Politica

di Mario Adinolfi

Al Senato si vota il ddl Cirinnà senza coraggio della trasparenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALL’EDIZIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il Senato ha avviato le votazioni sul ddl Cirinnà, bocciando le eccezioni di costituzionalità e respingendo la sospensiva con proposta di rinvio in commissione del provvedimento. Il voto contrario a queste richieste sensatissime avvia le sei sedute di un’aula in cui, in modo surreale, si tenterà di dotare il Paese di una legge sul “matrimonio” omosessuale, mascherandola sotto la definizione “unioni civili”, si tenterà di legittimare la pratica dell’utero in affitto, mascherandola sotto l’espressione inglese “stepchild adoption”, si tenterà di approvare un ddl palesemente incostituzionale e arrivato in aula a Palazzo Madama saltando la discussione in commissione dunque anche in termini procedurali violando l’articolo 72 della Costituzione. In sostanza il Senato dovrà trasformare il falso in vero, attraverso una forzatura tutta ideologica che priverà i bambini del diritto civile ad avere una mamma e un papà, spacciando per mito di progresso e verità che i bambini possano nascere da due papà e da due mamme. In questo contesto, il voto iniziale che ha bocciato sospensive e eccezioni, era assolutamente prevedibile: nient’altro che il primo atto di una discussione parlamentare in cui nessuno ascolta nessuno, si procede per compartimenti stagni, la conta si fa per alzata di mano senza alcuna sorpresa possibile perché gli eserciti sono schierati in maniera ideologica.

E’ stato interessante ascoltare l’intervento introduttivo di Monica Cirinnà, dovrà essere stampato come modello di una parlamentare che vuole ingannare il popolo. Ha negato tutte le evidenze, persino che la “stepchild adoption” serva a legittimare la pratica di utero in affitto compiuta all’estero, o che la legge serva ad equiparare le unioni civili alla famiglia, come ipocritamente dichiarato con la cancellazione dei riferimenti all’articolo 29 della Costituzione e la bocca riempita (e la norma riscritta) con il riferimento all’articolo 2. La Cirinnà è stata puntualmente rimbeccata su tutti i punti da chi si oppone alla sua legge e mi ha colpito la nettezza di Francesco Nitto Palma, già magistrato, non solo per la chiarezza e precisione delle argomentazioni ma anche per il riferimento esplicito introduttivo alla pressioni operate da Francesca Pascale, fidanzata di Silvio Berlusconi e esponente della lobby Arcigay al lavoro per far tradire il mandato ricevuto dagli elettori da parte di senatori da sempre contrari al “matrimonio” gay.

Il clima è molto acceso fin da queste prime schermaglie in aula. L’idea dei proponenti è di arrivare al voto finale l’11 febbraio. La settimana prossima ci sarà il passaggio decisivo, quello sull’articolo 5 e la stepchild, dove ogni “incidente” equivarrebbe al naufragio della legge e i numeri corrono sul filo e il voto segreto farà il resto. Saranno giornate di tensione febbrile ma l’impressione che si facendo i cronisti affacciati nell’aula del Senato è di una colossale messa in scena, una recita, una burla ideologica. Invece il voto dei senatori sarà reale, determinante, incidente in termini enormi sul costume nazionale e sul concreto diritto dei bambini a non essere mai considerati oggetti di compravendita, delle donne a non veder violato il proprio corpo considerato come un “forno”, della maternità a non essere ridotta a bene di consumo commerciabile.

La discussione del Senato avviene mentre in Francia la conferenza internazionale contro l’utero in affitto riunisce femministe da tutto il mondo, molti esponenti di sinistra e semplici cittadini in un no gridato contro ogni pratica di “maternità surrogata”. In Francia si discute con schiettezza e dati alla mano della colossale tragedia che riduce centinaia di migliaia di donne in schiavitù. Al Senato italiano si fa la recita e la si fa all’italiana, come al solito, con il metodo della politica italiana: con i bizantinismi, i piccoli e grandi inganni, i trucchi linguistici. Politici imbroglioni parlano di “sogni” citano Aldo Moro e Nilde Iotti. Il buon Nitto Palma a un certo punto del dibattito è sbottato: “Fate i seri, proponete direttamente l’abolizione dell’articolo della legge 40 che vieta l’utero in affitto”.

Ma non sono seri. Il Senato è il luogo dove si sta svolgendo un gioco delle tre carte, dove negano pure l’evidenza, dove trasformano il falso in vero con la prepotenza dell’ideologia. La battaglia sarà lunga e difficile, non si ferma al Senato, ci sarà la Camera e ci sarà anche il passaggio al Quirinale dove Sergio Mattarella non potrà non rimarcare i colossali aspetti di incostituzionalità di questo raffazzonato ddl. Noi dobbiamo continuare a parlare al Paese, a informare e formare con lo spirito del Circo Massimo: la gioia che deriva dalla testimonianza della verità. E spiace aver letto il presidente dei senatori Pd, Luigi Zanda, lamentarsi e definire “sgradevole” chi in quella piazza ha promesso che ricorderemo chi dovesse varare una legge che viola il diritto dei bambini ad avere un papà e una mamma. L’Italia tutta se ne ricorderà, senatore Zanda. E se Matteo Renzi vuole fare il Partito della Nazione sa bene che senza la Nazione, quel partito non si fa. La democrazia, senatore Zanda, consegna a voi il potere di fare le leggi e anche in questi giorni di provare a farne una che trasforma il falso in vero e inganna il popolo. Al popolo a quel punto resta un solo bene: la memoria. Ce ne ricorderemo. Se toccherete il diritto dei bambini ad avere una mamma e un papà, non venite a chiederci mai più un voto. Mi impegnerò personalmente affinché sia tenuta memoria della violazione del patto primigenio che un legislatore dovrebbe stipulare moralmente con il cittadino di cui è rappresentante: non ingannarlo mai.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2016
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

La proposta di Costanza Miriano: separiamoci tutti

La protesta della scrittrice contro il ddl Cirinnà è una idea tutta da leggere, paradossale ma non troppo: un motivo in più per essere in piazza il 20 giugno

Leggi tutto

Politica

I sette atti da compiere per fermare il ddl Cirinnà

Il 26 gennaio arriverà in aula al Senato la legge sulle unioni civili gay che legittima persino la pratica dell’utero in affitto, ecco come dare battaglia

Leggi tutto

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Chiesa

Non perdetevi l’inizio del film

Qualche osservazione in merito alle divisioni nel mondo cattolico sulla manifestazione del 20 giugno a San Giovanni su gender e ddl Cirinnà

Leggi tutto

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano