Politica

di Mario Adinolfi

Ringraziamenti, risposte, preghiere

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALL’EDIZIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La decisione di annunciare con Gianfranco Amato attraverso le colonne de La Croce la nascita del Popolo della Famiglia, di presentarne il logo, di indicare l’obiettivo elettorale posto alle amministrative prossime di primavera, per non disperdere e saper misurare anche in termini reali di consenso il valore della mobilitazione per il Family Day in poche ore ha alzato una vera e propria marea umana di reazioni. Bene, l’auspicavamo ma non era del tutto prevedibile questa attenzione a una mossa complessa e per alcuni inaspettata.

Il primo passaggio necessario è ora quello dei ringraziamenti. Quando una email appena creata (è [email protected] dove ci si può segnalare come sostenitori, firmatari, candidati delle liste PDF) riceve quasi cinquemila messaggi in dieci ore, vuol dire che è avvenuto davvero qualcosa di straordinario. Sorprendentemente nella valanga di affetto e disponibilità offerte alla causa, si è distinta una sola lettera di insulti (“fate vomitare” e altre piacevolezze). Abituati come siamo all’intensità e al numero di offese che quotidianamente da queste parti si ricevono, poter contare su cinquemila messaggi di sostenitori e una sola missiva volgare, è stato davvero una carezza all’anima. E allora grazie e continuate a scriverci e lo staff PDF vi contatterà uno per uno dopo aver inviato una risposta per completare le informazioni necessarie a costruire una mappatura di coloro che supportano il varo di liste del Popolo della Famiglia in ogni comune del Paese in cui a giugno si voterà. Un popolo si è davvero messo in cammino, gratuitamente, dopo aver chiesto insistentemente che qualcuno si assumesse la responsabilità di rompere un immobilismo forse persino comprensibile dopo lo choc per il voltafaccia dei senatori “cattolici” il 25 febbraio al Senato sul ddl Cirinnà trasformato in maxiemendamento governativo e votato con tanto di fiducia. Grazie a chi ha compreso la fatica della decisione e si è subito generosamente detto disponibile a dare una mano. Grazie anche ai tanti intellettuali, da Marcello Veneziani a Fabio Torriero a tanti docenti universitari che mi hanno contattato privatamente mettendosi a disposizione di un luogo di elaborazione “alta” per il PDF, di cui certamente ci sarà bisogno.

Dai ringraziamenti è necessario passare alle risposte. L’annuncio della nascita del Popolo della Famiglia, la sua intenzione di strutturarsi in movimento per la raccolta di consenso, ha provocato una dialettica che era anch’essa auspicata ma non del tutto prevista. Si va dall’Espresso sorpreso perché abbiamo chiesto “l’aiuto di Dio” fino a Tempi che con Luigi Amicone considera in sostanza errata la scelta di sottoporsi al giudizio degli elettori. A coloro che nel mondo del web chiameremmo semplicemente “haters” e che nel settimanale di De Benedetti trova un’espressione autorevole, rispondiamo che senza l’aiuto di Dio saremmo destinati al fallimento certo. Noi offriamo cinque pani e due pesci, poi chiediamo il miracolo. Alla presentazione delle liste mancano sessantotto giorni e davvero solo un miracolo può farci fare tutto e tutto bene. Ma allo stesso tempo, era necessario compiere quest’atto di fede. E qui c’è anche parte della risposta al mio stimatissimo collega Luigi Amicone, oltre che ad altri amici preoccupati con alcuni dei quali abbiamo condiviso un segmento di strada che ci ha portato insieme a piazza San Giovanni prima e al Circo Massimo poi. Non c’era più tempo. La settimana successiva al tradimento dei senatori “cattolici” sul maxiemendamento delle unioni civili è stata infarcito di Consiglio d’Europa che pretende 24 ore dopo che l’Italia si “allinei alle normative degli altri paesi che riconoscono le unioni omosessuali” con i relativi diritti di filiazione, un weekend passato ad avere al centro dell’agenda l’utero affittato da Nichi Vendola, il lunedì con la legge sulle “adozioni per tutti” di Boschi-Serracchiani, il martedì con l’iter parlamentare del divorzio lampo perché il divorzio breve già non basta più, il mercoledì con i titoli dei giornali sulla stepchild adoption incrociata garantita dal tribunale dei minori di Roma a una coppia lesbica e il giovedì con le commissioni Affari Sociali e Giustizia della Camera che incardinano la legge sull’eutanasia. Vi risparmio Saviano che chiede all’intergruppo parlamentare di supporto alle sue fissazioni di varare la legge sulla droga libera. Sette giorni. Una settimana dopo il cedimento di due leader “cattolici” sul ddl Cirinnà che è diventato il ddl Renzi-Alfano, ecco a che punto eravamo già arrivati. E allora, caro Amicone, è necessario che si sappia che alcune rendite di posizione ora non possono che andare in crisi. Che sui principi non negoziabili non si negozia, altrimenti si paga in termini politici. Il Popolo della Famiglia è il conto presentato a chi ha tradito. E l’inizio di un necessario percorso futuro, perché di futuro ora c’è disperato bisogno in questo dannato paese che muore anziché (ri)nascere e l’osservazione non è solo legata ai dati demografici (drammatici) forniti recentemente dall’Istat.

Dopo i ringraziamenti e le risposte, chiudo con le preghiere. A tutti, di alimentare il meno possibile un clima polemico, non serve a nessuno. Lo dico in primis a chi ci sostiene: andate al confronto con il sorriso e aperti al dialogo. Poi vi prego di pregare. Abbiamo avviato in tutta Italia, al fianco della mobilitazione per la costituzione delle liste, centri di preghiera che ci sostengano nella fatica e chiedano il necessario miracolo. Noi sappiamo di essere servi inutili, sappiamo di essere davanti a Golia e alla sua gigantesca armatura solo con un sasso e una fionda. Ma il sasso l’abbiamo scelto con cura e abbiamo qualche abilità nel mirare. Ora Dio guidi il nostro lancio, corregga la traiettoria o ci incenerisca all’istante se quel che stiamo facendo è male. Umilmente, cari fratelli e care sorelle, il Popolo della Famiglia è consegnato nelle vostre mani e alle vostre preghiere.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

04/03/2016
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Chiesa

Giacomo Morandi, nuovo segretario della CDF

Con il saluto al cardinal Müller, monsignor Ladaria è volato in vetta alla “Congregazione regina” della Curia Romana. Lasciando il vescovo spagnolo il suo posto di Segretario, il Sottosegretario è a sua volta asceso a coprire l’ufficio lasciato vacante dal nuovo Prefetto. Il prete modenese specializzato in teologia biblica e missiologia è l’espressione dell’indirizzo di Bergoglio per la CDF

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

La supercazzola chiamata PD

La Storia del PD dalla sua fondazione ad oggi. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano