Chiesa

di Davide Vairani

Libero Stato in libera Chiesa

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

“Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”. Lo ha riaffermato con chiarezza Papa Francesco nel suo discorso al Tribunale della Rota Romana, nella tradizionale udienza di inizio anno proprio ieri per l’inaugurazione dell’Anno giudiziario.

“Il ministero del Tribunale Apostolico della Rota Romana – sottolinea il Papa all’inizio del suo intervento - è da sempre ausilio al Successore di Pietro, affinché la Chiesa, inscindibilmente connessa con la famiglia, continui a proclamare il disegno di Dio Creatore e Redentore sulla sacralità e bellezza dell’istituto familiare”.
E aggiunge: “Una missione sempre attuale, ma che acquista particolare rilevanza nel nostro tempo”.

Colpisce il fatto che Papa Francesco guardi ad un Tribunale (alla regola, alla legge) come un aiuto per se stesso a fare in modo che la Chiesa rimanga fedele nei secoli (“da sempre ausilio al Successore di Pietro” .. “continui a proclamare il Disegno di Dio”) ad una cosa in particolare: proclamare la sacralità e la bellezza dell’istituto familiare. Una missione quanto mai oggi attuale, che la Chiesa (cioè tutto il Corpo di Cristo, laici e consacrati) testimonia “inscindibilmente connessa con la famiglia”, con ciascuno di noi.

Colpisce, perché un incipit così non “buca” sul piano mediatico. Non si veste addosso all’immagine che tanti (troppi) vogliono vendere di Papa Francesco. L’uomo della Misericordia che fa queste dichiarazioni? Ma la Misericordia accoglie tutto e tutti e non fa distinzioni. La Misericordia non ha bisogno della regola, la Misericordia è “cuore”, “amore”, “bene”. La Misericordia esige che tutte le relazioni siano uguali, abbiano tutte la stessa dignità, gli stessi diritti e doveri, insomma.

“Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”.
D’altronde, un Papa cosa vuoi che dica in pubblico? Che le relazioni e le unioni sono tutte uguali?
“Non può farlo! Sta parlando ai cattolici..” direbbe qualcuno.

Papa Francesco vuole che la Chiesa sia oggi ciò che è sempre stata: “cattolica” (catholicon), cioè universale. Non nella potenza o nella forza: “universale” perché la ragione stessa della Chiesa è “universale”, cioè Cristo stesso. Per questo, Papa Francesco nel parlare ai “cattolici” parla delle ferite di tutta l’umanità. Alle ferite delle famiglie: perché la Chiesa sia sempre più attenta a ciascuna famiglia, alle povertà vecchie e nuove, alle minacce alla famiglia, per abbracciarle una ad una nel Disegno di Dio. La Chiesa non è che di Cristo.

E qual è il Disegno di Dio? “La Chiesa può mostrare l’indefettibile amore misericordioso di Dio verso le famiglie, in particolare quelle ferite dal peccato e dalle prove della vita, e insieme proclamare l’irrinunciabile verità del matrimonio secondo il disegno di Dio. Questo servizio è affidato primariamente al Papa e ai Vescovi. Nel percorso sinodale sul tema della famiglia, che il Signore ci ha concesso di realizzare nei due anni scorsi, abbiamo potuto compiere, in spirito e stile di effettiva collegialità, un approfondito discernimento sapienziale, grazie al quale la Chiesa ha – tra l’altro – indicato al mondo che non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”.

Dentro questa “logica della Misericordia di Dio”, un Tribunale come la Rota Romana (“Tribunale della famiglia e della verità del vincolo sacro, due aspetti complementari”) compie un servizio prezioso alla Chiesa e, dunque, all’umanità intera perché custodisce la strada, cioè la regola per restare in cammino con Cristo. “Quando la Chiesa, tramite il vostro servizio – sottolinea Papa Francesco -, si propone di dichiarare la verità sul matrimonio nel caso concreto, per il bene dei fedeli, al tempo stesso tiene sempre presente che quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita, vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa. La famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo, appartiene al “sogno” di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell’umanità”.

Il “sogno di Dio e della sua Chiesa” è il metodo che Cristo stesso ha usato: ti tengo sul mio cuore sempre. Anche quando sbagli, quando non riesci a vedere l’evidenza. O perché l’evidenza non la vuoi proprio vedere e seguire (“per libertà di scelta”) o a causa di “infelici circostanze della vita” che ti fanno stare nell’”oggettivo errore”.
Per egoismo.
E Papa Francesco in una nota a margine richiama un passo di Montini (da “Lettera pastorale all’arcidiocesi ambrosiana all’inizio della Quaresima del 1960”): “Le infelici circostanze della vita. Forse tutto questo flagello ha un nome estremamente generico, ma in questo caso tragicamente vero, ed è egoismo. Se l’egoismo governa il regno dell’amore umano, ch’è appunto la famiglia, lo avvilisce, lo intristisce, lo dissolve. L’arte di amare non è così facile come comunemente si crede. A insegnarla l’istinto non basta. La passione ancor meno. Il piacere neppure”.
Cosa ti insegna ad amara davvero? Una compagnia, un Incontro. Una compagnia di persone che hanno talmente coscienza della propria finitezza e fragilità da non vergognarsi di ammetterla. Una compagnia di persone che fa un sacco di sbagli, che “cammina a tentoni”. Con una certezza: che il desiderio di amore e di felicità infinita che ci portiamo nel fondo del nostro cuore non può essere un abbaglio, un miraggio.
“La famiglia e la Chiesa, su piani diversi, concorrono ad accompagnare l’essere umano verso il fine della sua esistenza”- prosegue Papa Francesco. La Chiesa non è che una lunga compagnia che da duemila anni cammina. “E lo fanno certamente (la Chiesa e la famiglia) con gli insegnamenti che trasmettono, ma anche con la loro stessa natura di comunità di amore e di vita. Infatti, se la famiglia si può ben dire “chiesa domestica”, alla Chiesa si applica giustamente il titolo di famiglia di Dio. Pertanto «lo “spirito famigliare” è una carta costituzionale per la Chiesa: così il cristianesimo deve apparire, e così deve essere. È scritto a chiare lettere: “Voi che un tempo eravate lontani – dice san Paolo – […] non siete più stranieri né ospiti, ma concittadini dei santi e familiari di Dio” (Ef 2,19). La Chiesa è e deve essere la famiglia di Dio”.

E una famiglia come fa ad andare avanti nella quotidianità? Si affida nella “corsa per afferarLo”, per usare le parole di San Paolo.
“E proprio perché è madre e maestra, la Chiesa sa che, tra i cristiani, alcuni hanno una fede forte, formata dalla carità, rafforzata dalla buona catechesi e nutrita dalla preghiera e dalla vita sacramentale, mentre altri hanno una fede debole, trascurata, non formata, poco educata, o dimenticata”.
“È bene ribadire con chiarezza che la qualità della fede non è condizione essenziale del consenso matrimoniale, che, secondo la dottrina di sempre, può essere minato solo a livello naturale (cfr CIC, can. 1055 § 1 e 2). Infatti, l’habitus fidei è infuso nel momento del Battesimo e continua ad avere influsso misterioso nell’anima, anche quando la fede non è stata sviluppata e psicologicamente sembra essere assente.
Non è raro che i nubendi, spinti al vero matrimonio dall’instinctus naturae, nel momento della celebrazione abbiano una coscienza limitata della pienezza del progetto di Dio, e solamente dopo, nella vita di famiglia, scoprano tutto ciò che Dio Creatore e Redentore ha stabilito per loro. Le mancanze della formazione nella fede e anche l’errore circa l’unità, l’indissolubilità e la dignità sacramentale del matrimonio viziano il consenso matrimoniale soltanto se determinano la volontà (cfr CIC, can. 1099). Proprio per questo gli errori che riguardano la sacramentalità del matrimonio devono essere valutati molto attentamente”.
L’essere umano è libero, libero di scegliere il bene o seguire l’istinto, ciò che gli passa per la testa in quel momento. Negare l’evidenza o abbracciarla è un atto di ragione, cioè di volontà. La visione dell’uomo che Papa Francesco riprende è quella di sempre della Chiesa. Ogni gesto dell’uomo è una scelta che implica la coscienza di ciò che si sta percorrendo. Per questo, l’uomo è libero anche di fare il proprio male, cioè di non volere vedere ciò che è chiaramente il proprio bene. Tutte le volte che l’uomo usa come bussola l’egoismo, cioè lo sguardo rattrappito su di sé, sceglie di negare l’evidenza. Sceglie di non seguire il bene.
“La Chiesa, con rinnovato senso di responsabilità continua a proporre il matrimonio, nei suoi elementi essenziali – prole, bene dei coniugi, unità, indissolubilità, sacramentalità –, non come un ideale per pochi, nonostante i moderni modelli centrati sull’effimero e sul transitorio, ma come una realtà che, nella grazia di Cristo, può essere vissuta da tutti i fedeli battezzati. E perciò, a maggior ragione, l’urgenza pastorale, che coinvolge tutte le strutture della Chiesa, spinge a convergere verso un comune intento ordinato alla preparazione adeguata al matrimonio, in una sorta di nuovo catecumenato - sottolineo questo: in una sorta di nuovo catecumenato - tanto auspicato da alcuni Padri Sinodali”.
Un nuovo “catecumenato”, cioè cammino verso, che per Papa Francesco sta saldo dentro la tradizione.
Non a caso nell’affermarlo cita in nota ancora un passaggio di Paolo VI nella medesima Lettera Pastorale del 1960 alla Chiesa ambrosiana: “Questa preparazione al matrimonio, noi pensiamo, sarà agevolata, se la formazione d’una famiglia sarà presentata alla gioventù, e se sarà compresa da chi intende fondare un proprio focolare come una vocazione, come una missione, come un grande dovere, che dà alla vita un altissimo scopo, e la riempie dei suoi doni e delle sue virtù. Né questa presentazione deforma o esagera la realtà”.
“Il tempo che viviamo è molto impegnativo sia per le famiglie, sia per noi pastori che siamo chiamati ad accompagnarle”, conclude il messaggio Papa Francesco.
I pastori, cioè i Vescovi, sono chiamati ad accompagnare le famiglie nel cammino di vita. Perché il “matrimonio, nei suoi elementi essenziali (prole, bene dei coniugi, unità, indissolubilità) non sia “un ideale per pochi, nonostante i moderni modelli centrati sull’effimero e sul transitorio, ma come una realtà”.

“Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”.
Così come non può esserci confusione sul compito - oggi più che mai – delle famiglie nella Chiesa.
E’ l’ora delle famiglie, è l’ora che le famiglie diventino protagoniste nella società. Che non stiano “sotto le sottane” dei Vescovi (“i Vescovi-pilota), che non attendano “ordini” dall’alto della gerarchia ecclesiastica, perché la vocazione delle famiglie è parte integrante dell’essere-Chiesa, cioè dell’essere “catholicon”, universale. E’ un servizio alla Chiesa tornare ad essere protagonisti. Non per un “ideale di perfezione” che la famiglia vuole arrogarsi su di sé come una supremazia “etico-morale”. Ma per una evidenza.

“Noi vescovi – evidenziava nei giorni scorsi Papa Francesco - abbiamo questa responsabilità di essere testimoni: testimoni che il Signore Gesù è vivo, che il Signore Gesù è risorto, che il Signore Gesù cammina con noi, che il Signore Gesù ci salva, che il Signore Gesù ha dato la sua vita per noi, che il Signore Gesù è la nostra speranza, che il Signore Gesù ci accoglie sempre e ci perdona. La testimonianza. La nostra vita dev’essere questo - precisa - una testimonianza. Una vera testimonianza della Resurrezione di Cristo”.
Ecco i due “mandati» dei pastori: “Il primo compito del vescovo è stare con Gesù nella preghiera. Il primo compito del vescovo non è fare piani pastorali… no, no! Pregare: questo è il primo compito. Il secondo compito è essere testimone, cioè predicare. Predicare la salvezza che il Signore Gesù ci ha portato”.

“Noi tutti sappiamo che i nostri vescovi italiani, tutti, insieme al loro presidente e al segretario generale, sono uniti e compatti nel difendere, promuovere e sostenere il patrimonio universale irripetibile che è la famiglia che è il luogo e il grembo della vita, la prima scuola di umanità, di relazioni, di dialogo. Sì, siamo profondamente uniti, insieme a tutto il popolo di Dio, per prenderci cura sempre più e sempre meglio della famiglia”. Sono le parole del Presidente della CEI, Card. Angelo Bagnasco, pronunciate qualche giorno prima nella cattedrale di San Lorenzo a Genova. Tutto ci paiono tranne in conflitto e in (peggio ancora) in contrapposizione alle parole di papa Francesco che abbiamo appena riportato.

Con buona pace di chi vuole vedere a tutti i costi ciò che non c’è: divisione. Uniti per e con la famiglia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/01/2016
2501/2020
Conversione di San Paolo apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Politica

Avete battuto il ddl Cirinnà

Come La Croce ha sempre spiegato mentre gli altri giornali facevano propaganda o incoraggiavano compromessi, il ddl sulle unioni civili è stato affondato dalla mobilitazione di piazza San Giovanni

Leggi tutto

Società

Fedez e J-AX, attenti al gorilla

Siamo dalle parti di Fabrizio De André che traduce George Brassens perché non gli piacevano le sentenze contra legem di alcuni giudici. Si intitola Attenti al gorilla. Ripassate i fondamentali del mestiere, comunisti col Rolex. State cantando nel coro recitando la parte più comoda con testi che vi scrivono altri. Il vostro insulto cialtrone è la prova che stiamo facendo bene, perché stiamo dall’altra parte della barricata rispetto alla vostra superficialità.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano