Chiesa

di Giovanni Marcotullio

Ecologia integrale, non ambientalismo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La luce fu, certo, ma «non è tutto oro quello che luccica»: “Lucifero” divenne il nome del tenebroso per antonomasia, ed esiste più di un “grande oriente” da cui si innalza meno chiarezza che confusione.

Premesso questo, va pure detto che occorrerebbe maggiore moderazione (e modestia) da parte del “kattoliko kollettivo” quando partecipa al mondo i suoi giudizî: per una bizzarra nemesi della storia, infatti, una parte del mondo cattolico si trova recentemente spiazzata da trovate come quella di Fiat lux, l’ormai arcinota proiezione sulla facciata di San Pietro, e riversa per il rumoroso etere dei social tutta la bile di cui è capace. Sovente alimentati da un’incapacità di leggere i dati con vera intelligenza, essi si definiscono per l’ansia spasmodica di dare rapidamente un giudizio che sia chiaro e netto, e quanto più il tema è delicato e controverso, tanto più essi si credono nel giusto nel battibeccare a suon di slogan. In questo assomigliano molto, loro malgrado, ai cortigiani entusiasti, i quali già cominciano l’encomio solenne della “novità senza paragoni” ancora prima che l’evento sia terminato.
Fiat lux ha fatto molto discutere, laddove di cose serie di cui discutere ce ne sarebbero molte, mentre di per sé si tratta di una quisquilia colossale. Per fortuna. Così almeno possiamo osservare con calma le dinamiche e gli effetti, senza doverci preoccupare di correre ai ripari: non ce n’è bisogno, si tratta di cose che fanno “molto rumore per nulla”.
Anzitutto, però, va sconfessato schiettamente chi ritiene di aver visto qualcosa di profondamente innovativo: la basilica vaticana ha ospitato ben altri spettacoli, non meno audaci (si pensi al ritratto piccante di Giulia Farnese sulla tomba di Paolo III, che alle grazie della sorella dovette proprio l’avvio purpureo della sua precoce carriera ecclesiastica); né più sibillini (o non ricordiamo gli stemmi partorienti di Urbano VIII?). Perché davvero di uno spettacolo rinascimentale si è trattato, con Fiat lux – dispendioso e mirabolante – e nulla di più meraviglioso ha prodotto dello strano controsenso per cui a lodarlo sono stati soprattutto quelli che alla “Chiesa” rimproverano da sempre “la ricchezza” e “lo sfarzo”. Nessuno dei tanti piccoli o grandi cantori delle “magnifiche sorti e progressive” di questa presunta “nuova Chiesa” visiterebbe Palazzo Spada senza pensare con repulsione al cardinale Girolamo Recanati Capodiferro (o più probabilmente, ancora, a “la Chiesa” e basta), che riempì casa sua di un tripudio di forme e colori incantevoli, di cui neppure uno aveva il benché minimo legame di parentela col cristianesimo. Era l’epoca passata alla storia come “umanesimo”: gli intellettuali amavano celebrare la classicità greco-romana priva di contaminazioni posteriori, e se qualche ecclesiastico si faceva casa “non poteva” sfigurare davanti “agli altri”, quindi si limitava – ma nemmeno sempre – a farcire le rappresentazioni pagane di allegorie cristiane, come in fin dei conti si faceva, benché in altro modo, fin dai sarcofagi dei primi ricchi cristiani (che credono di vedere i turisti che vanno a sgranare gli occhi davanti alla Fontana di Trevi?). Ma gli strumenti dei belanti adulatori sono troppo grossi per arrivare a tanta distinzione: bene l’umanesimo, male le allegorie cristiane; malissimo Palazzo Spada, benissimo Fiat lux.
Ugualmente rozze sono le lenti del “kattoliko kollettivo”, che nell’ansia di mostrarsi duro e puro calpesta nell’inevitabile decadenza di oggi l’innegabile gloria di ieri, e col moralistico riferimento allo “schiaffo alla povertà” si fa grottesco imitatore delle contraddizioni dei suoi avversarî e dell’ipocrisia di Giuda, il quale era tanto roso dall’invidia che non seppe riconoscere nei sensuali ma castissimi gesti di una donna l’onore funebre che l’umanità tributava all’uomo-Dio morituro.
Che grilletti veloci (o piuttosto che tastiere fumanti) nel tirare in ballo il fumo di satana e satana stesso, la massoneria con tutti i suoi compassi, per uno spettacolino rinascimentale. E quale sfondo migliore, per una serie di slide che non fa menzione della storia della salvezza, della facciata di una chiesa su cui il nome di chi l’ha dedicata (Paolo V) confina in secondo piano, decentrato e abbreviato, quello di colui cui è dedicata (San Pietro)?
La massoneria e il diavolo esistono e operano, per carità, ma accusare la loro opera dietro a ogni sciocchezza smentisce la loro astuzia, che si suppone grandemente sottile, e al contempo denigra la nostra intelligenza. Le perplessità su quello che si legge in giro circa gli investimenti della World Bank – che ha offerto il mega-siparietto dell’Immacolata – ce le teniamo fino a prova contraria, perché altro è lottare per estinguere la povertà, altro è brigare per estinguere i poveri; in tal senso, e con un occhio alla storia (remota e recente), suggeriamo ai responsabili ecclesiastici di certe collaborazioni di non dimenticare che «il denaro è un ottimo servitore ma un pessimo padrone», e che «i Greci vanno temuti anche quando portano doni» perché con certi doni non è mai chiaro chi comanda e quali interessi vengono nutriti.
Ad esempio, tra le decine di articoli scritti ieri avremmo avuto piacere di leggere qualcuno che avesse saputo spiegarci che c’entrava lo spettacolino con il giubileo. Va bene l’enciclica, ma martedì erano altri due i punti all’ordine del giorno: che c’entravano le bertucce con l’Immacolata concezione o con la divina misericordia?
A noi piace pensare che lo sfarzoso carosello rinascimentale abbia voluto omaggiare la tipologia patristica dell’arca di Noè, immagine della Chiesa, che prima di introdurre tutte le creature alle rinnovate esigenze del patto con Dio salva il seme della nuova creazione senza escludere alcuna impurità. Ci piace pensare che la franchezza del confronto tra Cipriano e Cornelio (e dello scontro tra questi e Novaziano) trovi anche nella dialettica ecclesiale del momento presente dei validi epigoni. Francesco ne è all’altezza: ai punti 70 e 71 della Laudato sì si mostra consapevole di questi termini e c’è da sperare che potrà contribuire a una sintesi convincente di giudizio e misericordia. Dubitiamo invece che i cortigiani e i sicarî che lo circondano siano consapevoli della dinamica in corso e della posta in gioco. Restano due fatti: l’“ecologia integrale” del Papa non è “ambientalismo”; e la misericordia è roba che si fa, non una chiacchiera da social.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/12/2015
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco & Kirill: una nuova geopolitica ecumenica

Storico incontro con la firma di un importante documento condiviso: Europa e mondo, famiglia e matrimonio, vita umana dal concepimento alla morte naturale sono solo alcuni dei temi di un testo decisivo. E poi tra il Patriarca e il Papa c’è stato un fitto colloquio privato, di due ore. Trump e l’America (wasp e liberal) osservavano preoccupati da sopra l’isola caraibica. Forse facevano bene

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano