Politica

di Mario Adinolfi

A Palazzo Madama ora hanno paura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALL’EDIZIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

C’è chi continua a scriverci: rassegnatevi, avete già perso, il ddl Cirinnà passerà, si sono già messi d’accordo. Ma noi siamo quelli del Circo Massimo, gente che ha viaggiato duemila chilometri facendo prendere freddo e perdere sonno ai bambini, pur di testimoniare la verità: è immaginabile che ci troviate rassegnati? Stiamo giocando una partita, la giochiamo fuori casa, gli avversari hanno segnato più di un gol: hanno tutti i giornali dalla loro parte, hanno tutti i conduttori radiofonici e televisivi dalla loro parte, hanno pure i politici dalla loro parte (191 senatori hanno votato contro le eccezioni di costituzionalità di una legge palesemente incostituzionale). Però la squadra irrisa e negletta del Family Day s’è messa a giocare, a tentare quella rimonta che pareva impossibile.

Ed ecco persino su Repubblica e Il Fatto spuntare il presidente della Società italiana di pediatria, Giovanni Corsello: “Vivere in una famiglia senza la figura materna o paterna potrebbe danneggiare il bambino”. Gol. Lo squadrone dei superbi e dei sicuri di sé si innervosisce. Serpentina improvvisa del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: “L’utero in affitto è ultraprostituzione”. Gol. Fa parte del governo, la Lorenzin. Agitazione massima del capitano avversario a Palazzo Chigi. Che osserva impotente il suo centravanti, Sergio Lo Giudice spiattellare in tv che la stepchild adoption serve a lui per legittimare in Italia la sua pratica di utero in affitto da centomila euro. Autogol. Si va negli spogliatoi, in un giorno gliene abbiamo fatti tre. Decidono che al Senato per questa settimana, non si vota più. Il patto tra Pd e M5S è a forte rischio e le votazioni sono tutte rinviate e non riprenderanno prima di mercoledì 10 febbraio. Adesso hanno paura. Quelli che pensavano d’aver già vinto adesso hanno tanti dubbi, tanta paura. E allora, con coraggio, pronti al secondo tempo?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/02/2016
1407/2020
San Camillo de Lellis

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Gender, la risposta è un popolo in piazza

Con una conferenza stampa è stata ufficialmente convocata la manifestazione del 20 giugno in piazza San Giovanni a Roma dal comitato “Difendiamo i nostri figli”

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

La proposta di Costanza Miriano: separiamoci tutti

La protesta della scrittrice contro il ddl Cirinnà è una idea tutta da leggere, paradossale ma non troppo: un motivo in più per essere in piazza il 20 giugno

Leggi tutto

Politica

Legittima difesa: una legge inutile e dannosa

In dirittura d’arrivo il voto finale della Camera dei deputati sulla legge che cambia la legittima difesa secondo le istanze portate avanti da Matteo Salvini. Ieri sono stati votati i primi 6 articoli, con l’assenza di 35
deputati pentastellati considerati in dissenso. Dopo il voto scontato di oggi il testo tornerà al Senato per l’approvazione definitiva, prevista per il prossimo 28 marzo, se non ci saranno sorprese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano