire la crisi di governo se insistessero

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano