Politica

di Mario Adinolfi

A Palazzo Madama ora hanno paura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALL’EDIZIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

C’è chi continua a scriverci: rassegnatevi, avete già perso, il ddl Cirinnà passerà, si sono già messi d’accordo. Ma noi siamo quelli del Circo Massimo, gente che ha viaggiato duemila chilometri facendo prendere freddo e perdere sonno ai bambini, pur di testimoniare la verità: è immaginabile che ci troviate rassegnati? Stiamo giocando una partita, la giochiamo fuori casa, gli avversari hanno segnato più di un gol: hanno tutti i giornali dalla loro parte, hanno tutti i conduttori radiofonici e televisivi dalla loro parte, hanno pure i politici dalla loro parte (191 senatori hanno votato contro le eccezioni di costituzionalità di una legge palesemente incostituzionale). Però la squadra irrisa e negletta del Family Day s’è messa a giocare, a tentare quella rimonta che pareva impossibile.

Ed ecco persino su Repubblica e Il Fatto spuntare il presidente della Società italiana di pediatria, Giovanni Corsello: “Vivere in una famiglia senza la figura materna o paterna potrebbe danneggiare il bambino”. Gol. Lo squadrone dei superbi e dei sicuri di sé si innervosisce. Serpentina improvvisa del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: “L’utero in affitto è ultraprostituzione”. Gol. Fa parte del governo, la Lorenzin. Agitazione massima del capitano avversario a Palazzo Chigi. Che osserva impotente il suo centravanti, Sergio Lo Giudice spiattellare in tv che la stepchild adoption serve a lui per legittimare in Italia la sua pratica di utero in affitto da centomila euro. Autogol. Si va negli spogliatoi, in un giorno gliene abbiamo fatti tre. Decidono che al Senato per questa settimana, non si vota più. Il patto tra Pd e M5S è a forte rischio e le votazioni sono tutte rinviate e non riprenderanno prima di mercoledì 10 febbraio. Adesso hanno paura. Quelli che pensavano d’aver già vinto adesso hanno tanti dubbi, tanta paura. E allora, con coraggio, pronti al secondo tempo?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/02/2016
1412/2019
San Giovanni della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Per uomini che si caricano la loro fragilità

Questa è la lettera di un giovane scrittore cattolico con tendenze omosessuali. È indirizzata al popolo del Circo Massimo, a quel popolo racconta il dramma e le aspirazioni delle persone a nome delle quali parla. A quelle stesse fa appello perché non si lascino manovrare dalla grande operazione commerciale sottesa al mantra del “matrimonio” gay: il mercimonio dei bambini

Leggi tutto

Chiesa

La Cei e la catastrofe antropologica

La prolusione di Bagnasco passa in rassegna una serie di leggi e ddl che costituiscono una ferita mortale la famiglia. Che via d’uscita indica la Chiesa italiana?

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Storie

Perché il disegno di legge Cirinnà è inemendabile

Chi parla di possibili mediazioni sul ddl che istituisce di fatto il “matrimonio” gay e legittima anche la pratica dell’utero in affitto, tradisce piazza San Giovanni

Leggi tutto

Politica

Ddl Cirinnà, ora è una questione democratica

Nel fine settimana in cento piazze la protesta delle Sentinelle in piedi, osteggiate con violenza, contro la legge anticostituzionale sul matrimonio gay che legittima anche l’utero in affitto

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano