Società

di Federica Paparelli Thistle

Planned Parenthood, così il cerchio si stringe

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giovedì pomeriggio si è tenuta una nuova udienza della Commissione Giustizia formata da membri della Camera dei Rappresentanti al Congresso americano, la seconda aperta al pubblico nell’ambito dell’inchiesta promossa dall’organo legislativo sulle pratiche di Planned Parenthood, il colosso delle cliniche abortiste mascherate da aziende sanitarie, accusato di raccogliere e rivendere a caro prezzo organi e tessuti di bambini abortiti. Per le testimonianze rese e i video mostrati, questa può dirsi la più cruenta delle udienze tenutesi finora ed è bene che sia così.

Il presidente della Commissione, il repubblicano Bob Goodlatte, con la sua dichiarazione iniziale ha fatto ciò che avrebbero dovuto fare a suo tempo i suoi colleghi nelle udienze precedenti, vale a dire togliere di mezzo la inutile quanto falsa argomentazione che i video di Center for Medical Progress, l’associazione di cittadini giornalisti che ha realizzato i video di accusa a Planned Parenthood, siano fortemente manipolati. Bastava infatti citare, come ha fatto Goodlatte, la perizia di esame commissionata dalla stessa Planned Parenthood, la quale non ha rilevato significative tracce di manipolazione, risultanza confermata anche dall’analoga verifica richiesta dall’associazione prolife Alliance Defending Freedom. Ora forse si potrà anche iniziare a parlare del contenuto di questi video.

Testimoni in questa sessione sono stati il dottor Anthony Levatino, ginecologo, Susan Thayer, ex dipendente di Planned Parenthood, Caroline Frederickson, presidente dell’associazione American Consitution Society, e Luana Stoltenberg, una donna che ha fatto ricorso tre volte all’aborto.

Il primo a parlare è stato Levatino, un ginecologo che ha eseguito aborti a partire dagli anni ’70 e che ora è passato a difendere la vita, e non ha risparmiato i particolari. Servendosi degli strumenti usati nella procedura di aborto, ha illustrato a che cosa servono in termini molto espliciti: a strappare via, pezzo dopo pezzo, un bambino dal grembo che dovrebbe proteggerlo. «Usi questo strumento più volte per strappare via la spina dorsale, l’intestino, il cuore e i polmoni», ha detto Levatino con in mano una pinza chirurgica, «a volte esce un piccolo viso e ti fissa. Congratulazioni, avete appena effettuato il vostro primo aborto nel secondo trimestre. Avete appena affermato il vostro diritto di scegliere». Parole taglienti, corroborate da un video che, oltre ad immagini cruente di bambini abortiti, mostrava la dura realtà dell’aborto, dura anche solo dal punto di vista della paziente, la quale, per il modico prezzo di 8mila dollari, viene lasciata da sola, senza alcuna assistenza medica, ad espellere il bambino di 27 settimane nel water del bagno di una camera d’albergo. Il video non si riferisce direttamente a Planned Parenthood e per questo i democratici, approfittando di una temporanea assenza di alcuni repubblicani, hanno approvato una mozione per fare togliere dagli atti il video in questione, una vittoria di Pirro che è durata il tempo del rientro degli oppositori mancanti, che hanno richiesto un secondo voto, andato a buon fine.

Susan Thayer, che ha lavorato per 17 anni come manager in una clinica di Planned Parenthood dell’Iowa, ha spiegato alla Commissione il grande business dell’aborto via webcam: quando una paziente risulta positiva al test di gravidanza, ha raccontato la Thayer, le viene immediatamente proposta questa procedura, che consiste in una breve conversazione via webcam con un medico al di fuori della struttura (un altro modo per tagliare i costi), il quale al termine preme un tasto che apre un cassetto contenente due pillole abortive, una da somministrare nella clinica e l’altra da prendere a casa. Il tutto senza alcuna visita medica e in tempi brevissimi, così da evitare che cambi idea. Le ecografie per determinare l’età del bambino sono effettuate da personale infermieristico con una preparazione minima. Al personale viene inoltre data l’istruzione di dire alla paziente che, in caso di complicazioni a casa, ai medici del pronto soccorso deve dichiarare di avere avuto un aborto spontaneo. L’aborto via webcam è la gallina dalle uova d’oro di Planned Parenthood, ha detto la Thayer: i costi sono tagliati all’osso ma la paziente paga esattamente lo stesso prezzo di un aborto chirurgico, fatto sotto supervisione medica. Ma non finisce qui: l’ex manager del provider di aborti ha affermato che l’azienda ha presentato false richieste di rimborso a Medicaid (l’assicurazione sanitaria federale per individui a basso reddito) per 28 milioni di dollari, comprendenti anche spese per servizi collegati all’aborto, in barba alla previsione di legge che esclude l’uso di fondi governativi per l’interruzione di gravidanza. Secondo la Thayer, inoltre, Planned Parenthood forzerebbe le pazienti coperte da Medicaid a pagare una parte del costo, per poi farsi rimborsare l’intera somma e registrare il denaro riscosso come donazione volontaria. “Nonostante sia indicata come una non-profit, queste sono alcune delle ragioni per cui ha riportato un profitto di 756 milioni di dollari nel corso degli ultimi dieci anni”, ha affermato l’ex manager. “Planned Parenthood è più preoccupata per la riga finale del suo bilancio che per la salute delle sue pazienti”. Le prove in mano alla Thayer non sono state ritenute sufficienti per incriminare Planned Parenthood dai giudici dell’Iowa, uno Stato in cui l’aborto è ammesso fino alla fine del secondo trimestre e in certi casi anche oltre, ma c’è da sperare che ulteriori indagini siano aperte a seguito della sua testimonianza.

Luana Stoltenberg, la cui testimonianza è seguita all’apologia dell’aborto fatta da Caroline Frederickson, secondo la quale senza di esso «le donne non potrebbero vivere una vita piena», ha iniziato con queste parole: «La mia vita è stata devastata dall’aborto». Ecco la vita piena che Planned Parenthood vorrebbe assicurare alle donne. Ha raccontato la sua esperienza di paziente, descrivendo l’aborto come una procedura violenta e dolorosa, eseguita da persone indurite che fanno di tutto per estraniare la donna da ciò che sta succedendo e che la lasciano a sé stessa una volta che ha messo piede fuori dalla clinica. La Stoltenberg non ha esitato ad ammettere che parte di lei è morta quel giorno, insieme al bambino, e al suo posto sono entrate la depressione, l’alcol, le droghe e una vita promiscua, espressione dell’odio che provava per se stessa. «L’aborto non ha mai risolto alcun problema nella mia vita, ne ha solo creati di altri e ancora più grandi». Qualsiasi cosa andava bene purché l’aiutasse a sopire il dolore che portava dentro, così forte da spingerla a tentare il suicidio. Dopo aver sperimentato la forza redentrice dell’amore di Dio, è tornata a vivere e si è sposata. Ma, poiché non riusciva ad avere figli, ha cercato di risalire alla causa e i test medici gliel’hanno rivelata: i tre aborti subiti le avevano arrecato danni permanenti, causandole l’infertilità. Di questa possibilità nessuno l’aveva informata a Planned Parenthood. «Vivo con le conseguenze, il dolore e il rimpianto dei miei aborti ogni giorno, insieme a molte altre donne», ha detto con voce rotta dall’emozione. Ha quindi chiesto ai presenti di considerare come i fondi governativi a Planned Parenthood significhino forzare lei e queste donne a finanziare chi ha abusato di loro, quando stanno già pagando un alto prezzo in rimpianti.

L’udienza si è svolta in un clima costantemente acceso e la cosa è comprensibile, entrambi gli schieramenti hanno molto da perdere: i repubblicani stanno mettendo in gioco la loro credibilità, in un momento in cui molto dell’elettorato è indignato dalla loro inefficacia, ponendo così a rischio le elezioni del 2016; i democratici, al contrario, indossando la maschera dei paladini dei diritti delle donne, cercano in realtà di difendere la loro cassaforte. Il Center For Responsive Politics ha rilasciato i dati relativi all’attività di lobbying di Planned Parenthood, con donazioni alle campagne elettorali di rappresentanti quasi esclusivamente democratici, pratica che è stata denunciata recentemente dalla candidata presidenziale Carly Fiorina, la quale ha parlato di milioni di dollari riversati nelle casse del partito democratico, un dato confermato su scala decennale (3.9 milioni di dollari dal 1990 ad oggi).

La stessa Fiorina è stata bersaglio del fuoco di fila dei giornali liberal per essersi schierata a favore del movimento pro-vita, affermando la veridicità di quanto mostrato dai video di Center for Medical Progress e chiedendo le dimissioni della presidente di Planned Parenthood, Cecile Richards. La candidata alle elezioni presidenziali ha sostenuto, in un acceso scambio televisivo sulla NBC, che non solo gli organi sono estratti da bambini nati vivi, come dimostrerebbero le immagini di un video di un’altra associazione prolife, The Center for Ethical Reform, ma anche che Planned Parenthood riuscirebbe a farsi pagare parte degli aborti con i soldi dei contribuenti americani. Un’affermazione avvalorata anche dalla rivista finanziaria Forbes, che calcolerebbe questa percentuale intorno al 24%, pari a 250mila aborti all’anno.

Non è un caso, quindi, se in questo momento i sondaggi rivelano un crollo del supporto che l’opinione pubblica dà a Planned Parenthood, segno di un cambio di mentalità nell’americano medio, scosso anche solo di fronte all’insensibilità e alla freddezza con cui Cecile Richards e compagni trattano dell’argomento, sia nei video registrati sotto copertura, sia di fronte alle autorità del Congresso. E questo nonostante la frustrante inefficacia dei repubblicani prolife, già da molte parti criticati per la mancanza di preparazione e strategia nelle passate udienze. Eppure, come dicono i giornalisti di Center for Medical Progress sui social network, basterebbe che il Congresso chiedesse a Planned Parenthood una prova tangibile dei presunti costi per la raccolta dei tessuti e organi fetali, costi che il colosso degli aborti afferma essere la giustificazione per le somme che percepisce in cambio dei pezzi di bambini. Basterebbe che guardassero attentamente quei video e si renderebbero conto che, essendo l’attività svolta direttamente nelle cliniche dai dipendenti delle aziende acquirenti, la prova è ben ardua.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/10/2015
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

Chi ha paura del medico obiettore?

Scandalizza solo chi osa il proibito: ricordare che sin dal concepimento si è in presenza di un essere umano, unico e irripetibile, e che ucciderlo significa fare il male

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

NAPPI FILOSOFA ABORTISTA, I PENDII DELLA FOLLIA DI UNA PORNOSTAR

Scatenata su Instagram, la diva partenopea dell’hard si è lanciata in roboanti dichiarazioni: «Meglio abortire che non offrire il meglio ai figli»; «Non è omicidio se non c’è un livello minimo di complessità del sistema nervoso, e vale anche ai casi estremi di microcefalia». Nichilismo in plastilina.

Leggi tutto

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

Storie

Meditazione femminile sull’aborto

Tutti quelli che sono a favore dell’interruzione volontaria di gravidanza hanno una caratteristica: sono nati. Tutti abbiamo l’insopprimibile desiderio di vivere liberi, magari anche trascinando sciattamente la nostra propria esistenza

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano