Politica

di Mirko De Carli

Bologna, il comune finanzia il porno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Partiamo da Slavina, una ragazza che si definisce ‘porno-attivista’ e che nei giorni scorsi è stata a Bologna per insegnare come realizzare un film porno. Si tratta, nello specifico, di un’autoproduzione per donne, lesbiche e transessuali, sostenuta dal Comune di Bologna il quale ha messo gratuitamente a disposizione lo spazio necessario per la realizzazione. Le risorse destinate alla parità tra i sessi, le cosiddette ‘quote rosa’ comunali, il Sindaco Merola ha deciso di investirle su questi progetti. Invece di sostenere le mamme bolognesi il comune ha preferito finanziare l’ “opera” di Slavina, ospite d’onore del centro delle donne di Bologna per insegnare loro come ritrovare un ‘erotismo in forma collettiva che superi le finzioni plastificate dell’immaginario mainstream’. La straordinaria parodia intellettuale di chi vuole liberarsi degli stereotipi sessuali propinatici dai mass media utilizzando l’obiettivo di una telecamera per girare un film porno. Non sono però qui a voler limitare la libertà di espressione di Slavina: a me non piace per niente quello che fa ma siamo in uno stato libero e nel rispetto delle leggi è giusto e corretto che lo possa fare. Ma non grazie a finanziamenti pubblici. L’iniziativa è stata realizzata all’interno degli spazi dell’associazione Orlando che, a partire dagli anni ottanta, riceve fondi dal comune per occuparsi dell’argomento ‘Donne’ a Bologna. Esiste da molti anni una convenzione che, con rinnovo quinquennale, arriverà a a scadenza quest anno. Ad Orlando il comune ha delegato anche la formazione delle donne, finanziando lautamente i progetti messi in campo. Dal 2000 ad oggi risulta che il Comune di Bologna abbia foraggiato le casse dell’associazione con circa 56.000 € l’anno: parliamo quindi di 800.000 €, a cui vanno aggiunti contributi una tantum per altri progetti specifici. Oltre a questo l’amministrazione comunale ha offerto l’uso di una sede storica, ovvero una porzione dell’ex convento di S.Cristina, per la realizzazione di una biblioteca, sala da thè, archivio ed area dedicata alla ricerca e agli uffici amministrativi. All’interno dell’associazione operano anche molti dipendenti comunali e regolarmente ad inaugurare le iniziative presenziano gli assessori di competenza della giunta Merola. Una storia, quella del porno finanziato dal comune di Bologna, che denota il cortocircuito entro il quale la politica oggi si sta suicidando: in un momento di crisi economica invece di ripartire dal nucleo fondante della nostra società civile, ovvero la famiglia, si investe su tutto ciò che pian piano la distrugge. È chiaro che è in atto un’azione di sovvertimento dell’impianto strutturale si cui si è retto fino ad oggi il mondo occidentale: a noi il compito di svelarla e di costruirne gli strumenti e le occasioni per abbatterla.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/09/2015
1112/2019
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Occorre una guerra senza conformismo al porno

Compulsata con incredibile disinvoltura da questi “nativi digitali”, internet è innegabilmente la loro fonte d’informazione primaria. Niente di cui stupirsi, quindi, che un bambino di dieci anni faccia notare che, se le domande persistono, c’è uno strumento apposito. Quanto alla summenzionata piattaforma d’informazione, essa raggruppa centinaia di migliaia di video a carattere pornografico. Mettiamo le cose in chiaro: non si tratta affatto delle pagine di lingerie dei cataloghi da donna per corrispondenza, che all’epoca titillavano alcuni. Non si tratta neppure dei film erotici “peace and love” degli anni Settanta. La pornografia raccomandata da questo bambino consiste in una serie di primissimi piani sugli organi genitali e sulle zone erogene. Bando a ogni trama, attori o amatori non sono che ammassi di carne che si accroccano secondo fantasmi senza dubbio curiosi, di primo acchito, ma in sostanza estremamente codificati e stereotipati. Questa volontà di mostrare tutto rivela l’aspetto meccanico della cosa, che riassume la sessualità in una prodezza tecnica, nella quale bisognerebbe essere performanti per realizzarsi nel godimento.

Leggi tutto

Società

Anche Michela è stata uccisa dal porno

Come Tiziana Cantone, peggio di Tiziana Cantone: per la giovane barista di Porto Torres alla vergogna si è aggiunto anche l’esplicito ricatto, e se i suoi aguzzini devono ora vedersela con un’accusa
di tentata estorsione, a lei resta perfino meno. Emerge ancora una volta l’incapacità della società di raffrontarsi a una questione dalle profonde implicazioni etiche e morali: inermi di fronte al vuoto.

Leggi tutto

Politica

Benedizioni, a Bologna un consiglio d’istituto “vota contro il Tribunale”

Leggi tutto

Società

Pornodipendenza: uscirne si può. Ecco come

Pornotossina è un libro estremamente asettico e oggettivo, ma nasce da un coinvolgimento personalissimo. Nella prefazione si trova la confessione di Morra: «Il mio passato mi ha portato a combattere, da credente e non credente, contro la pornografia ai limiti della dipendenza

Leggi tutto

Media

Perchè una festa per il nostro quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

C’era bisogno di fare una festa? Sì. Domenica 20 Novembre 2016 a Bologna si terrà la prima Festa Nazionale de “La Croce” quotidiano. Dopo oltre 400 numeri usciti a partire da quel 13 Gennaio 2015 c’era bisogno di fare una festa. Non una auto-celebrazione. Tutt’altro. La si pensi come si vuole, ma un dato appare evidente a chi ha un minimo di obiettiva lucidità e onesta intellettuale: l’iniziativa editoriale di Mario Adinolfi non è (solo) un quotidiano, ma qualcosa di più. “La Croce” è uno strumento per le coscienze che non si arrendono ad ingurgitare le notizie che i media ci propinano ogni giorno. “La Croce” ha generato donne e uomini che si sono cimentati per la prima volta nella scrittura, ha generato circoli di resistenza e infine il Popolo Della Famiglia. Senza pretendere di avere sempre in tasca la verità, fedele alla tradizione cattolica usando appieno la ragione critica, con la consapevolezza che allora come oggi fosse necessario battersi per una visione dell’umano che non fosse ridotto a prodotto e ad individuo senza relazioni. Controcorrente, a volte ruvida, colta e popolare, ma mai banale e scontata. E allora la Festa di Bologna sarà la Festa di tanti resistenti: un’iniziativa aperta a tutti, che intende riunire i lettori, gli scrittori de ‘La Croce Quotidiano’, i militanti e i dirigenti del Popolo della Famiglia provenienti da tutta Italia. Sarà un momento di confronto sui temi e le battaglie che alimentano ‘La Croce Quotidiano’ e che caratterizzano il “Popolo della Famiglia tutti i giorni”. Luogo e data non sono stati scelti per caso. Bologna, città rossa e simbolo del laicismo imperante: il cuore dell’annientamento sistematico di una visione antropologica dell’uomo. Il 20 Novembre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano