Chiesa

di Luigi Negri

I vescovi alla guida del popolo nelle scelte fondamentali

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Rispetto all’attuale attività parlamentare in materia d’identità e di responsabilità della famiglia, su cui si è variamente e contraddittoriamente pronunciata anche la magistratura, sento in coscienza di mettere in comune, con chi ha a cuore le stesse tematiche, alcune linee di giudizio.

Come ha spesso richiamato Papa Francesco ci sono livelli d’intervento pubblico in cui la chiarezza del giudizio è condizione di dialogo e non di chiusura. Il dialogo consiste in un confronto fra posizioni esplicitamente identificate e, come tali, comunicate. In tal senso è stato determinante il contributo di Papa Benedetto XVI che ha sempre inteso il dialogo come espressione di un’identità forte perché carica di ragioni, e quindi desiderosa di confrontarsi con le ragioni altrui.

In questo momento il mio giudizio è che presumibilmente si stia operando uno scardinamento definitivo degli stessi parametri psicologici ed affettivi su cui è stata fondata da secoli la famiglia, e quindi la società. Molte sono le forze implicate nel dibattito parlamentare che premono per equiparare le unioni civili al matrimonio, e sicuramente l’esito di questo confronto - con le sue conseguenze politiche e giuridiche - condizionerà per decenni la vita delle future generazioni.

Su questa strada non si può negare che si stia cercando di bruciare le tappe, aprendo così alla pratica dell’utero in affitto e ad una serie di manipolazioni genetiche che, nel caso di alcuni Paesi del centro e nord Europa, hanno assunto aspetti deliranti ma tutelati dalle leggi.

Anche in Italia non mancano corse in avanti, come ad esempio quella del Tribunale per i Minorenni di Roma che ha riconosciuto l’adozione di una bimba che vive in una coppia omosessuale (lesbica), figlia biologica di una sola delle due conviventi. Si tratta del primo caso in Italia di “stepchild adoption”.

Mi sembra pertanto necessario recuperare in modo vivo, positivo ed attivo quello che è accaduto il 20 giugno scorso, ossia l’intervento diretto di alcuni membri del nostro episcopato nazionale che, assecondando l’iniziativa della base, hanno guidato il proprio popolo alla consapevolezza di ciò che può accadere grazie ad una significativa manifestazione di protesta. Un evento che, pur sottovalutato dalla supponenza della politica, resta un fatto che può essere rinnovato in altri momenti significativi.

Parlando con molti laici ed ecclesiastici mi sono infatti sempre più convinto di quanto sia importante che gli Ordinari delle diocesi riprendano fino in fondo la responsabilità di guidare il loro popolo su alcuni questioni fondamentali, fino alla determinazione di giudizi e di conseguenti atteggiamenti da assumere. È un dato da cui non si può tornare indietro, ed auspico che questa puntuale presenza dell’episcopato italiano nella vita culturale e sociale possa intensificarsi sempre più e rappresentare un filo conduttore per una parte considerevole della nostra cristianità che, così aiutata, potrebbe uscire dalla forte tentazione di silenzio e di lontananza rispetto alle gravi vicende del nostro Paese. Si tratta di un servizio alla collegialità, alla sinodalità della Chiesa e non alla burocrazia.

Da parte mia assumerò tale atteggiamento verso la Chiesa particolare di cui sono responsabile ma mi auguro il confronto e il dialogo con tutti coloro che, nell’ambito del mondo cattolico, pensano di potere far proprie queste riflessioni e questi giudizi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

04/11/2015
1112/2019
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Vengono dai Family Day i nuovi “forti e liberi”

A quasi un secolo dallo storico appello di don Sturzo, torna di nuovo e nuova l’esigenza di aggregare quanti «sentono alto il dovere di cooperare ai fini della patria senza pregiudizi e preconcetti». L’esperienza delle ultime due manifestazioni di piazza in favore della “società naturale di massa” ha mostrato che questo popolo esiste, e che sta legittimamente organizzandosi per l’agone politico

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi contro l’utero in affitto

Le conferenze episcopali di tutta Europa diramano da Bruxelles una presa di posizione durissima contro la maternità surrogata

Leggi tutto

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano